L’Europarlamento: Stop ai pedaggi sulle autostrade tedesche. E quando diranno basta ai pedaggi su quelle del Nord?

autostradadi ROBERTO BERNARDELLI – Leggo una notizia che mi soprende. Anche perché per lavoro frequento la Baviera e altri splendidi land federali della Germania. Sentite qui: Stop ai pedaggi sulle autostrade tedesche. Lo ha deciso nei giorni scorsi il Parlamento europeo che ha bocciato con 510 voti favorevoli, 126 contrari e 55 astensioni la decisione tedesca di applicare dal 2019 in poi un pedaggio sulla sua rete autostradale.

E mi chiedo, come mai?
Il pagamento, così come previsto dalla normativa emanata dal ministro dei Trasporti tedesco, Alexander Dobrindt, avrebbe dovuto avvenire con un bollino (o vignetta, come già diffusa in Austria e Svizzera), che avrebbe avuto un costo annuo variabile da 67 ai 130 euro, a seconda della cilindrata e delle emissioni di CO2, e sarebbe stato acquistabile anche con validità di 10 giorni da 2,50 a 25 euro, sempre secondo lo stesso criterio.

Beh, praticamente niente rispetto alle mazzate di casa nostra, vi pare?
E allora cosa non funziona?  La ragione della bocciatura da parte del Parlamento europeo sta nel fatto che – pur essendo obbligatorio per tutti i veicoli in circolazione sulle autobahn – il costo del bollino (noto anche come Pkw-Maut) risulta detraibile dalla tassa di circolazione per le vetture immatricolate in Germania. Beati loro. Se dovessimo detrarer noi i pedaggi sulla tangenziale di Milano, sapete che vacanze ci salterebbero fuori?! Ebbene, la detraibilità ha scatenato l’immediata la reazione dei Paesi dell’UE, capitanati dalla confinante Austria, che hanno sollevato nuovamente la questione sulla ‘discriminazione’, contraria ai principi di libera circolazione su cui si fonda l’Unione. Già a settembre 2016, la Commissione europea, proprio con questa motivazione, aveva rinviato la Germania davanti alla Corte di giustizia dell’UE.

Ma quando spediranno l’Italia e le ambigue, a dir poco, concessioni, davanti al Parlamento europeo? Siamo forse cittadini di serie C?

Print Friendly

Related Posts

One Comment

  1. giancarlo says:

    Basta fare due conti e si capisce subito che i pedaggi autostradali in italia sono una vera e propria rapina.
    Come può essere che per fare un qualsiasi tragitto autostradale si spenda nel 90% dei casi più di pedaggio che di carburante ??
    Per me è sempre stato un mistero.
    E’ corretto pagare qualcosa per usufruire delle autostrade che abbisognano di continui aggiornamenti e manutenzioni, ma così come ora è, lo ripeto, una rapina.
    In particolare per i pendolari o chi dell’autostrada né ha assolutamente bisogno per questioni di lavoro darebbe più opportuno poter fare degli abbonamenti che prevedano un dimezzamento dei costi come minimo.
    Anche le autostrade sono diventate delle tasse alla luce del sole eppure nessuno si lamenta……….
    Italioti svegliatevi perché un giorno vi ritroverete senza mutande addosso !!!!
    WSM

Leave a Comment