Nessuna apertura alla Lega: pensano a Roma e alle clientele

di FRANCO DI BRACCIO*

“Chi per bugiardo è conosciuto, anche se dice il ‘vero’ non è più creduto”!

Mi sembra azzardato fare una apertura di credito sulla parola, ad un “movimento” che non ha più questa caratteristica, essendosi trasformato, ed è ampiamente dimostrato, nel più romano dei partiti. Ripeto: che Roma è una mentalità e, purtroppo, il comportamento e i piccoli segnali che giungono dal presunto avvenuto cambiamento confermano che nulla è cambiato. Non è ammissibile, né credibile appunto, che il signor Maroni urli “Via da Roma”, quando solo due settimane fa la sua Lega ha fatto il diavolo a quattro per piazzare Giovanna Bianchi Clerici nell’Autorità Garante della Privacy, ente romanocentrico e parassita che serve solo a riconoscere decine di migliaia di euro di stipendio al raccomandato di turno. Non è ammissibile che il signor Caparini venga a raccontare la barzelletta – perchè tale è – del “non pagare il Canone Rai”, quando la Rai per la Lega è uno dei poltronifici preferiti dal Carroccio.

Se si è alternativi al “sistema” dal sistema si deve “uscire totalmente”, non a chiacchiere ma nei fatti e, fino ad ora, si sono udite soltanto chiacchiere, trite e ritrite. E’ molto comodo e redditizio affermare che si inizia una “fase due”, continuando sulla stessa linea della “fase uno”, come dire che un gruppo di musicanti diverso da quello precedente legge e suona lo stesso spartito, uno spartito che in vent’anni di Lega ha solo fatto impoverire e immiserire le aree padano-alpine. Sapete perchè? Perchè se cambia la musica non ci sono più i “soldini” facili, facili e non ci saranno più incarichi, per lo più fasulli, per le clientele, gli amici e gli amici degli amici incistati in ogni ente (questo è il loro federalismo municipale). Se si cambia musica non ci sarà più nulla da “offrire” in cambio della cieca obbedienza di leninista memoria.

Ci sarebbe però, da parte nostra, la riconquista di un grande valore: LA LIBERTA’ e L’INDIPENDENZA! Ma purtroppo si sa bene che il cane abituato alla catena non vuole la libertà, in cambio della sua obbedienza si accontenta di una ciotola degli avanzi del PADRONE!

*Presidente  Associazione Culturale Federalista Gianfranco MIGLIO

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

21 Comments

  1. Alieno says:

    partiti, movimenti, liste civiche…
    tutto bene, ma alla base devono esserci degli strumenti di controllo e dissuasione nei confronti dei leader.

    Tu Maroni fai quello che vuoi con la Lega, ma quando la base vuole ritirare la delega per decidere direttamente tu non scappi.

    Ecco cosa manca, la democrazia interna.

  2. silven says:

    perchè gli altri paritti indipendentisti padani non riescono a ottenere l’indipendenza nonostante il loro comportamento sia diverso d quello della lega nord, cioè non hanno poltrone in rai e non sono a roma?

  3. Braveheart says:

    La gestione Marini stà ottenendo il suo primo risultato…

    L’imprenditrice Todini (P.D.L.) sarà eletta nel C.D.A. Rai

    Isabella Votino e la sig.a Todini sono legate da fraterna amicizia…..

    • lauretta says:

      evvai e finalmente uno che le canta come stanno! E chi ha messo la ex portavoce di Bossi a fare il condirettore di quel meraviglioso contenitore che è Rai Parlamento dove si vedono servizi commerciali ad ogni piè sospinto e dove si parla di un federalismo che non esiste????? E chi ha piazzato in Rai Paragone???? Sono stato forse io????

      • Braveheart says:

        No posso confermare che non è stata Lei…

        Sono stati Maroni, Giorgetti, Garavaglia, Caparini, Stucchi, Fava e gli altri LANZICHENECCHI legaioli che siedono sulle poltrone romane

  4. gigi ragagnin says:

    il buon Tabladini non stimava Maroni proprio per nulla.
    aveva tentato l’operazione rifondazione leghista.
    anni dopo anche pagliarini e Oneto avevano tentato l’operazione ducario.
    adesso che è successo il patatrac, questi qua dicono di provarci : basta solo un po’ di pazienza … alle elezioni tra pochi mesi li vedremo scomparire.

  5. Franco says:

    E’ proprio basandosi sui fatti che si tirano le somme.In assenza di fatti la somma è sempre ZERO.
    Un congresso con un unico candidato NON E’ UN CONGRESSO,E’ UNA FARSA che serve soltanto ad orientare un gregge di pecoroni verso un culto di una diversa personalità ,differente nella forma ma identico nella sostanza.
    Si è sbandierato VIA DA ROMA,attendo con fiducia che alle parole seguano i fatti,anche se nutro fortissimi dubbi sulla veridicità della affermazione che ,a mio avviso,è soltanto propaganda per quei poveretti che ci credono ancora.Se VIA DA ROMA significa rinunciare soprattutto AI SOLDI DI ROMA e A QUELLI AD ESSA COLLEGATI,ATTENDO CHE MARONI METTA IN PRATICA QUELLO CHE HA DETTO,DIVERSAMENTE TACCIA PER SEMPRE !!

  6. Gianluca says:

    Aggiungo che a lega no passa l’oto par sento ae prosime poitiche……finita!

    • gibigianna says:

      portiamo l’infernmo nelle loro vite e nelle loro case come loro lo hanno portato a noi chiedendoci di scarificarci per qualcosa che non eistseva e che ha portato frutti solo a loro, dandogli potere di ricatto al potere romano! Devono sentirsi controllati, sentire il nostro fiato sul collo. Mica andare in giro a banchettare o a far viaggi di piacere alla faccia nostra!!!!!!

  7. Il Lucumone says:

    A suo tempo, pur impegnato lontano da Roma, ho direttamente seguito, con impotente disappunto, al massacro dell’immagine e della persona di Miglio scatenato nel 1994 dall’oligarchia leghista che gli preferì Speroni, tecnico di volo (sic), al Ministero delle Riforme ! Le volgari esternazioni dell’epoca restano una pietra miliare nella storia della Lega 00 !
    Mi sono sempre chiesto perchè gli eredi abbiano in seguito consentito alla Lega di strumentalizzare, nel modo più sfacciato e quando faceva comodo, la figura di Miglio senza reagire.
    La Lega, e mi dolgo di averne originariamente aiutato la crescita, ha tradito la ingenua gente del Nord ed ha arricchita una banda di ignoranti ma furbi bottegai.
    Se non abbiamo uomini seri e capaci, teniamoci i terroni: meglio un terrone palese che un terronista camuffato di verde !

    • Unione Cisalpina says:

      levantino…

    • minella says:

      Alè, finalmente si sente la musica giusta! Questo dovete spiegare nelle case e nei bar negli uffici e per strada: Chi c’era testimoni e dica quale grandissimo tradimento è stato pepetrato ai danni delle genti del nord. I leghisti sono i prefetti del sottopotere romano. Meglio allora essere comandati da romani veri piuttosto che dai loro galoppini. Mi ricordo la portavoce di Bossi che strillava, come ha ricordato Stella su Corriere, contro corrotti e poltronari e oggi dirige la Rai Parlamento!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  8. Ferruccio says:

    LEGA NORD = PARTITO ROMANO DEL NORD

  9. Pao says:

    Purtoppo i fatti parlano da sé e la conseguenza é che si sono giocati credibilità e fiducia.
    La via dell’autonomia deve passare da altre strade e da altri uomini, da altri progetti e da altre menti.
    Coraggio!

  10. berg says:

    1- Sarebbe interessante sapere quanti rappresentanti, o presunti tali, di questi movimentini erano effettivamente presenti al congresso della Lega. Dico questo perchè prima di sparare sentenze sarebbe opportuno conoscere per bene lo svolgimento dei fatti, e non basarsi sul sentito dire.

    2- Dato che tutti gli esponenti dei movimentini si autoproclamano depositari delle istanze indipendentiste e profondi conoscitori del pensiero federalista, autonomista, indipendentista ecc., sarebbe il caso che finalmente mettessero a frutto tutta questa loro scienza e conoscenza iniziando a fare politica.
    Invece fino ad esso quello che latita sono le idee, mentre abbondano le cazzate sparate contro un solo obiettivo.
    Sbattetevene le palle della Lega, fate come se non esistesse e iniziate a fare politica seriamente, se ne siete capaci, e veramente dimostrerete di essere nel giusto la gente vi seguirà.
    Altrimenti andando avanti così dimostrate solo di essere itaglioti della peggior specie, quella dello sfigato-invidioso-rancoroso, che incapace di combinare qualcosa di buono agisce solo per danneggiare chi è messo meglio, o pensa sia messo meglio.

  11. Dan says:

    Tutto giusto, tutto sacrosanto. Adesso c’è solo da sperare che questa cosa venga capita dalla gente così che alle prossime elezioni venga un altro crollo così le poltrone finiranno per doverle salutare

  12. Si sono infangati nella palude romana, hanno dato retta al canto ammaliatrice delle sirene centraliste.
    Hanno cominciato solo qualche settimana fa a riprendere a dire “Via da Roma”.
    Le parole sono a zero, contano i fatti. Per giudicarli guardiamo i loro frutti.
    Personalmente lascierò loro qualche mese per disintossicarsi dalle nebbie romane e dall’oppressiva presenza di Bossi – che a prescindere da qualsiasi giudizio sul suo operato precedente – è ormai vecchio, stanco e malato. Non ha più forza e spero che non metta i bastoni fra le ruote.

  13. betty1983 says:

    L’inferno si spalancherà sotto i loro pieidini di porco….e li inghiottirà maledetti usurpatori !!! Viva in Fratelli nella Notte e onore alla loro azione vendicatrice del popolo.

  14. aristardi says:

    Giustissimo, giustissimo giustissimo. La Lega ha illuso e fottuto milioni di persone e dove erano i vari Giorgetti Salvini Cota Briccolo e soci via dicendo? Dove erano??? Sono nuovi? Hanno cambiato tutto? No e poi no e ancora no. Farsa ignobile! Ignobile. Cambiare tutto affinchè nulla cambi ecco la lezione che hanno appreso e mettono in pratica. Quale orrore hanno combinato dove si sono incistati? Guardate in Rai che risultati d schifosi hanno ottenuto eppure occupano e pontificano e fanno la morale agli altri. A cagare, vadano a cagare. Ps: per non parlare del marcio imperante ovunque sono, all’interno e al’esterno e i loro beati alleati (che fingono di criticare) tipo Formigoni e il presidente della Provincia di Milano (a proposito…non abolite le province vero minchioni che ci mangia tanta gente!!!!!!!!!!!!!!!!)

  15. alberto says:

    tutto condivisibile

Leave a Comment