Lega, vertice azienda-sindacati: collaboratori parlamentari lavorano al posto dei licenziati in cassa?

riceviamo e pubblichiamo dagli ex dipendenti Lega Nordlega

Il 15 maggio si è svolto il programmato incontro, richiesto da Filcams, Fisascat e UILTuCS con la Lega Nord. Erano presesenti per la controparte solo i consulenti dell’ agenzia PriceWaterhouseCoopers.
E’ stato riferito che, relativamente alla gestione della procedura sottoscritta il 4 febbraio scorso in sede ministeriale, rispetto alla prima scadenza per l’accesso alla mobilità volontaria (entro il 30 giugno, con 10 mesi di incentivo) sono già uscite n. 2 unità e n. 5 stanno per perfezionare l’accordo di conciliazione; per l’outplacement si sono svolti gli incontri con i lavoratori interessati, ma ad oggi non si sono  prodotte soluzioni concrete.

Il tentativo di ricollocazione interna, presso le strutture territoriali o altre articolazioni, anche in termini di rappresentanza istituzionale della Lega
continuerà anche alla luce delle decisioni sulla riorganizzazione (che saranno adottate dal prossimo Congresso Federale in programma per il 20 giugno).
Per quanto riguarda la gestione della cassa integrazione, è stato comunicato che ad oggi 9 risorse (6 nella sede federale di Via Bellerio e 3 nelle sedi territoriali) non hanno mai ricevuto comunicazioni circa l’astensione dal lavoro.

Altri lavoratori, come indicato di seguito, sono stati richiamati dalla CIGS per brevi periodi:
• a Febbraio: n. 8 a Milano e n. 2 in Veneto (campagna anti Renzi)
• a Marzo: 1 lavoratore a Milano, 2 Veneto e 1 in Piemonte (campagna
elettorale);
• ad Aprile: 5 in Veneto e 1 in Piemonte (campagna elettorale);
• a Maggio: 2 a Milano e 1 in Piemonte.

Ricordiamo che l’accordo prevede la messa in CIGS di n. 60 dipendenti con parziali richiami. In ultimo non risulta stata attivata la convenzione con la banca per l’anticipo della CIGS.
La Delegazione sindacale ha chiesto chiarimenti sul numero di dipendenti coinvolti nella procedura (un dipendente si sarebbe dimesso prima dell’avvio); sono state anche contestate le modalità della rotazione che non coinvolge tutti le unità di personale dichiarate in esubero nella procedura; sono stati chiesti chiarimenti sulla presenza di personale in CIGS nei locali di lavoro e sul loro eventuale coinvolgimento nelle attività istituzionali del partito e sulla presenza negli uffici di collaboratori  e assistenti parlamentari che sembrerebbero svolgere attività istituzionali del partito.

Le OO.SS. hanno chiesto che vengano al più presto illustrate in maniera adeguata ai lavoratori le modalità di accesso alla riscossione sotto forma di prestito bancario costi, degli anticipi di cassa e hanno formalmente protestato per il fatto che ai delegati  RSA non è consentito l’accesso ai locali del
dallo Statuto.
In assenza di risposte esaurienti, e per consentire ai consulenti della Lega Nord di acquisire le necessarie informazioni richieste, si è deciso di aggiornare l’incontro a data da concordare.

Per La Filcams CGIL Nazionale
Andrea Montagni

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment