Lega: elezioni lombarde nel 2013 e via i consiglieri regionali rinviati a giudizio

di GIANMARCO LUCCHI

Dopo un paio di giorni dominati da una certa confusione, la Lega Nord ha deciso: legge elettorale regionale e legge di bilancio da approvarsi entro Natale “per poter così far coincidere il voto della Regione Lombardia con le elezioni politiche di aprile in un unico election day”. Sono questi i due punti prioritari individuati oggi dal consiglio federale della Lega, che ha scelto dunque la via delle elezioni anticipate. “Il consiglio federale – si legge in una nota diffusa al termine dell’incontro – ha dato mandato al segretario federale Roberto Maroni e al leader della Lega lombarda Matteo Salvini di gestire la questione della crisi della Regione Lombardia sia per quanto riguarda il nuovo assetto regionale che per la durata della legislatura regionale”. Il Carroccio chiede anche le dimissioni immediate di tutti i consiglieri rinviati a giudizio.

Durante la discussione si sono confrontate due posizioni: quella del segretario Roberto Maroni che ha raggiunto l’intesa con Angelino Alfano e Formigoni per l’azzeramento della vecchia giunta e la formazione di una nuova squadra con il compito principale di approvare una nuova legge elettorale per tornare al voto. L’altra è quella dell’europarlamentare e segretaio lombardo Matteo Salvini, che chiede di staccare la spina e costringere Formigoni a dare le dimissioni per tornare subito al voto e per prendere le distanze dal Pdl dopo l’arresto dell’assessore regionale alla Casa, Domenico Zambetti per concorso esterno in associazione mafiosa. Fra segretario federale e segretario lombardo probabilmente in questi giorni è andato in scena un gioco delle parti, con Salvini che ha fatto comunque prevalere le sue convincioni.

Poco prima che via Bellerio decidesse, il  governatore lombardo Roberto Formigoni si era però detto «pregiudizialmente» contrario a far durare solo qualche mese e non fino alla fine della legislatura la Giunta regionale. «Certamente – ha affermato – le giunte nascono per eseguire un programma e questo vale per tutta la legislatura». E un eventuale appoggio esterno della Lega?  Sarebbe «sbagliato» e infatti non lo accetterebbe.

 “Votare domani mattina? Non si puo’, occorrono 90 giorni, per legge. Dopo 15 anni di Regione Lombardia, pero’, Formigoni puo’ lasciare il testimone. Farebbe bene a rendersene conto anche lui perche’ sarebbe utile essere ricordato per le cose buone fatte e non per le schermaglie delle ultime settimane. È la vittoria del buonsenso della Lega e di Bobo Maroni”. Lo dice Matteo Salvini (Lega) a Tgcom24. Ora, aggiunge, “come Lega, responsabilmente, portiamo a compimento le ultime cose che interessano i cittadini: il bilancio regionale, una legge elettorale nuova che elimini il listino per far si’ che le Minetti non possano essere paracadutate al Consiglio regionale e poi al voto, serenamente. Non ho sentito Formigoni, il sabato pomeriggio lo dedichiamo alla famiglia e non a lui”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

16 Comments

  1. Franco says:

    Assistere alle autocelebrazioni è disgustoso.Dire e dirsi la verità è una dote rara.Continuare a far finta che vada tutto bene è illusione da stupidi.Sostenere le menzogne è criminale !

  2. giovanni says:

    ad aquele abraco: risposta : sono tutti in lega nord. saluti. (LPCr)

  3. Aquele Abraço says:

    Ma quanti doppiogiochisti e infiltrati ci sono tra questi indipendentisti schifati della lega nord e sempre pronti a denigrarla qualunque cosa faccia?

  4. Luca L'Insubre says:

    La nuova linea della Lega è sensatissima e coerente. Ha chiesto da subito l’azzeramento e l’ha ottenuto. Ha convocato imprenditori negli Stati Generali, per ascoltarli. Lo stesso farà con gli agricoltori. E’ molto sensato, ascoltare le forze produttive del tuo territorio ed il tuo elettorato prima di stilare un programma. Vedo molti ex leghisti che per risentimento personale sputano veleno, dall’alto di cosa? Solo uniti si vince su Roma. Probabilmente se gli stessi che danno dei “legaioli” ai leghisti, mettendo da parte le faide, avessero votato Lega, non si sarebbe qui a parlare di queste cose. Perchè una Lega più forte sarebbe stata più incisiva, e sarebbe risultata meno “cadregara” a lorsignori. Ma tant’è, siamo in itaglia.

  5. free lance says:

    scusate ma ha vinto la inea bossi…

  6. Jesse James says:

    Come io ho scritto qualche giorno fa in questo bel portale, la Lega ha staccato la spina a formigoni. Purtroppo MARONI ha difettato in comunicazione andando a Roma a trattare sulla Lombardia, invece di dire ad Alfano e soci di venire semmai loro a Milano. Ma avendo egli una portavoce che e’ amicissima del pdl e non leghista, e lo sanno anche i muri, i risultati disastrosi per l’immagine di MARONI sono sotto gli occhi da tempo. Solo lui finge di non accorgersi di questo clamoroso problema interno. Meno male che Salvini e i lombardi fin da subito hanno fatto capire che il tempo di stare in una simile giunta regionale e’ finito. Questa e’ la vera lega , quella delle origini. Anche se oggi si chiama lega 2.0. Comunque bravo MARONI che hai ribaltato tutto in 24 ore. Avanti senza paura!

  7. hermes vanali says:

    Bisogna che la Lega recuperi i suoi talenti dimenticati come Paragone, Faverio e Lussana e li metta a capo delle tre reti Rai e poi la Bianchi Clerici alla presidenza e allora sì che forse cambierebbero le cose e la Padania potrebbe davvero decollare….e la strategia della Lega invaderebbe l’universo!

    • hermes vanali says:

      perchè in effetti chi mai potrebbe resistere a una simile gioiosa macchina da guerra? E gli intervistati finirebbero tutti al tappeto, subito!

      • Jesse James says:

        Con simili commenti ridicoli, scusate, non si va da nessuna parte e rutti gli indipendentisti dovranno emigrare in Catalunya…

        • Ginelli says:

          Perche sono imperdibili i tuoi vero ? Un fine intellettuale di fine corsa con nome da pistolero…sai voi leghisti non sapete usare l’ironia ma nemmeno capite il sarcasmo.

  8. Marco says:

    Il vero handicap per la strategia della Lega alle regionali è la mancanza del doppio turno; con quella legge elettorale potrebbe anche correre da sola e vincere; col turno unico, invece, il centrodestra può puntare, in caso di Lega non alleata col cdx, sulla necessità del “voto utile” contro il rischio di far cadere la regione in mano al centrosinistra.

  9. Ferruccio says:

    Al ridicolo legaiolo non c’è limite….

    Non sanno più cosa fare… il precipizio è vicino….
    Boby Maroni…. dai fai un bel salto (anche se sei di gamba corta) attento a non cadere nel vuoto…….

    Altri tempi altra Lega ma sopratutto ALTRI LEGHISTI
    Non legaioli CADREGARI

    Lettori dell’indipendenza oggi fate un sacrificio …
    leggetevi anche il fatto quotidiano pag 1/2/3 e sarete daccordo con Ferruccio

    Non più scope per la pulizia , ma MANICI PER ACCAREZZARE LE SCHIENE

Leave a Comment