Lepanto, da Bitonci proposta in Senato per commemorazione

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

“La libertà religiosa, di credenza e di coscienza, è un diritto inviolabile consolidato nella cultura del popolo e riconosciuto in modo inequivocabile dagli articoli 3, 8, 19 e 20 della Costituzione italiana. Parimenti è innegabile che il patrimonio storico culturale europeo affonda le sue radici nella civiltà e nella tradizione cristiana. Per questo abbiamo presentato un disegno di legge per l’istituzione della “Giornata di commemorazione della battaglia di Lepanto”, avvenuta il 7 ottobre del 1571, quando la Lega Santa impedì la scristianizzazione dell’Europa, sconfiggendo la flotta ottomana”.

Lo dichiara Massimo Bitonci, capogruppo della Lega Nord al Senato. “Chiederemo alle Camere di riconoscere il giorno 7 ottobre come “Giornata di commemorazione della battaglia di Lepanto”, quale evento simbolo della difesa culturale, identitaria e cristiana europea e di considerare questa data solennità civile, senza tuttavia determinare riduzioni dell’orario di lavoro negli uffici pubblici o di insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado. Proprio nelle scuole l’occasione consentirà di organizzare, senza oneri a carico della finanza pubblica, manifestazioni e momenti di approfondimento, per diffondere la conoscenza dell’evento storico della battaglia di Lepanto”.

Ufficio Stampa Sen. Massimo Bitonci

Presidente gruppo Lega Nord e Autonomie

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

9 Comments

  1. caterina says:

    se non ricordo male, qualcuno in passato aveva fatto togliere un dipinto raffigurante la battaglia di Lepanto dove il presidente del Senato,credo, riceveva ospiti illustri per timore che qualcuno di non cristiano si sentisse offeso!…stupidità assoluta rinunciare al patrimonio della nostra storia e cultura…
    L’iniziativa di Bitonci potrebbe se non altro far riportare il dipinto nella sua sede originaria.

  2. Iacopo says:

    si….questo si che è importante per il veneto e per i veneti…mica il referendum per l’indipendenza….
    questo che in veneto era il principale dissidente del veronese tricolorito l’hanno messo a fare il capogruppo e adesso se ne sta buono buono…

  3. L'incensurato says:

    Bene: un minuto di riflessione nelle scuole per ricordare la nostra storia vale cento volte un vomitevole inno di popolo falsamente unito dalla massoneria inglese.
    Visto che qualche mameliota si è tanto prodigato perchè i bambini cantassero l’inno nella sQuola bananica bene fa Bitonci a forzare la mano in senso opposto. Padania Libera

  4. MIGOTTO SANDRO says:

    Bitonci, cerchi di occupare meglio il suo tempo ( che paghiamo noi) magari proponendo qualcosa di importante e fattibile per il Veneto… so che chiedo molto, visto che nei 25 anni passati il suo Partito (ed anche Lei) non avete prodotto il benche’ minimo cazzo di Legge che abbia in qualche modo migliorato la qualita’ della vita e l’economia dei Veneti . Di operazioni di propaganda e bandiera ne abbiamo pieni i coglioni.

    Spero che a breve vi mandino tutti a lavorare.

    • Iacopo says:

      bravo, condivido…la propaganda fine a sé stessa sua e dei salvini di turno li farà presto sparire dal panorama politico

  5. Alberto Pento says:

    El parlamento talian lè pien de “proposte de lej” ke no le xe mai stà tratà en aola, da e par ani.
    Ke belo farse bei e canpagna eletoral co ste robe!
    Se Lepanto el ga da devegnèr na comemorasion taliana xe mejo ke le robe le reste come come ke le xe.
    A Bitonci “el fanfaron” coelo kel voria regolarexar i bordeli o lupanari par poder tasar le pore putane e cusì enpienàr le càse senpre vode del texoro talian (par pagarghe i privilej a le caste) a ghe mensiono ke col jera sinico de “Cittadella” (me par par do mandà) nol ga volesto o no lè sta bon de metarghe el cartelo anca en lengoa veneta “Sitadela o Çitadela”.
    Ke omani ca ghè en Veneto, ke oror ke ghe sipia xente ke ghe da anca el voto!

    • cantineblues says:

      Criticare anche quando la proposta è assolutamente condivisibile è roba da…. italiani!

      medita Alberto…

      Thomas

    • luigi bandiera says:

      Ma vedistu karo Pento,

      fin ke ghe koremo drio aea talia e a i so problemi, no se ghe ne vien fora.

      Ansi, se ghe da merito al stato okupante fidandose del so bon kuor.

      Se fosimo libari e indipandenti el paso saria veramente korto. Saria kome: DITO..? Beh. FATO..! (Detto fatto).

      Invense, e poki se ne inkorxe, semo senpre kol kapel in man pa dimandar un piaser, na karita’, a sto stato komunista e okupante.

      O go sgrafa’, non so in kual post, ke bixogna, bixognaria, no asekondar l’okupante par esenpio ndando in gabina eletorae, a far i fatori (amministratori) al posto del paron, ea talia.

      Ke stupidita’ xea mo kuea de minestrar al posto dei paroni..?

      E pensar ke i KAPO’ dei lager no i jera visti tanto ben da i so fradei de prixonia.

      Deso, invense, se se barufa pa ciapar el posto pì alto posibie de KAPO’..!

      Kuesta, par mi, xe tanta gnoransa. Viamente semenada daea KST..!

      Se no se kapise ke el systema xe el vecio systema de l’inpero roman, vardemo el dirito medesimo, e ke se pol ciamarlo sensa esar smentii TERUN SYSTEM, faremo kuel ke vol ori, i veri paroni del stato taiban o talian. Mejo ISLAFRITAJAN.

      Masa xente stravede par el stato okupante taiban minestra’ kome vol el TERUN SYSTEM…

      Se vede o no nee TiVi ke xe tuto baxa’ sul mondo terun..?

      Par e arene “sportive” ghe xe in ato na represion tanto pi’ forte de kuee fate dai kamerati de Adolfo.

      Ae rapine in kaxa no ghe pensa mai pì nesun… i ghe tende a kosa dixe e siga i esaltai (da ori) e podopo represi (senpre da ori) ke tra ealtro, ghe serve pa tegner vive kuee presunte manifestasion sportive.
      PAN e ARENE… PAN e SIRKO… PROPAGANDA E MONA…

      Kusi’ el mona de presunto popoeo taiban xe trata’..! Ma el se o merita visto ke taibani no saresimo nesuni.

      Beh, pi mone de kusi’ se more, o no..?

      Vardemo na nasion bastansa visina ke xe desmentegada da tuti: l’ALGERIA e i so algerini.

      A dovea esar francioxa… a dita dei trikoloriti gai.

      Ma a se ga troa’ na forsa de ALGERINI ke ga dito ko e bone e ko e katie NO. NIALTRI SEMO ALGERINI..!

      INPAREMO KAX, almanko DA KUEI KE VINSE..!!!

      PSM

  6. Veritas says:

    Bravissimo Bitonci!!
    Ho l’impressione che sia l’unico rappresentante della Lega che a Roma si dia da fare, almeno, ho notato anche altre sue iniziative anche di maggior importanza di quest’ulltima.
    Speriamo che il gruppo si svegli e impedisca a Roma di mettere le mani sulla TV relativa all’EXPO, come si vocifera da un po’ di tempo.
    Non è il momento di risparmiare?

Leave a Comment