L’Europa è in guerra ma ancora non l’ha capito

nizza6

di STEFANIA PIAZZO – Una strage, una dinamica terroristica. Parigi, 6 gennaio 2015. Ancora Parigi, 13 novembre 2015. Bruxelles, 22 marzo 2016. Nizza, 14 luglio 2016. Temevano che l’Isis pianificasse un attacco durante gli europei di calcio, invece il terrorismo ha atteso che si abbassasse la guardia. Ma la guardia era scesa già da anni. Bombe. Londra, Madrid, le banlieu parigine. Come la mafia celebrò l’esplosione a Capaci, l’Isis questa notte ha celebrato la morte di Nizza.

Nonostante l’evidenza, i media italiani hanno continuato a insistere che non si fosse trattato di un attacco di matrice islamica. Attacco, non terrorismo. Negare l’evidenza. Usare il politicamente corretto in nome del giornalismo neutro e neutrale. La prudenza del relativismo, del tutto e niente. E’ imitazione, emulazione, non sono gli islamici. E’ un attacco solitario, nel mucchio. Una bomba umana, un camion kamikaze ma niente di più. Sono solo dei pazzi. Avanti così, l’Occidente non è in guerra. L’Occidente è un luogo sicuro. Politicamente e correttamente sicuro. Un requiem dal cuore della notte.

L’islam attacca mentre l’Occidente celebra e idolatra lo Stato che ha conquistato la libertà e che in nome di quella e di quelle libertà, concede spazi sempre più ampi di fallimentare integrazione e apertura. L’Occidente ora è libero di morire e di farsi soverchiare. Giusto nei giorni scorsi da Bruxelles i giudici avevano sentenziato che era discriminante licenziare chi si recava al lavoro col velo islamico. Avanti così e il processo di disfacimento procede spedito.

 

Print Friendly

Articoli Collegati

5 Commenti

  1. giancarlo says:

    Coloro che volevano darci a bere che si trattava di un povero demente oggi vengono clamorosamente smentiti rivelando che sono proprio loro i dementi prezzolati per propinarci balle assurde ed inverisimili.
    Una persona che non sia “normale” non riesce ad organizzare così bene la cosa e ci arriva persino un bambino a capirlo, ma no, loro, i prezzolati i venduti al potere costituito devono somministrare supposte di illusorie certezze solo perché sono loro a scriverlo o dichiararlo.
    Siamo in guerra e basta. Non capirlo rende tutti i politici di tutta europa i veri colpevoli di iò che sta accadendo. Come sia riuscito poi a passare i controlli ( che forse non c’erano) e fare la strage che ha fatto è incrediile, quasi impossibile da credere. Ma, forse qualcuno ha interesse che accadano fatti del genere?
    Perché non si interviene in forze al largo delle coste Libiche per bloccare gli scafisti o i loro “capi” ???
    Perché ?? Perché??
    WSM

  2. Ric says:

    Verissimo , ma magari fosse solo guerra ……..
    Notare il ceppo antropologico che favorisce tale processo e la perniciositá mutante che intorbidisce la visione chiara alle anime belle . Tale fenomeno è basato su un processo degenerativo di confluenze artefatte e patogene , ora divenute endemiche che ha reso possibile ad alcuni popoli di essere biologicamente funzionali alla proliferazione di queste razze predatrici .
    Il veleno paralizzante chiamato Italia è la bandiera che legittima la stupidità delle vittime e la tracotante arroganza dei carnefici .
    In buona sostanza , i corpi estranei oggi sono più numerosi delle cellule vitali antropizzate che a loro insaputa , predisposte per benino , aprono le porte come le ostrichette nei cartoni animati di Walt Disney e si fanno pappare .
    Dicasi cavalli di Troia a tambureggiare quotidianamente in ogni dove il credo mafioso , dai pulpiti finto consacrati , alle aule circo dei tribunali , ai cicisbei pagliacci foraggiati da stipendi dell’informazione , banche coi malloppi delle rapine trasversali , istituzionali , delle bollette e del sangue vero, questa infrastruttura autefinentesi di servizio sic . !
    È VISIONE DEFORMANTE è inizio e fine di nostre legittime speranze e progetti a vivere.
    VA RECISA COME NODO GORDIANO non solo disquisendo di politica ma SEMPRE in ogni manifestazione del vivere , dove senti PUZZA di quella logica .
    Ministro degli interni , e come lo chiamava bonariamente Silvio , “Angelino” , che poi lo ha tradito , ma va !
    ( profumo inebriante , orgoglio e richiamo ancestrale alla tribù , fiore all’occhiello che mostri rappresentanza di chi al nodd è diventato qualcuno da rispettare , che neanche a farlo apposta ha la sua bella provenienza territoriale e “culturale ” tipica , e neanche a farlo apposta con un gradimento infinitesimale si ritrova , come tanti suoi consimili , a dettarti i ritmi e i permessi a vivere) .
    La sommatoria di tanti Angelino + tante ostrichette chiudono il cerchio del ragionamento ed è il programma che garantisce a lossignori certezze e floridi destini .
    In alto i cuori …….

  3. luigi bandiera says:

    Se la dirigenza e’ connivente, cosa aspettarci..?
    E’ da tanto che lo scrivo che ripeterlo mi sembra un po’ troppo.
    L’occidente ha l’intellighenzia malata per cui…
    O appare qualcuno all’orizzonte, al nostro orizzonte, che organizzi una sorta di liberazione o tutto e’ perduto.

    Auguri

  4. RENZO says:

    I popoli votano ormai anche sempre meno.
    Il suicidio è solo nel dna degli esseri umani… in questo caso europei.
    La storia ci racconta la fine di vari imperi anche pluricentenari….
    La definitiva fine dell’europa mi pare irreversibile…
    Uno dei 4 gatti sul Po’.
    WSM

  5. Fil de fer says:

    Qui l’unico che non l’ha ancora capito è il ministro degli Interni, da diverso tempo diventato il ministro dei clandestini, salvati appena imbarcati sulle coste del Nord Africa.
    La cosa è voluta e basta.
    WSM

Lascia un Commento