Libri antichi di tutto il mondo si danno appuntamento a Milano

di REDAZIONE

Trattati di magia, racconti e disegni di straordinarie feste rinascimentali, mappe misteriose, libri di bon ton e di ricette di cucina antiche, testi fondamentali del pensiero moderno annotati e commentati da eminenti studiosi, libri miniati e stampe esotiche. I mille mondi dei libri antichi approdano a Milano da venerdi’ 7 marzo, presso il Palazzo Mezzanotte di Piazza Affari. Si tratta della seconda edizione della Mostra Internazionale Libri Antichi e di Pregio, ancora una volta a ingresso gratuito, che torna nel capoluogo lombardo dopo il grande successo della prima a Palazzo Giureconsulti un anno fa.

La manifestazione, a cui sono stati invitati a partecipare i piu’ importanti librai antiquari d’Italia e del mondo, e’ organizzata dall’ALAI l’Associazione Librai Antiquari d’Italia con il sostegno della Camera di Commercio di Milano. Si inaugura venerdi’ 7 alle 17,30 con il taglio del nastro di Fabrizio Govi, presidente di ALAI, l’Associazione Librai Antiquari d’Italia, e Pier Andrea Chevallard, segretario generale della Camera di Commercio di Milano. Segue alle 18.30, nell’adiacente Palazzo Turati, un momento celebrativo insieme a Alberto Capatti, Gualtiero Marchesi, Davide Rampello e Roberta Schira. Il tema di quest’anno sara’ la gastronomia: non solo bevande e cibi, ma anche libri che riguardano il convivio piu’ in generale, dalla preparazione delle pietanze fino all’organizzazione di sontuosi banchetti.

C’e’ il Libro Nuovo di Cristoforo Messisbugo, uno dei piu’ celebri trattati di gastronomia del Rinascimento che contiene, oltre a numerose ricette, anche indicazioni sull’organizzazione di raffinati banchetti e sulla preparazione dei piatti, che sara’ presentato in una copia della prima edizione, stampata a Venezia nel 1552 (Libreria Antiquaria Pregliasco, Torino). Ugualmente importante per la ricostruzione della cultura del cibo nel corso del Rinascimento e’ il Trinciante di Vincenzo Cervio, stampato a Venezia nel 1622 (Bibliopathos, Verona). Rarissime e di grande fascino, la prima edizione delle poesie erotiche di Giorgio Baffo del 1771 (Libreria Pontremoli, Milano). Saranno infine esposte anche raccolte di immagini moderne, come le trenta vedute xilografiche di Osaka e Kobe (Lella e Gianni Morra, Venezia) e una collezione di fotografie originali, tra cui due immagini che ritraggono Giacomo Puccini (Gallini, Milano).

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Mi duole non esserci, ci vado tutti gli anni. Da bibliofilo accanito (se non altro li guardo…)
    Saluti a tutti
    Paolo

Leave a Comment