Liga Veneta: 35 espulsioni. E Tosi scappa scortato dai carabinieri

di GIANLUCA MARCHI

Posson ben dire che tutto è a posto e tutto va bene madama la marchesa. Ma nella Lega le cose van diversamente e lo si è visto stamane a Noventa Padovana in occasione del Consiglio nazionale della Liga Veneta. Era prevedibile che il baricentro dello scontro interno si spostasse dalla Lombardia al Veneto e così è stato, perché proprio in Veneto la Lega da mesi vive la sua fas epiù nervosa, diciamo da subito dopo che Flavio Tosi ha vinto il congresso nazionale battendo ma non stracciando Massimo Bitonci, oggi capogruppo al Senato.

E proprio Tosi in Consiglio, secondo i racconti dei presenti, ha assunto un atteggiamento militaresco proponendo l’espulsione di 35 militanti, fra cui l’ex deputata Goisis e Furlanetto. Il segretario era stato accolto  da circa 150 sostenitori lighisti che si erano radunati imbavagliati fuori dalla sede del movimento, gli stessi che avevano invece applaudito all’arrivo del governatore Luca Zaia (nella foto del quotidiano il Mattino) e dello stesso Bitonci. Alla fine dellla riunione, quando s’è saputo del provvedimento di espulsione, sono scoppiati tafferugli e il deputato veronese Matteo Bragantini ha colpito con un pugno l’ex segretario di Venezia, commissariato, Paolo Pizzolato, che è stato portato in ospedale.

Zaia ha lasciato la riunione scuro in volto: “In consiglio pur non avendo diritto di voto ma come ospite in qualita’, di governatore del Veneto, ho fatto presente che c’era tutta una gradualita’ di opzioni: dal richiamo, alla lettera, fino all’espulsione. Ho invitato il Consiglio ad accogliere questa mia proposta ma non e’ stata accolta. Mi spiace che non si trovi il modo di essere uniti, ma con i provvedimenti disciplinari come questi sarà difficile trovarlo. Noi- ha concluso Zaia- comunque continuiamo a fare i leghisti e a combattere”.

La realtà è che in Veneto non è in atto tanto la guerra fra maroniani e bossiani, quanto la battaglia di Tosi e dei suoi uomini contro i cosiddetti “lealisti”, che sono schierati con il governatore Zaia. Lealisti che chiedono si ponga la questione morale dentro la Liga, dove vengono buttati fuori coloro che esprimono dissenso, mentre si stenderebbe un velo su altri comportamenti ben più condannabili.

Resta il fatto che la tensione è alle stelle. E mentre Zaia ha lasciato Padova fra gli applausi, Tosi è stato scortato dalle forze dell’ordine fuori dal Consiglio nazionale per timore di reazione dei manifestanti.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

69 Comments

  1. Umberto Mossi & Roby Taroni says:

    Secondo me fin dall’inizio Bossi e Maroni erano dei servizi.
    E’ tecnicamente impossibile fare tutti i danni che son riusciti a fare. Han deragliato il secessionismo, han sputtanato il Nord, han fatto perdere 30 anni a tanta brava gente ingenua che li seguiva, e poi su mafia-ndrangheta e tanzania non mi esprimo, che è meglio.
    Non basta l’incompetenza per fare tutto ciò, ci vuole la pianificazione.
    Se non sono dei servizi, sono i re della truffa.
    Bossi e Maroni: menti diaboliche.
    Sataniche.

    Che vadano a fare in…

  2. BRAVEHEART says:

    BOSSIANI…MARONIANI…..TUTTA CASTA DI VIA BELLERIO CON CULI GROSSI PER TANTE POLTRONE….E PANCIA PIENA DI ABBACCHIO ROMANO…BASTA PER IL BENE DEI PADANI CACCIAMOLI TUTTI…BASTA LEGGA NODDE ….AL SERVIZIO DI BERLUSKAISER…

  3. Gianmarco says:

    TOSI E’ UNA CREATURA PARTORITA DA CARABINIERI E MAGISTRATURA (con beneplacito della CIA) PER INFILTRARE LA LEGA ALLO SCOPO DI NEUTRALIZZARLA, CIOE’ CONTROLLARLA ( facendola diventare un partito italiota) OPPURE DISTRUGGERLA.

    Siccome non sará in grado di trasformarla in partito italiota, la Lega sará distrutta, ovvero il suo consenso finirà al 1%

    • luigi bandiera says:

      Gianmarco,

      qualsiasi movimento o squadra o quel che si vuole che vada contro il DOGMA dell’una e indivisibile sara’ pian piano, per non dare sospetti di tirannia, COMBATTUTO e DISTRUTTO.

      Me lo sono visto io facendo un sindacato autonomo. Te li mettono tutti contro..!

      Tutto vissuto e non sognato o inventato.

      Preghiamo

    • fabio ghidotti says:

      che cavolo c’entra la CIA?

  4. luigi bandiera says:

    I TROPPI INFILTRATI O INVASORI NELLA LEGA HANNO PORTATO LA STESSA DA 36 e piu’ % a quasi ZERO ASSOLUTO.

    Quando lo scrivevo, lo dicevo, ero visto come un MARZIANO e quindi oggetto di isolamento.

    Me ne combinarono tante che lasciai.

    E con me molti altri..!!

    Il tutto va letto in questo modo:

    la politika itagliana ha i suoi militanti e di DX e di SX e di CENTRO.

    TUTTI QUESTI TRIKOGLIONITI, MOLTI PAGATI MOLTO BENE, SONO CONTRO DI CHI VUOL RIFARE TUTTO DA CAPO.

    Io li ho sempre segnalati un po’ metaforikamente ma in pratika e’ tutto vero. Se rikordate li ho sempre chiamati kosi’:

    BRIGANTI, RAPINATORI E MANTENUTI… ovviamente di ogni ordine e grado; di ogni KASTA.

    Ho visto ke ho sparato le mie al vento o gridato in mezzo ad un bosco se non nel deserto lunare.

    I trikoglioni fanno riccio… e invocano il DIO TRIKOLORE e il DOGMA dell’UNA E INIVISIBILE PER FERMARE QUALSIASI UOMO LIBERO NEL PENSIERO.

    L’INNOMINATO HA TRASMESSO QUESTA SUA VOLONTA’:

    IL DIVORZIO NON S’HA DA FARE..!

    Quindi e’ inutile gridare ai quattro venti che qua che la’…

    La liga/lega non fa nulla di leghista… basterebbe ad esempio, I CARTELLI STRADALI E TOPONOMASTI BI LINGUA. Come avviene in tutte le regioni autonome.
    Almeno per segnare, come fa il kane o il gatto, kon la pipi’, il proprio territorio.

    NIET, KAX..!

    Poi la lingua nelle SCUOLE o KST talibane appunto.

    LA STORIA NOSTRANA…

    Magari sponsorizzare FILMS NOSTRANI CHE SONO CONTINENTALI (con doppiaggi NOSTRANI) E NON SEMPRE QUELLI MERDITERRANEI..!! DOPPIATI IN SICULO ANCHE SE SIAMO A QUARTO D’ALTINO..!

    Vediamo MARONI cosa fara’… e ZAIA..?? Muraro..??

    E TOSI..??

    E insomma dire di aver in mano politicamente tanti comuni e tante province e tante regioni continuando a fare gli itagliani o meglio i TALIBANI senza che si veda niente di LEGHISTA o LEGHISMO VERO, fa strisciare per terra i nostri ormai miseri TOTANI..!

    Impariamo dagli inglesi, i piu’ furbi della storia.
    Dove arrivavano loro dopo poco si parlava inglese o quasi.
    Si vedevano cartelli di ogni tipo e indice scritti in inglese.

    E loro si tennero la loro lingua mentre gli altri la loro la perdevano.

    Noi stiamo perdendo la nostra… ma perché siamo scemi, tonti o mone..??
    O perché della nostra storia millenaria non ce ne frega nulla perché i trikojoniti ci hanno UBRIAKATO in Kantina Sociale Talibana..?? (KST).

    Di tutto cio’ non si discute… ovvio, gli infiltrati e gli INVASORI lavorano per il loro padrone o stato che non e’ certamente per l’INIPENDENZA DELLA PADANIA. Del VENETO POI… men ke meno..!!

    Non ci rimane che o pregare o piangere.

    Scegliete voi…

  5. Ferruccio says:

    Quando la Lega Nord darà i suoi voti per eleggere alla presidenza della repubblica italiota la Sig.a siciliana Finocchiaro capirete veramente dove vogliono arrivare il BobyTaroni e la sua banda di LANZICHENECCHI…….

  6. Bepe says:

    Arriva il momento in cui bisogna eliminare i virus o scaricare le scorie.

  7. luigi bandiera says:

    Insomma, di lighista/leghista non si vede ancora nulla..!!

    Solo tante stronx itagliane…

    e allora cantiamo in coro:

    Niente di nuovo
    Tranne l’affitto per me… (Zucchero)

  8. paolo bampo says:

    Quando la caccia alle streghe ti porta a cercare i nemici in famiglia, invece di guardare oltre la finestra di casa, forse è giunto il momento di fare una pausa. Fermarsi e riflettere. Capire ed agire. Nel passato della Lega ci sono state la Dieta di Mantova e le prime riunioni del Parlamento di Mantova. Lì la lega aveva fatto ragionamenti e stragtegie politiche e non fratricide. Poi il narcisismo di qualcuno e la presunzioni di molti ha portato il Carroccio alla deriva morale ed etica, alle baruffe ed alle vendette.

    • piemunt says:

      Il sindaco fascitalione che arruola i suoi cammarati per picchiare i militanti indipendentisti a Pontida si pare uno di famiglia?
      Non della mia.

  9. Domenico Galluzzo says:

    Come volevasi dimostrare. Ma un segretario che perde i 2/3 dei voti non sente il dovere di dimettersi? Sulla lega e meglio stendere un velo pietoso. O piuttosto metterci una pietra sopra. Tombale

    • Miki says:

      Ah no! Il consiglio federale ispirato a Kim-Jong-Il, ha respinto le dimissioni all’UNANIMITAH’! Si va avanti.

    • piemunt says:

      Stesso discorso per il Piemonte che sotto la Presidenza di Borghezio si è ritrovato dove è adesso. Stesso discorso su Milano dove dopo la vittoria di Pisapia il famoso Iezzi si è guardato bene dal dimettersi. Stesso discorso sulla Lombardia dove Salvini è al suo posto come Tosi dopo la sconfitta delle politiche. Questi non mollano l’osso e comunque cadono sempre in piedi. L’unica è smettere di votarli (e stando agli ultimi sondaggi molti lo hanno capito)

      • eugenio ceroni says:

        Stessa roba in Liguria dove si è arrivati al 2% e nessuno dei dirigenti che insieme, con il massimo impegno di anni hanno ridotto la Lega al minimo,ha mai pensato di rassegnare le dimissioni

    • eugenio ceroni says:

      Caro Domenico
      Con due righe hai fatto il punto della situazione.Tutto il resto è aria fritta.Ovviamente ognuno può perdere il tempo come vuole

  10. Rtg says:

    Tutto questo succede per colpa di Maroni.
    Doveva essere risolutivo sin dall’inizio
    della sua avventura come leader.
    Sbirulino e gli altri della sua combriccola
    andavano espulsi prima delle elezioni,
    per dare agli elettori dimostrazione della volontà
    di cambiamento.
    E’ come una infezione, se non la curi si espande,
    poi, se vuoi salvarti, devi tagliare. Amen.

    • piemunt says:

      Si peccato che Sbirulino e Bobolo siano infetti allo stesso modo. Con la differenza che il primo almeno ha avuto carisma in passato, oltre a un collo.

  11. Maurizio says:

    Alla fine è arrivato il conto; Tosi non è leghista, non lo è mai stato. E adesso l’estrema destra ha il controllo della lega in Veneto. Anche se la partita vera è disinnescare l’autonomia.

    • piemunt says:

      Perchè in Lombardiae Piemonte la situazione è molto diversa?
      La Lega in pochi anni è stata “ripulita” dai leghisti.

  12. Marco Mercanzin says:

    Era tutto marcio dall’inizio.
    La liga, Rocchetta e il finto divorzio con sua moglie, perché non potevano esserci parenti nel direttivo, le baruffe con Tramarin, la svendita delle liga alla lega, commissariamenti ed espulsioni già nel 92, etc etc.
    E poi ancora il ripetersi della storia : un veronese ( vedi Comencini) che riparte con le espulsioni, e Bossi da dietro che soffia sul fuoco, fa fare il lavoro agli altri, e poi scarica anche quelli: qualcuno si ricorda il congresso di Bassano del 98 ?
    Tutto uguale, un copione già scritto, e i militonti in buona fede, che continuano a farsi usare dai vari caregari di turno.
    E le vere battaglie abbandonate in nome di lotte interne.
    Ma quando vi sveglierete ??

    • Miki says:

      Abbiamo bisogno di un leader come lei che illumini il gregge..

      • Marco Mercanzin says:

        Illuminare ?? No grazie.
        Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere.
        Per me potete continuare a farvi inchiappettare fino alla morte, per me non cambia nulla.
        Basta che non ve la prendiate con gli altri, ciucciatevi i vostri leader e la loro politica italiota, tutti, da Maroni a Bossi, passando per Salvini e Cota e non lamentatevi.
        Tanto ci sarà sempre un altro slogan, un altro obiettivo, per un paio d’anni, pronto a giustificare l’ingiustificabile, tanto per continuare a garantire careghe ai soliti.

        Dai su, militonti, che ci sono manifesti da attaccare , gazebo da fare, volantinaggi, comizi, serate in sezione……
        Forza, zitti e pedalare, che i loro culi non possono stare senza sedia !!!!

  13. Arcadico says:

    Dopo 25 anni manco le fondamenta e manco i fondamentali! E’ inutile recriminare oggi!
    I risultati di 9 anni di incubazione dalla malattia di Umberto si toccano con mano oggi!

    Meno male che fra un mese ci saranno le amministrative!

    Se anche lì i dirigenti non vorranno ancora capire non rimarrà loro che cercare riparo sotto altri simboli!

    Intanto si continui pure ad usare lo Statuto come clava!!

    Clava oggi e clava domani vefremo le percentuali da prefisso telefonico che si otterrà alle prossime elezioni!!!

    Troppi … sepolcri imbiancati!!!

    • Miki says:

      Nel 2008 la malattia era già avvenuta da un pezzo; eppure proprio con Bossi la Ln era ancora ai massimi, con tanto di Giannelli che pubblicava la vignetta di berlusconi in uno sgabuzzino ostaggio delle brigate “Padane”. Quindi la malattia non può essere l’alibi,smettiamo di tirarla fuori per fare “dotte analisi” prive di fondamenta.

    • piemunt says:

      Si sempre meno ma a loro va bene cosi perchè almeno quei pochi voti riescono a controllarli e a indirizzarli per mantenersi a roma o in europa o in qualche consiglio regionale.
      E’ gente che senza la politica non saprebbe fare nemmeno il posteggiatore.

  14. Trasea Peto says:

    Quando si mettono insieme modi di pensare troppo diversi tra loro l’unica maniera per tenere tutto insieme è avere un indiscusso capo supremo. Mussolini è riuscito a diventare il punto di riferimento per un insieme di popoli e di mentalità diversissime tra loro, a volte anche agli antipodi, Bossi più o meno ha fatto lo stesso con la differenza che Mussolini è stato più coerente del senatur che italianizzando la sua creatura politica ha tradito i suoi stessi slogan degli albori leghisti.

    • fabio ghidotti says:

      è vero che Bossi ha tradito (l’ho già scritto e qualcuno mi ha bacchettato).
      Ma la colpa principale non è sua. E’ di chi si è infiltrato per ragioni estranee a quelle della Lega originaria. Caro amico veneto, il problema non è tenere insieme “mentalità diversissime”, ma interessi contrapposti.
      Requiem.

  15. zampieri marco says:

    mi sono autoespulso dal movimento da tempo , è da anni che la mia ex sezione di appartenenza denuncia le cose che stanno avvenendo adesso. Buona fortuna Lega nord e che lo stellone tii protegga sempre

  16. Federico says:

    Tosi è un vero politico italiano. Conosce solo la logica del potere.

    • Tito Livio says:

      Invece Bossi, Maroni e Co sono degli autentici padani….

      • Miki says:

        Bossi è un autentico secessionista. E mi basta.

        • Romolo says:

          Lo statuto che consente a Tosi/Maroni di spadroneggiare sul partito è lo stesso, stalinista, che ha consentito a Bossi di fare lo stesso per 20 anni.
          La differenza è che lui non ha mai avuto una opposizione interna.
          Semmai bossi e i suoi leccaculo sono stati cosi fessi da consegnare il partito ai ladroni senza preoccuparsi di modificare lo statuto per renderlo più “democratico” prima di perdere il controllo!!

  17. Lucky says:

    La lega nord veneta era l’unica salvezza per i Veneti ma ha avuto molti nemici a partire da tutti i capi e capetti di quei partitini venetisti rancorosi e invidiosi che sognano un impossibile ritorno della repubblica veneta, morta e defunta per sua colpa ormai da più due secoli. Ora sono arrivati anche i fascio democristiani che si fingono leghisti ma che in realtà hanno il simbolo del dio denaro al posto delle pupille e sognano di fare affari usando i metodi della mafia, magari una mafia bianca ma ancora più subdola e davastante

    • Tito Livio says:

      Ah si era la nostra unica salvezza? sono sempre stati schiavi dei lombardi bossiani che hanno utilizzato il Veneto solo come riserva di voti per Roma ladrona! ma certo caro…e gli asini volano.

  18. piemunt says:

    Ma chi sarebbero gli ex fascisti. Quelli Che cercano d riconquistare una dignita o quelli Che facevano la benzina con I soldii delle sezioni e che si laureavano a Tirana? Se Nn so capisce Che il peccato originale fu il cerchio magico e inutile parlarsi addosso. Lontani da Roma e piu vicini all Europa si diceva tempo fa. Chi e stato a Roma stia a casa e si fermi x il bene della! A Roma vi siete romanizzati!

    • fabio ghidotti says:

      il peccato originale non è stato il cerchio magico. Quello è arrivato dopo, approfittando di una situazione che non aveva creato lui.
      Requiem.

    • elio says:

      hey piemuunt, non l’hai saputo che che la storia della laurea e della benz erano delle bufale napoletane? ora che lo sai cambia registro e cerca qualcosa di meglio

  19. Parla come Mangi says:

    Che fine ingloriosa. Più che sconfitti dai nemici sono vittime dei loro capi.
    Aveva ragione Bossi anni fa quando ha detto che gli ex-fascisti intrufolatisi nella lega la avrebbero portata alla fine e ora si sta verificando.

    • fabio ghidotti says:

      è vero. Peccato che l’intrufolarsi degli ex-fascisti sia stato favorito dal progressivo scivolamento della Lega su posizioni visceralmente ostili alla sinistra, per motivi ideologici che non facevano parte del DNA iniziale della Lega.
      Requiem.

    • piemunt says:

      A torino e Milano la situazione non è diversa che a Verona.

  20. Tito Livio says:

    Che goduria veder sfaldarsi la più grande sventura che potesse capitare ai veneti negli ultimi 20 anni! CIAO LEGA!
    W il Veneto!

  21. Tito Livio says:

    Veneto is NOT padania!

  22. piemunt says:

    Bravo.dovremmo imparare da Voi. UN conto e criticare nelle sexioni e un conto e farlo a pontida. Rifondatevi la vostra liga veneta…la lega Deve rimanere una. Adesso aiutatrci a far fuori Cota. Altro cadregaro. W Tosi e Zaia !

  23. Garbin says:

    A essere espulso dovrebbe essere Tosi, uomo di destra fuori posto in lega, che non ha mai parlato di autonomie o secessioni, ma solo di tricolore e fesserie varie.

    • renzo says:

      Sono d’accordissimo con il fatto che Tosi non abbia mai parlato di autonomia e di secessione, e anzi si sia sempre riempito con gioia di fasce tricolorute. Delle volte penso veramente che abbia sbagliato partito avendo comportamenti più democristiani che altro. Poi c’è la questione espulsioni. Penso che con la gestione Bossi o chi per lui( cerchio magico) non si poteva più continuare, e che quindi molti dei mali attuali vengano da li. Le epurazioni di massa non mi sono mai piaciute ed in veneto soprattutto ormai ci sono più commissari che segretari.Torno a ripetere che IL NEMICO E’ ROMA .Andiamo avanti così e ci resterà solo la soddisfazione di scrivere 4 righe pro autonomia,pro secessione, ecc……e di insultarci fra leghisti , ex leghisti, indipendentisti,ecc.. BELLA FINE

  24. Franco says:

    tosi ha avuto la maggioranza solo per mandare a casa bossi e ora è tornato a essere minoranza e se vuole essere maggiornaza deve espellere almeno la metà dei leghisti veneti- tosi è appoggiato solo dai cadregari che dispensano favori, sulla carta, a destra e a manca, uno schifo

  25. Tuder says:

    Libertà, libertà e poi chiamano i carabinieri ha ah ah ha ah

  26. luigi bandiera says:

    Brutto periodo il nostro. Era molto meglio quando qua imperversavano i soldati di Hitler e poi di Patton… per citare un generale.
    Si distinguevano bene i nemici.
    Poi arrivarono i partigiani e di DX e di SX e di CENTRO (gli attuali komunisti) e i NEMICI ci sono ancora ma non li si distingue piu’.

    Prova e’ che a governarci vanno sempre i piu’ bastardi nei nostri confronti.

    Noi non reagiamo almeno spontaneamente perrche’ intorbiditi dai mass media tanto collaborazionisti e cosi’ chi puo’ si arricchisce e chi non puo’ diventa sempre piu’ povero.

    I veneti sono in crisi su tutti i fronti e cosi’ subiscono angherie a iosa.

    Preghiamo

  27. Damocle says:

    Il misfatto è compiuto, non ricordo cose simili in merito a provvedimenti interni ad un partito. Tosi ha inaugurato la stagione dello scippo del movimento a chi ha sempre creduto nella Lega. Tosi subalterno di Maroni e di tutti i suoi consiglieri “poltronisti” ha deciso di soffiare strutture e sedi a chi ha sempre sostenuto il movimento sostituendoli con giovani privi di personalità politica e pertanto perfettamente ammaestrabili al volere dei nuovi padroni. Più che
    un cambiamento di linea politica assomiglia più all’assorbimento di una piccola società in una multinazionale dove per facilitare l’avvicendamento vengono decapitati i quadri della piccola società sostituendoli con manichini ammaestrati. Proprio così fine di una conduzione fraterna del movimento sostituita da una più scaltra ed attenta ai numeri “delle poltrone” occupate in contemporanea. Il verbo della lega è stato imbastardito da capetti e capò a digiuno di carisma e leadership. Poveri noi e povera Lega sacrificata mentre “Barabba” è libero.

  28. Albert Nextein says:

    Babbei paradigmatici.
    Tutti a far legna nei boschi a 8€ all’ora.
    A iniziare da tosi, zaia , e tutti i capetti dell’entourage.
    Maroni, in un sussulto di dignità e di lungimiranza, dovrebbe sciogliere la lega che, come si vede giornalmente , è morta e puzza alquanto.
    Dal 1994 la lega è un cadavere senza sepoltura.

  29. Ferruccio says:

    E’ il vostro Boby Taroni che vi parla…….

    Lasciateci lavorare…… stiamo usando le scope

  30. Fabrizio says:

    I picchiatori tarù che a Pontida le hanno date a un universitario e una universitaria di Milano che distribuivano i volantini di pinocchio e a una ragazza veneta che esponeva lo striscione come noto anche ai sassi sono cammarati del sindaco analfabeta raccattati in tutta fretta il giorno prima su ordine di Bobo Taroni e su idea del Salvino Barbùn (già frequentatore del Leonka,quando gli estremi si toccano).

    Ora non possno fare altro che darsela a gambe.

  31. Trasea Peto says:

    La Liga Veneta è morta quando è nata la Lega Nord, ma per molti anni hanno fatto finta di esistere. Finalmente ora è ufficiale: esiste solamente la Lega Nord. Evviva, esultiamo!

    Il problema è che perdendo molti voti hanno perso molte poltrone. Poveretti.

    • piemunt says:

      Tosi scortato dai carabinieri per paura dei militanti ricorda tanto Comino scortato dalla polizia per la stessa ragione alla fine del congresso di tanti anni fa perchè aveva fatto l’accordo con Berlusca per le provinciali.
      In Lega hanno tutti la scorta pagata da noi ormai,da Maroni a Borghezio.
      Fuori tutta sta gente dalla Lega,solo allora si potrà ricominciare a parlare di indipendentismo.

    • Miki says:

      Mi sembra che la Liga Veneta,a differenza della Ln 0.2, sia più viva che mai.
      E che abbia trovato pure una maniera divertentissima per passare il w.e.

      • Veritas says:

        Povero Comino, che Bossi aveva tanto esaltato, per poi liquidarlo in così malo modo! Diciamolo, che i migliori sono stati eliminati da Bossi uno a uno….

        • mani pulite says:

          Non dormi di notte, eh già. Sei rimasto solo a furia di dire sì ai poteri forti. Torna nella sede della tua associazione forse lì troverai pace…

Leave a Comment