Liguria, 25 ex consiglieri regionali a giudizio per le “spese pazze”

di REDAZIONEliguria

Sono 25 gli ex consiglieri regionali della Liguria (tre dei quali in carica anche nell’attuale legislatura) per i quali e’ stato chiesto il rinvio a giudizio nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte ‘spese pazze’ sostenute tra gli anni 2010 e 2012. I reati ascritti sono, a vario titolo, per falso e peculato. Secondo il magistrato titolare dell’indagine, il pm Francesco Pinto, i 25 indagati avrebbero utilizzato a fini personali i fondi pubblici destinati invece alle spese per il gruppo consiliare. I tre consiglieri attualmente in carica sono: il presidente del Consiglio regionale, Francesco Bruzzone (Lega Nord), il consigliere Edoardo Rixi (Lega Nord), anche assessore allo Sviluppo Economico, e Matteo Rosso, oggi capogruppo di Fratelli d’Italia (ex Popolo della Libertà).

Tra gli indagati figuravano anche l’ex assessore Renzo Guccinelli (Pd) e il consigliere di Forza Italia Marco Scajola, oggi assessore all’urbanistica, ma per loro il pm ha chiesto l’archiviazione. Sulle spese dei consiglieri regionali si era espressa anche la Corte dei Conti, che aveva chiesto ai gruppi del Consiglio regionale della Liguria di chiarire spese per alcune centinaia di migliaia di euro fatte nel corso del 2012 e aveva poi stabilito che non erano giustificate spese per 400 mila euro. Ma nei giorni scorsi la Corte costituzionale aveva stabilito che la Corte dei Conti regionale non aveva titolo per controllare le spese dei gruppi consiliari della Regione per l’esercizio 2012, accogliendo così il ricorso depositato dalla Regione Liguria nel 2014. La Consulta aveva stabilito che “non spettava alla Corte dei Conti adottare la deliberazione con cui si e’ esercitato il controllo sui gruppi in relazione al 2012”.

.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment