Limes: la Catalogna ha aperto il vaso di Pandora. Domino per Scozia, Paesi Baschi e…

limes

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di LUCIO CARACCIOLO  – La netta affermazione degli indipendentisti nel voto catalano apre la strada a una possibile rivoluzione geopolitica su scala europea.

Se davvero, come promesso, il fronte secessionista riuscisse entro 18 mesi a vincere le resistenze di Madrid, la Catalogna si troverebbe fuori contemporaneamente dalla Spagna, dall’Unione Europea e dall’Eurozona. Una scossa tellurica capace di ridisegnare equilibri e rapporti di forza anche al di là del nostro continente, dove i popoli delle “nazioni senza Stato” s’identificano con la causa catalana.

La straordinaria partecipazione al voto dà maggior tono al risultato. Ma il vero braccio di ferro comincia adesso. Il governo spagnolo, sostenuto dai partner europei – specie dai britannici, consapevoli che la questione scozzese è tutt’altro che chiusa – userà ogni mezzo legale per evitare il distacco di una grande e avanzata regione, che vale il 16% della popolazione e il 20% del pil nazionale. Ma non sarà facile minimizzare il senso di questo voto, paradossalmente irrobustito dalla strategia della paura con cui Madrid ha cercato di dissuadere gli elettori catalani dal premiare i fautori dell’indipendenza, evocando scenari catastrofici in caso di vittoria del cartello del “sì”.

Di più: il successo delle formazioni indipendentiste apre il vaso di Pandora delle autonomie spagnole. Già nel Paese Basco si reclama un referendum per scegliere se restare o meno sotto la corona di Spagna. Il voto catalano sembra dunque confermare l’apodittico verdetto dello scrittore Josep Benet: “La Spagna è una società anonima, liquidiamola”.

A questo appuntamento le maggiori forze politiche catalane si sono presentate unite, al di là delle opzioni politiche: i nazionalisti di destra della Convergenza democratica della Catalogna insieme agli indipendentisti della Sinistra repubblicana. Per ben marcare che questo voto anticipato, voluto dal presidente del governo catalano Artur Mas, non era affatto una normale elezione regionale ma “il voto della vita”, il surrogato di un referendum separatista che Madrid, fondandosi sulla vigente costituzione, considera impossibile.

L’intransigenza anti-separatista del potere centrale, in particolare dell’ormai debolissimo capo del governo Mariano Rajoy, era e resta assoluta, mentre il movimento di sinistra radicale Podemos, che sfiderà l’establishment spagnolo nelle elezioni nazionali di fine anno, è aperto all’ipotesi di un referendum catalano.

Quanto all’Unione Europea, i trattati non prevedono l’eventualità di una secessione interna a uno Stato membro. Ma un portavoce della Commissione ha confermato che la Catalogna indipendente si metterebbe automaticamente fuori dallo spazio comunitario.

L’indipendentismo catalano ha una lunga storia, incentivata in età moderna dalla sua borghesia industriale – refrattaria al tallone di Madrid – poi esasperata sotto la morsa non dimenticata del franchismo, quando esprimersi in catalano era reato.

La rivendicazione di sovranità mobilita presunti diritti storici, come sempre nel caso di territori che si vorrebbero nazioni mentre sono classificati regioni dal potere centrale. I patrioti catalanisti amano richiamarsi a un loro proto-Stato, sorto nel 987 quando il conte di Barcellona rifiutò di assoggettarsi al re di Francia Ugo Capeto. E ricordano che, dopo la quattrocentesca integrazione nella monarchia spagnola, nella loro terra, dotata di un governo proprio (Generalitat), vigeva ancora nel Settecento l’uso della lingua catalana. Il principato originario disponeva di frontiere non troppo dissimili da quelle dell’attuale regione autonoma incardinata nel Regno di Spagna, anche se i più radicali fra i nazionalisti considerano proprie anche le terre catalane contermini in Francia, nel Roussillon (il dipartimento dei Pirenei orientali), come pure le Baleari, la Frangia d’Aragona e la Comunità Valenzana.

Oltre ai fattori storico-identitari, nelle tentazioni separatiste catalane giocano calcoli economici. Secondo i sostenitori dell’indipendenza la Catalogna, terra relativamente ricca nel contesto spagnolo, potrebbe contare su notevoli vantaggi ove disponesse di una fiscalità propria. Per costoro, lo spettro di una fuga di capitali da un’eventuale Catalogna indipendente sarebbe solo propaganda castigliana.

Vettore fondamentale nel mondo dell’identità catalana è stata negli ultimi anni la squadra di calcio del Barcellona: “més que un club”, catalano per “più di un club”, recita il suo motto. La sua rivalità con il Real Madrid non è puramente calcistica, ma anche geopolitica, come testimoniano anche le pubbliche simpatie espresse da dirigenti e giocatori del Barça per il distacco dalla Spagna. La minaccia del presidente della Lega calcio spagnola di espellere il Barcellona dal campionato in caso di secessione non ha prodotto gli effetti sperati sull’orientamento degli elettori.

Quale che sia il percorso della disputa catalano-castigliana e del tentativo di Barcellona di emanciparsi da Madrid, possiamo star certi che il caso non verrà facilmente chiuso ma continuerà a scaldare gli spagnoli d’ogni orientamento politico, sperando che non traligni in violenza. Soprattutto, sarà tenuto d’occhio dai vari movimenti indipendentisti, dalla Scozia alle Fiandre per tacere dei“padani” di casa nostra, consapevoli che la loro causa è strettamente legata alle fortune di quella catalana.

 

Articolo pubblicato su la Repubblica il 28/9/2015 e Limes.com

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment