Lettura, studenti italiani inferiori a media Ocse. Divario anche tra Nord e Sud

libri_scuola1di Cassandra – Leggere poco, scorrere velocemente le pagine di facebook, al massimo sentire qualche titolo di tg. Oltre ad avere l’abitudine di disprezzare in genere la lettura dei quotidiani, gli italiani leggono pochissimo. E gli studenti a ruota copiano. Ora emerge un report agghiacciante. Gli studenti italiani in lettura infatti ottengono un punteggio di 476, inferiore alla media OCSE (487),vcollocandosi tra il 23° e il 29° posto tra i paesi OCSE. Il punteggio non si differenzia da quello di Svizzera, Lettonia, Ungheria, Lituania, Islanda e Israele. Le province cinesi di Beijing, Shanghai, Jiangsu, Zhejiang e Singapore ottengono un punteggio medio superiore a quello di tutti i paesi che hanno
partecipato a PISA. E’ quanto emerge dal rapporto nazionale Ocse Pisa 2018 diffuso e presentato oggi. Hanno partecipato alla prova PISA 11.785 studenti quindicenni italiani, divisi in 550 scuole totali. PISA, acronimo di Programme for International Student Assessment, e’ un’indagine internazionale promossa dall’OCSE, con cadenza triennale. Il primo ciclo dell’indagine si e’ svolto nel 2000; il 2018 e’ stato il settimo ciclo. L’Italia partecipa fin dal primo ciclo. Alla rilevazione PISA 2018 hanno
partecipato 79 paesi di cui 37 paesi OCSE.

In Italia i divari territoriali sono molto ampi e si conferma il divario Nord-Sud: gli studenti delle aree del Nord in lettura ottengono i risultati migliori (Nord Ovest 498 e Nord Est 501), mentre i loro coetanei delle aree del Sud sono quelli che presentano le maggiori difficolta’ (Sud 453 e Sud Isole 439). I quindicenni del Centro conseguono un punteggio medio di 484, superiore a quello degli studenti del Sud e Sud Isole, inferiore a quello dei ragazzi del Nord Est, ma non diverso da quello dei quindicenni del Nord Ovest. Forti anche le differenze anche fra tipologie di scuola frequentate dagli studenti: i ragazzi dei Licei ottengono i risultati migliori (521), seguono quelli degli Istituti tecnici (458) e, infine, quelli degli Istituti professionali (395) e della Formazione professionale (404). Queste ultime due tipologie di istruzione presentano punteggi in lettura che non si differenziano tra loro.

A livello medio OCSE, circa il 77% degli studenti raggiunge almeno il livello 2, considerato il livello minimo di competenza in lettura. L’Italia presenta una percentuale di studenti che raggiunge almeno il livello minimo di competenza in lettura analoga alla percentuale media internazionale. A questo livello, gli studenti iniziano a dimostrare la capacita’ di utilizzare le loro abilita’ di lettura per acquisire conoscenze e risolvere una vasta gamma di problemi pratici. Gli studenti che non raggiungono il livello 2 (low performer) spesso hanno difficolta’ a confrontarsi con materiale a loro non familiare o di una certa lunghezza e complessita’.

Di solito, hanno bisogno di essere sollecitati con spunti o istruzioni prima di potersi impegnare con un testo. Se ci si concentra sui livelli piu’ elevati della scala, quelli
che permettono di definire uno studente top performer (i livelli 5 e 6), il 5% degli studenti italiani raggiunge questi livelli. A livello medio internazionale tale
percentuale e’ di circa il 9%. Le percentuali osservate di studenti top e low performer confermano le differenze territoriali e fra tipologia di istruzione evidenziate dal punteggio medio.

Gli studenti del Nord e del Centro in misura maggiore dei loro coetanei del Sud dimostrano di saper risolvere compiti piu’ complessi, mentre le aree del Sud si caratterizzano per una presenza maggiore di studenti low performer. Divari ancora piu’ ampi si osservano tra le diverse tipologie di istruzione. Nei Licei troviamo la percentuale piu’ elevata di studenti top performer (9%) e, al tempo stesso, quella piu’ bassa di low performer (8%). Negli Istituti tecnici la percentuale di top performer scende al 2%, mentre il 27% degli studenti non raggiunge il livello 2; livello non raggiunto da almeno il 50% degli studenti degli Istituti professionali e della Formazione professionale.

In generale, il Report diffuso oggi, per quanto riguarda la lettura, dimostra che gli studenti italiani sono piu’ bravi nei processi di comprensione (478) e di valutazione e riflessione (482) piuttosto che nell’individuare informazioni (470). Per quanto riguarda invece le sotto-scale relative alla fonte, gli studenti italiani ottengono risultati piu’ elevati nei testi multipli (481) piuttosto che in quelli singoli (474).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

In Padania evoluzione politica in corso...

Articolo successivo

Forse il futuro è fare l'operaio. Ma proprio forse....