Linkiesta: Gli stranieri trovano lavoro più degli italiani. Di chi è la colpa?

rassegna stampa

di GIANNI BALDUZZI (da linkiesta.it)- Sì, è vero, gli stranieri residenti nel nostro Paese hanno più lavoro degli italiani, e con la ripresa dell’economia la loro occupazione sta crescendo più di quella dei locali. È un dato che probabilmente è destinato a rinfocolare una guerra tra poveri in Italia, soprattutto visto che è proprio tra gli immigrati che possiedono un basso titolo di studio, e non tra i laureati, che aumentano le possibilità di lavoro. È quanto ci confermano gli ultimi dati ISTAT, che mostrano che dalla fine alla recessione ad oggi il tasso di occupazione dei cittadini stranieri residenti nel nostro Paese (59,7%) è cresciuto quasi di pari passo con quello degli italiani (56,92%).lavoro immi1

Dati ISTAT

Anzi, a dire il vero guardando solo all’aumento del tasso dal primo trimestre 2014, vi è stata una crescita, per gli stranieri, di poco superiore, di alcuni decimi.

lavoro immi2

Dati ISTAT

Si tratta di un dato importante soprattutto dal punto di vista qualitativo perché è un’inversione di tendenza rispetto al periodo della grande crisi, quando il lavoro degli extracomunitari è stato più falcidiato rispetto a quello degli italiani.

La statistica più significativa però è quella relativa ai dati assoluti. In breve la crescita del numero di occupati stranieri è stata del 8,5% a inizio 2017 rispetto al primo trimestre 2014, mentre quella di occupati italiani del 2,59%. Per essere ancora più chiari in confronto a tre anni fa ci sono circa 701 mila lavoratori in più, e di questi 514 mila sono italiani, e 187 mila stranieri, ovvero il 26,7% dei nuovi occupati è immigrato, una proporzione molto maggiore di quella presente globalmente nel nostro Paese, inferiore al 10%.

lavoro immi3

Dati ISTAT

lavoro immi4

Dati ISTAT

È questa la dimostrazione dell’”invasione”? No, al massimo è la dimostrazione delle condizioni strutturali della nostra economia, che ha necessità di un lavoro poco specializzato e qualificato, per non dire disponibile allo sfruttamento. Una domanda di lavoro che genera una competizione tra italiani e stranieri concentrata solo in alcuni settori, e per questo probabilmente ancora più pericolosa.
È quanto emerge chiaramente dai dati sull’aumento di occupazione per titolo di studio Ebbene, negli ultimi 3 anni tra gli italiani è stata massima la crescita del tasso di occupazione tra i laureati, +2,92%, mentre quello di chi aveva una licenza elementare o media è rimasto al palo. Esattamente l’opposto di quanto accaduto tra gli stranieri, tra cui è in ascesa più di tutte l’occupazione di chi ha la licenza media, +3,73%, mentre è solo del 0,39% la crescita di quella dei laureati.

lavoro immi5

Dati ISTAT

Così diventa sempre più ampia la differenza di occupazione tra chi ha lo stesso livello di istruzione. I laureati stranieri hanno sempre meno lavoro rispetto agli omologhi locali e gli italiani con la licenza media sempre meno rispetto a quelli con lo stesso titolo tra gli stranieri.

lavoro immi6

Dati ISTAT

Si crea una barriera crescente tra italiani e non italiani nel mercato del lavoro, che diventa ancora più segmentato e diviso. C’è un settore dei servizi o della manifattura ad alto valore aggiunto in cui i laureati italiani, e solo loro, negli ultimi anni stanno ricominciando a trovare lavoro, e c’è l’amplissimo campo dei lavori poco specializzati, nell’agricoltura, nella logistica, nella ristorazione, in cui in taluni casi lo straniero, più malleabile, è forse preferito.

segue su: http://www.linkiesta.it/it/article/2017/06/14/gli-stranieri-trovano-lavoro-piu-degli-italiani-si-e-la-colpa-e-delle-/34584/

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. mi sembra che si ripercorra lo stesso iter dei neri d’America, anzi USA… e forse il famoso jus soli ne è l’epigono… ma l’accelerazione forzata dei processi è una cosa da evitare per non trovarci a fare i conti con i problemi che una mancanza di integrazione reale ed assimilazione comporterebbe…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Per Il Corriere le Alpi sono Mediterranee. Non ce ne eravano accorti..!

Articolo successivo

Nicht Negrellihalle, sondern faschistische Denkmäler abreißen!/ Non distruggere la sala “Negrelli”, bensì i monumenti fascisti!