L’Europa non è la soluzione ma il problema. Indipendenza alle nazioni senza Stato per uscirne!

europa reguzdi MARIO DI MAIO – Adesso non e’ piu’ possibile che gli “europeisti senza se e senza ma” che fino a ieri ci bollavano come “euroscettici” pericolosi continuino a raccontarci che l’UE non e’ il problema ma la soluzione. Gli avvenimenti degli ultimi mesi evidenziano che la tanto desiderata “coesione per assenza di conflittualita’ interna era una pia illusione: i britannici se ne sono accorti e se ne sono andati e i Paesi dell’ Est con essi i Paesi balcanici per poco non rimpiangono le vecchie dittature e comunque rifiutano quella di Bruxelles. Gli islamici ci invadono. E il tanto decantato euro, nato per rafforzare l’economia di tutto il continente, invece di apportare benessere distribuisce poverta’. L’Italia che fra tutti e’ il Paese piu’ scoordinato e quindi molto esposto alle “intemperie”, ne soffre ancora di piu’ perche’ la nostra classe politica, incapace di progettualita’, finisce col subire cronicamente le conseguenze di avvenimenti che non aveva la capacita’ di prevedere o di contrastare. Non e’ facile ripristinare la CEE di De Gasperi e di Schuman ma allora la coesione c’era e si percepiva. Si ricominci col restituire ai popoli le sovranita’ “sequestrate” e si dia l’ indipendenza alle nazioni senza Stato. E si rispediscano i clandestini nei Paesi di provenienza, accogliendo i veri profughi, che sono una esigua minoranza. E finalmente si potra’ seriamente pensare di progettare un futuro “normale” per tutti.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. Castagno 12 says:

    A CATERINA & C.
    ” …. Si rispediscano i clandestini nei Paesi di provenienza …. “.
    Suggerimento “nuovo, tempestivo, originale”.
    Nessuno ci aveva mai pensato.
    Parecchi anni fa, le ben note e precise denunce riguardanti l’invasione programmata ed imposta ERANO RMASTE INASCOLTATE. PERCHE’ ? Al riguardo, TACETE.
    Neppure gli Indipendentisit (veneti o no) avevano ritenuto DOVEROSO UN LORO INTERVENTO: INFORMARE, DENUNCIARE ED AGIRE.
    S I L E N Z I O !
    ORA, CON LA SITUAZIONE IRRIMEDIABILMENTE COMPROMESSA, GLI INDIPENDENTISTI INDICANO SOLUZIONI OVVIE.
    QUESTE DOVREBBERO ESSERE MESSE IN PRATICA, DA CHI E’ AL SERVIZIO DEL PROGETTO DESTABILIZZANTE PER L’EUROPA ?
    DOVREBBERO INTERVENIRE GLI INDIPENDENTISTI ?
    SEMBRA PROPRIO DI NO, PERCHE’ LA LORO MISSIONE SOCIALE E’ CIRCOSCRITTA A SUGGERIMENTI, DENUNCE, RICHIESTE ED ATTESE INUTILI.
    S T O P !

  2. caterina says:

    personalmente trovo che il fallimento della trattativa dei 5Stelle per entrare nelle consorterie europee porterà a percepire il movimento stesso come l’unico che possa raccogliere la disillusione di tutti nei confronti di questa Europa dei burocrati che si arroccano per difendere solo se stessi giocando a fare gli strateghi dei popoli che la compongono e, sempre più delusi, desiderosi di abbandonarla… come è successo per l’URSS…
    Quella che oggi sembra una sconfitta dei pentastellati potrebbe invece rivelarsi un colpo di fortuna per raggiungere obiettivi più alti.

  3. Castagno 12 says:

    Per CATERINA, GIANCARLO & C. che hanno “INDIVIDUATO” chi potrà portare l’Indipendenza alla Regione Veneto.
    http://www.trend-online.com/
    Articolo: ” TRUMP: UNITED STATES OF GOLDMAN SACHS ! ”
    di Andrea Mazzali – 9 Gennaio 2017
    .
    Una ulteriore conferma di quanto da me già anticipato i giorni scorsi.

    • Castagno 12 says:

      ………. di quanto da me già anticipato i giorni scorsi, quando avevo anche ricordato il problema della FED, Banca Centrate PRIVATA degli USA..

  4. caterina says:

    …si rispediscano i clandestini nei Paesi di provenienza… e si smonti quella macchina bicefala di Bruxell che ci costa un occhio delle testa senza che se ne parli mai, nata per complicarci la vita più di quanto non sia già complicata di suo, in casa nostra, e per renderci inermi di fronte a situazioni difficili provocate da quelli che, stando coperti, maneggiano per destabilizzare soprattutto quelli come noi inclini a subire il fascino dei sogni dei nostri soloni… e da troppe generazioni poco propensi a pensare con la nostra testa e agire in conseguenza.

Leave a Comment