Lega Nord: nel simbolo inserita anche la Lista di Tremonti

di REDAZIONE

La Lega Nord si presentera’ alle politiche con il suo simbolo tradizionale: la sagoma del guerriero Alberto da Giussano sopra la scritta ‘Padania’ come stabilito dalla statuto federale.

La novita’ e’ che all’interno del simbolo vi sara’ il nome del movimento fondato da Giulio Tremonti, con cui il Carroccio ha siglato un’alleanza a livello regionale e nazionale, ovvero la Lista lavoro e liberta’. E’ questo il simbolo approvato ieri all’unanimita’ dal consiglio federale. Il simbolo tradizionale della Lega, che comprende anche il Sole delle Alpi, e’ stato confermato come tale. E quello della lista 3L, e’ stato precisato, e’ solo un inserimento (una ‘pulce’ nel gergo dei grafici) aggiunto secondo quanto consentito dallo Statuto e in modalita’ seguite gia’ in passato, in virtu’ di un accordo elettorale con la lista di Tremonti.

”Non c’e’ alcun automatismo tra l’alleanza con Berlusconi e la rinuncia a Monti da parte del Pdl”. Lo ha detto ieri sera il segretario della Lega Nord Roberto Maroni a margine della presentazione del suo libro ‘Il mio nord’ in una libreria di Mantova. ”Da qui a venerdi’ – ha aggiunto – si risolveranno tutte le questioni, a cominciare dalla candidatura di Monti e saremo, quindi, in grado di valutare a bocce ferme quelle che sono le prospettive”. ”No a Monti e no anche a Berlusconi candidato premier” ha proseguito Maroni, che poi ha sottolineato: ”Abbiamo difficolta’ di dialogo con il Pdl perche’ non sappiamo bene chi sia l’interlocutore”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

8 Comments

  1. W S. MARCO says:

    Mamma che sozzeria!

  2. marco says:

    @Lorenzo
    e se fanno na roba del genere penso che saremo in tanti a seguirti a ruota…i veri indipendentisti non si presentano alle elezioni romane ma solo alle regionali e alle europee
    VEDI SU TWITTER : Indipendenza sempre

  3. marco says:

    Facciano una cosa del genere o rifacciano l’alleanza con Berlusconi e questa volta davvero nè io nè la mia famiglia voteremo per il Carroccio. Abbiamo sopportato di tutto ma adesso basta. Pazienza le porcherie con i soldi perchè l’uomo è debole ma nessuna vittoria elettorale, peraltro anche dubbia, potrebbe giustificare un tale tradimento.
    Maroni è un chegadubbi e non ci porterà da nessuna parte. La macroregione del nord che si trattiene il 75% delle tasse è una bufala perchè vuol dire rimanere legati a Roma e ancora darle il 25%. Solo l’INDIPENDENZA può salvarci.

  4. Franco says:

    Il quadro è completo:una zecca su un somaro!

  5. Ferruccio says:

    Non è una novità….

    Già alle elezioni politiche 2006 la Sega del Nord aveva inserito la colonba di don Raffaele Lombardo sul simbolo del carroccio.

    Lega Nodde + M.P.A (movimento per l’autonomia)

  6. Lorenzo says:

    ok. mi tocca annullare la scheda

  7. Don Ferrante says:

    Per la miseria, Maroni è qui ancora con il ministro sparacazzate che ha giurato fino all’ultimo che la crisi era superata e tutto procedeva per il meglio nel migliore dei paesi possibili !

    Porca vacca, anche i meno accorti dei berluscones, mille volte più accorti dei marones, avevano capito che Tremonti è una nullità pericolosa: l’avevano evacuato….ma i geni del Carroccio l’hanno imposto nuovamente !
    Dio ci scampi !

  8. Giacomo says:

    Si ricostituisce il patto diabolico che ha partorito equitalia.

Leave a Comment