Lega: l’Aurelio, ex autista di Bossi, entra in Consiglio Federale

di G.L.M.

E’ uno dei militanti leghisti sicuramente depositario di tanti segreti del Carroccio, ma non ha mai aperto bocca nemmeno per sbaglio, nonostante sia stato e sia tuttora circuito dai giornalisti di mezza Italia. Aurelio Locatelli, ex autista di Umberto Bossi, ha ascoltato con le proprie orecchie tantissime conversazioni del Vecchio Capo fino al fatidico malore che lo colpì nella notte fra il 10 e 11 marzo 2004. Aurelio c’era anche in quella occasione, ma non si è mai lasciato andare ad alcuna confidenza sulla ricostruzione di una notte drammatica intorno alla quale sono fiorite alcune leggende. Ebbene, oggi l’Aurelio, come tutti lo chiamano, corona la sua carriera leghista entrando nel Consiglio Federale di via Bellerio, vale a dire il massimo rgano decisionale del movimento. Si era candidato alal carica al congresso di Assago dell’anno scorso, ma era rimasto fuori. Ora, grazie all’espulsione dell’ex parlamentare ed ex sindaco di Lesmo, il bossiano di ferro Marco Desiderati, l’Aurelio entra nel parlamentino leghista.

Nel 2004, dopo la convalescenza del Capo, fu allontanato dal suo lavoro di autista del segretario federale e ricomparve a fianco di Giancarlo Giorgetti, comunque sempre a disposizione di qualunque dirigente del Carroccio che apprezzasse la sua discrezione. Più recentemente era divenuto segretario di una circoscrizione leghista nella Bergamasca. Adesso il salto nel Consiglio federale per un uomo che potrebbe scrivere davvero un libro sugli anni d’oro della Lega e di Bossi pre-ictus. Qui pubblichiamo una delle rarissime immagini dell’Aurelio insieme a Umberto Bossi.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

9 Comments

  1. gigi ragagnin says:

    il povero Ballaman ha imparato a sue spese a non dare la “giusta” importanza agli autisti. gli autisti vedono tutto quello che capi e capetti fanno, mentre li scarrozzano. l’ha imparato anche arrenzino abbozzi. consiglio i capi leghistoidi a guidare personalmente la macchina oppure a prendere il taxi. ma quante ne saprà l’aurelio sul fondator legae ?

  2. max says:

    Segretario della sezione di GORLAGO bg,dove si fa la politica per la salvezza del nord,grazie all’autista di Bossi,Giorgetti,Calderoli,ma fateci il piacere siete ridicoli,magari il poveretto non ha mai riscosso lo stipendio e ora presenta il conto.

  3. max says:

    Rido per non piangere per loro,l’ennesimo autista di Bossi che si fa strada,il primo fu Babini consigliere comunale a Milano,questo almeno se lo pagano loro oppure lo fa gratis affari suoi e loro.Be se la nuova Lega2.0 riparte da questo signore,vuol dire che sono totalmente a piedi.
    Consiglio Federale,che questo individuo abbia dei segreti e per metterlo buono lo premiano,oppure è il solito infiltrato della fazione perdente,un pozzo di scienza nostrana.
    Delle due ipotesi,così a naso propenderei di più per la seconda.

  4. Marco Mercanzin says:

    Eh, l’Aurelio, secondo me, ha la “scatola nera” come Andreotti……se solo si mettesse a parlare, probabilmente molti leghisti non lo sarebbero più. 🙂

Leave a Comment