Polesine, Corazzari difende l’assessore Franco Manzato

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

“Non condivido il contenuto critico e recriminatorio (al di là del tono confidenziale) della lettera indirizzata da Isi Coppola all’assessore all’Agricoltura ed alla pesca Franco Manzato, laddove si accusa indirettamente quest’ultimo di avere avuto scarse attenzioni per il Polesine. Mi stupisce soprattutto che tali considerazioni siano fatte da una valente e brava collega che da quasi 15 anni ricopre ruoli di prima importanza nella Giunta regionale del Veneto, e che è attualmente competente anche rispetto alle politiche anche alle imprese agricole e del mondo della pesca. Ritengo invece che emergenze climatiche epocali come il dramma della siccità per essere affrontate seriamente richiedano interventi strutturali di largo respiro ed un’unità di intenti da parte di tutte forze politiche e di tutti i rappresentanti delle istituzioni, che dovrebbero confrontarsi serenamente per il bene del territorio anzichè battibeccare sui giornali”. Così il consigliere della Lega Nord Cristiano Corazzari replica alle dichiarazioni dell’assessore Coppola, che in una lettera aperta ha accusato il collega Manzato di non aver dedicato abbastanza attenzione alla provincia di Rovigo.

“Non sono certo le scelte (peraltro vincolate da rigidi regolamenti europei) relative ai punteggi attribuiti a talune misure del PSR ad aver determinato la situazione attuale – prosegue Corazzari -, bensì la mancanza di infrastrutture ed opere come barriere antirisalita del cuneo salino, bacini di raccolta dell’acqua e opere marittime per il ricambio delle acque nelle lagune che permettano di affrontare emergenze climatiche fino ad oggi sconosciute per il nostro territorio. Inoltre bisognerebbe comprendere fino in fondo come i consorzi di bonifica stiano attualmente gestendo questa problematica. Ad ogni modo su questi temi la Regione si è già attivata ed ha già iniziato a stanziare importanti risorse proprio grazie all’impegno del genio civile, dell’assessore Conte e dell’assessore Manzato: si vedano ad esempio le opere per la realizzazione delle barriere anti cuneo salino sull’Adige e quelle per la salvaguardia della laguna Vallona a Porto Viro”.

“Premesso che ogni contributo dalle istituzioni e dalla politica è ben accetto – prosegue ancora Corazzari –, va chiarito che l’assessore Manzato è sempre stato attento e presente e disponibile verso il Polesine e verso tutte le categorie produttive che rappresentano il nostro territorio, ed anzi gli va dato atto di aver riconosciuto un ruolo di importanza primaria alla nostra provincia nel contesto veneto. Ne è esempio l’impegno profuso nell’attività di riforma in settori per noi fondamentali come quello della pesca con la costituzione del distretto dell’Alto Adriatico ed il prossimo riordino del sistema delle concessione e quello del sistema dei parchi attraverso la prossima riforma della governance e delle competenze”.

“Proprio in quest’ottica – conclude Corazzari – sottolineo dunque l’importanza della visita di ieri per verificare la situazione di crisi che vivono le colture di mitili nella sacca di Scardovari ed i danni alle colture colpite dalla siccità. In questo momento risulta davvero controproducente abbandonarsi a polemiche scaricabarile ed a sterili battibecchi tra politici. Bisogna invece lavorare tutti assieme per trovare le migliori soluzioni ai problemi del nostro territorio e in particolare per il settore primario in crisi”.

Ufficio Stampa – Lega Nord Consiglio Regionale Veneto

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. FrancescoPD says:

    L’assessore Manzato, unito al suo compagno di partito Zaia, grazie alle loro scelte sulle quote latte e alla campagna di idizie nel campo degli OGM, SONO STATAI I PIU’ GRANDI DISTRUTTORI DEL SISTEMA AGRICOLO DELL’INTERA REGIONE VENETO, Rovigo compresa!
    Isi Coppola che stimo, ha ben donde di fare reprimende a questo suo collega, reprimende che sarebbero da estendere a tutta la lega!
    Alla prossima tornata elettorale spero siate STERMINATI dagli elettori!!

Leave a Comment