L’Europa non cristiana destinata al requiem

cimitero-iconadi MARIO DI MAIO – Fin’ora nell’Europa “laica e democratica ” la religione è vista come inevitabile retaggio del passato, ma da controllare perché non influisca sulle scelte degli stati, finalmente emancipati dai dogmi dei secoli bui. Però il livello di scristianizzazione degli ultimi anni è cresciuto talmente che in assenza di novità impreviste, magari “straordinarie” inevitabilmente si passerà dall’emarginazione alla persecuzione. Irreversibilmente le nostre legislazioni stanno trasformando il male morale in “diritto umano” come nel caso dell’eutanasia e non solo. “Perché il male oggettivo non esiste e l’inferno è un’opinione “. In pratica l’Europa sta morendo per l’asfissia dei valori non negoziabili, sui quali era stata impiantata da Adenauer De Gasperi e Schuman.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Questione veneta, con Raixe Venete a Lendinara giovedì 21 si studia Beggiato

Articolo successivo

Scuola, la brutta addormentata del Corriere