Liguria, prosegue attività procura su politici. Rixi ora indagato per spese anche da consigliere comunale

soldi ai partiti
La procura indaga sulle spese dei 15 consiglieri comunali della passata amministrazione guidata da Marco Doria e attuali, su cui gia' la Corte dei Conti aveva aperto una inchiesta per danno erariale. E nelle prossime ore molti di loro potrebbero essere iscritti nel registro degli indagati e ricevere un avviso a comparire. Il pubblico ministero Massimo Terrile ha aperto un fascicolo per truffa allo Stato e indebita percezione di erogazioni. A molti dei politici vengono contestate cifre che non superano i 30 euro: per loro, nel caso in cui venissero iscritti, la procura potrebbe successivamente chiedere l'archiviazione per particolare tenuita' del fatto. 

La magistratura contabile ha indagato l'ex viceministro della Lega Edoardo Rixi (condannato a fine maggio a 3 anni e 5 mesi per le spese pazze quando era consigliere regionale) consigliere comunale fino al 2015 e l'attuale vicesindaco Stefano Balleari. Tra i consiglieri della passata legislatura che sono anche
oggi a Palazzo Tursi figurano l'attuale vice sindaco Stefano Balleari (Fratelli d'Italia), Lilli Lauro (Forza Italia), Francesco De Benedictis (Direzione Italia), Pietro Salemi (Lista Crivello, gia' Lista Musso). Tra i 15 nomi anche quello dell'ex senatore ed ex capogruppo della Lista Musso, Enrico Musso. E, ancora, tra gli indagati figurano anche Simone Farello (Pd), Alessio Piana (Lega), Antonio Bruno (Federazione della Sinistra), Stefano Anzalone (Forza Italia), Gian Piero Pastorino (ex Sel), Alfonso Gioia (Lista Musso). Enrico Pignone (Lista Doria), Andrea Boccaccio (ex 5 Stelle) e Barbara Comparini (Lista Doria). Le spese improprie ancora da giustificare secondo la Corte dei Conti riguardano libri, schede e ricariche telefoniche, cuffiette acustiche e 'pen drive'.
Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment