Lega: uscire dall’euro? Prima una moneta a due velocità

di GIORGIO CALABRESI

La Lega Nord presenta la battaglia ‘No euro’, che, dopo Firenze, portera’ il Movimento in tour in diverse citta’ italiane, anche al Sud, e assicura che affrontera’ la questione nel primo incontro con il premier incaricato, Matteo Renzi. “Vedremo se Renzi e’ l’esatta controfigura di Letta e Monti o se gode di autonomia”, ha affermato Matteo Salvini, in una conferenza stampa in via Bellerio, per presentare il ‘Basta euro tour’. “A giudicare dai primi sponsor, a Bruxelles, sono preoccupato”, ha continuato. Il segretario federale della Lega Nord ha presentato l’iniziativa leghista, insieme a Claudio Borghi (nella foto), economista docente all’Universita’ Cattolica, che lo accompagnera’ nelle diverse tappe in giro per l’Italia e autore del pamphlet ‘Basta euro, come uscire dall’incubo, 31 domande e risposte, la verita’ che nessuno ti dice’.

Le prime mille copie del libretto saranno distribuite nel corso della seconda tappa del tour, sabato a Milano (alle 15, in via Corridoni) e si potranno scaricare dal link ad hoc www.bastaeuro.org. “La prima richiesta, non della Lega, ma del Paese che produce e lavora e’ ridiscutere tutti i vincoli europei, a partire dalla follia piu’ evidente, ovvero l’euro”, ha sostenuto Salvini, spiegando che il tour fara’ tappa anche a Roma e in una citta’ del Sud ancora da definire. “Ringrazio Salvini perche’ e’ l’unico che ci ha messo la faccia per dire cose che nel dibattito economico sono accertate”, ha affermato Borghi. “Non c’e’ nessun economista serio che dica che l’euro e’ il migliore dei mondi possibili, segnatamente per l’Italia”, ha aggiunto. Se nell’euro si e’ entrati “per acclamazione senza che i cittadini fossero informati”, Borghi non fornisce una ricetta ‘secca’ per l’uscita. “L’unica maniera per uscirne in modo democratico e’ informare, poi la battaglia si fara’ in Europa”, ha sostenuto, spiegando che le soluzioni che sono al vaglio anche degli altri partiti euro-scettici con cui la Lega ha fatto cartello in vista del voto possono prevedere un primo ‘step’ con l’introduzione di un “euro a due velocita’” ma che “l’obiettivo finale e’ la riconquista della sovranita’ monetaria nazionale”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

14 Comments

  1. massimiliano says:

    si, dobbiamo uscire da questo euro,diventare un paese indipendente come la svizzera e cercare di fare ricrescere questo paese.Spero che sia una cosa giusta e che il nostro presidente del consiglio Matteo Renzi essendo giovane e intelligente se ne faccia una ragione.

  2. Luciano Di Biase says:

    La ripresa sarà immediatamente possibile x tantissime ragioni a partire dal lavoro delle piccole imprese artigiane che sanno come fare x produrre posti di lavoro e non essere tartassati dai vincoli che noi non abbiamo firmato(I Cittadini Italiani)

  3. Luciano Di Biase says:

    Sì! Noi dobbiamo uscire dall’ euro !

  4. mike says:

    Si via l’euro

  5. Mister Libertarian says:

    La questione è semplice. I tedeschi non vogliono che l’euro venga stampato per finanziare le spese in deficit dell’Italia, mentre i politici itaglioti vogliono la sovranità monetaria per finanziare allegramente la spesa pubblica stampando moneta a volontà.

    • Francesco CH says:

      …e io sono d’accordo con tali politici. Anzi, se mi dici quale votare per riavere la sovranità monetaria, io lo voto. La Lega va bene? Allora voto Lega.

  6. Giobbe says:

    La moneta del Nord, il partouze con Haider, poi quello col siculo Lombardo, l’anno del samurai, l’ampolla del Po…..per arrivare alla moneta a 2 velocità, come un vibratore …..!!!
    Una volta per tutte, mettiamoglielo……là !!!

  7. Giuseppe d'Aritmaticea says:

    Ho letto sulla pagina facebook di Matteo Salvini questo commento, che qui riporto perchè mi sembra interessante. Matteo chiede suggerimenti per l’incontro di oggi con Renzi. Un suo noto amico gli suggerisce:
    “Ottima l’idea di riproporre il problema del federalismo, grande occasione offerta a suo tempo dalla Lega allo Stato nazionale italiano e rifiutata principalmente dai sinistri per smania di potere. La situazione attuale è anche conseguenza di quel rifiuto, oggi valutabile come totalitario, ideologico e sostanzialmente cretino. Quanto a No Euro, comunque gli farei presente che sotto l’aspetto teorico-politico c’è oggettiva incompatibilità fra lo Stato nazionale italiano e l’Euro, in sé per le stesse rispettive strutture. C’è da scegliere: o creare due monete (vecchia idea Pagliarini), sostenendo la situazione mediante un federalismo spinto, oppure ancora spaccare lo Stato, dimenticando l’idea di Stato nazionale e dando spazio a soluzioni macroregionali europee (per noi l’euroregione alpina) o infine staccare lo Stato nazionale unitario dall’Euro, privilegiando la sua unità rispetto a diverse soluzioni territoriali più consone all’idea di Europa dei popoli anziché delle nazioni (vere o presunte, oppure parzialmente vere o parzialmente presunte). Nel contesto teniamo conto che per Napolitano e Renzi battere i pugni in Europa contro il concetto di austerità non significa affatto liberalizzare i rapporti e fondare il concetto di burocrazia di servizio ma significa riempire nuovamente a debito e in modo incontrollato le casse pubbliche, in mano alle voraci e mafiose mani dei politicanti.”
    Aggiungo: austerità per tutti, tranne che per i mafiosi…

  8. Albert Nextein says:

    Ma domani sera non sono a Bologna?

  9. luca says:

    a no pierino..

  10. pierino says:

    da no-roma a no-euro tra un po arriveremo a no-biciclette

  11. gianpaolo says:

    Spesso ho la sensazione che Salvini si reputi il politico tra i più furbi d’ Europa. Questi esperimenti sull’ euro perchè non va a farli da qualche altra parte, così se va male pagano gli altri. Non capisco ormai che politica la Lega Nord sta facendo sta andando di palo in frasca.

  12. Si si cusì a dovaremo spetar on miracolo o na goera par leberarse de i ladri e de i parasidi,

    A Salvini scuminsiemo a darghe 3000 euri al mexe, neti e basta; e come a lù anca a tuti staltri.
    E co li prexentàse carte par spexe false par i renborsi, a la gogna co raxa de peso e pene de oco e pasetà so la gropa.

    Te vedarisi ke no ghe saria cogno de skei a do veloçità.

Leave a Comment