Legge elettorale? Chi se ne frega. Togliete la porcata del tetto di 1000 euro di contante

euroLa CICALA

Non mi meraviglia il fatto che il sindacato dei banchieri abbia la possibilità di controllare ogni mossa riferita ai pagamenti e ai volumi di denaro che in Italia sono sempre molto elevati rispetto all’Europa, mi meraviglio invece che se ne parli poco. Certo sono dati e  annoiano, ma vorrei presentare con curiosità queste cifre che il vice direttore generale dell’ABI il 13 gennaio scorso ha presentato alla Camera dei deputati alle commissioni riunite di finanza e attività produttive.

168 miliardi di prelievi in contante

Si scopre ad esempio che in Europa nel 2009 ben 70 operazioni su 100 erano fatte con il contante mentre in Italia erano addirittura 90! Nel 2012 a distanza di alcuni anni ci siamo forse abituati ad utilizzare di più il bancomat, la carta di credito, i bonifici? Mentre in area euro la media è scesa a 60 operazioni in contanti ogni 100 da noi….siamo ancora a 87 su 100. Ma perché il popolo continua ad utilizzare così tanto il soldo? Pensate che sono ben 46 milioni le carte bancomat in circolazione ….e allora mi chiedo come mai solo 80 miliardi di euro sono stati utilizzati per fare acquisti con le carte mentre i prelievi di contanti – circa 900 milioni di prelievi – hanno fatto girare 168 miliardi di euro??!!

 La gabola del tetto di contante

Strano anche il dato delle carte di credito che sono oltre 27 milioni  in circolazione e che hanno fatto circolare spesucce per 51 miliardidi euro, mentre udite udite…le carte pre pagate sono raddoppiate, hanno raggiunto quota 20 milioni e anche loro si difendono bene nel far circolare denaro, siamo ad oltre 12 miliardi di euro! Proviamo a fare i conti ….168 miliardi di cartamoneta prelevata, 80 i miliardi con i pos nel commercio in genere, 51 i miliardi con carta di credito, 12 i miliardi con le carte pre pagate ….totale ben 311 miliardi di euro circolati nel 2013 e questo senza considerare gli assegni bancari e circolari utilizzati per diversi motivi. Ma allora mi domando: perché gli esperti del governo Monti hanno partorito a fine 2011 quella sproporzionata misura sul divieto di trasferire soldi da 1000 euro in su tra soggetti diversi a meno che non si registri l’operazione in una banca o alle poste? Semplice, per fare cassa!

 

Le multe per chi sfora

Infatti sono moltissime le infrazioni che la Ragioneria territoriale dello Stato emette per ogni infrazione che le banche o le poste inviano. Quanto? Ad esempio sotto la soglia dei 250 mila euro si paga il minimo, il 2% e nel caso di un assegno senza la scritta “non trasferibile” utilizzato per acquistare una utilitaria di circa 10 mila euro sia il cliente ma anche il commerciante saranno multati con almeno 200 euro a testa…. Non male questa genialata di memoria Monti, anche perchè all’estero le cifre sono ben altre: ben 3000 euro in Francia e 2500 in Spagna tanto per citare due Paesi simili al nostro…e allora? Perchè non rivedere questa soglia e portarla ancora a 2500 come era sino a dicembre 2011? Vogliamo dare una piccola dimostrazione che sicuramente non è vietando il trasferimento da mille che si combatte l’evasione fiscale?

Cari politici dopo la legge elettorale, l’elezione del presidente della repubblica volete provare a emanare una seria legge per i corrotti e norme per contrastare seriamente l’evasione fiscale? E l’idea di defiscalizzare gli alimenti di prima necessità con gli scontrini fiscali in dichiarazione dei redditi che fine ha fatto?

Una cosa fatta bene può essere fatta meglio. Gianni Agnelli

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. pierino says:

    voglio vedere proprio se loro si fan problemi a passarsi pacchi d euro in busta…
    io non me ne faccio di certo sia a prelevare che a pagare. esempio del cavolo gita in 20 a 100 euro a testa. certo che consegno 2000 euro in contante , che facciamo 20 bonifici o 20 visite in agenzia ? e li ritirano eccome

Leave a Comment