Lega e Le Pen: forse gruppo unico in Europa. Un belga fa fare una figuraccia a Salvini

di ALTRE FONTI

L’estrema destra francese ha «inquietudini in comune» con la Lega Nord. Lo dice all’Ansa la leader del Front National, Marine Le Pen, dopo il pranzo avuto con il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, durante il quale si è valutata l’ipotesi di fare «eventualmente» un gruppo parlamentare comune al Parlamento europeo dopo le elezioni di maggio.

PUNTI DI CONTATTO – «È sicuro che con Salvini abbiamo un certo numero di inquietudini comuni – ha sottolineato Le Pen – che riguardano l’Unione europea, l’euro, il funzionamento anti-democratico della Ue, l’immigrazione massiccia subita dai nostri paesi. Perciò discutiamo per vedere se, partendo da questi punti in comune, potrà uscire un giorno una lotta politica al Parlamento europeo, eventualmente nel quadro di un gruppo parlamentare».

«ACCOGLIENZA FINITA » – Preoccupa la deriva razzista della Lega Nord? «Non sono aggiornata giorno per giorno sull’attualità politica della Lega Nord – risponde Le Pen – Quello che è certo è che noi stessi siamo regolarmente e scandalosamente accusati di razzismo per il motivo che noi ci opponiamo all’immigrazione. Penso che il semplice fatto di essere contrari all’immigrazione non significa che siamo razzisti. Il Front National ha sempre detto che difendiamo i francesi di qualsiasi razza, religione e origine. Non è per questo che accettiamo l’immigrazione di massa, l’apertura generale delle frontiere, l’arrivo massiccio di Rom o di altri popoli che non possiamo più accogliere perché non ne abbiamo più i mezzi».

da: www.corriere.it 

LA FIGURACCIA DI SALVINI A STRASBURGO

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

10 Comments

  1. Veritas says:

    Ho sentito su Radio 24 l’intero discorso del belga dal nome molto complicato e che -pure lui- ha preso l’occasione per dare di razzisti ai leghisti..
    Naturalmente il belga ha avuto vita facile, frequentando solo l’Europa;: al posto di Salvini con tutti gli sconvolgimenti, riunioni, congresso, nomina a segretario chissà se ce l’avrebbe fatta”. Credo proprio di no.

  2. Marco Green says:

    Figuraccia per figuraccia, riporto, per quelli a cui piace sentire anche l’altra campana perché sono in grado di giudicare con la propria testa, senza bisogno di servizi tagliati ad arte che li trattano da imbecilli, il link dove Salvini ha pubblicato anche i suoi interventi.

    http://www.youtube.com/watch?v=-R14_-p7NWA&feature=c4-overview&list=UUDjM54fZ-cD7F8uom767OhA

  3. insubre says:

    Sogni belleriani. Primo perchè con il sistema elettorale francese il FN avrà nella migliore delle ipotesi 6 o 7 eurodeputati, secondo perchè la Lega non superando il 4% non ne avrà nemmeno uno. Ma mettiamo anche che per un miracolo, alleandosi con le Leghe meridionali o con personaggi tipo Musumeci, Cito e Lombardo (gente che muove centinaia di migliaia di preferenze) la Lega arrivi al 4% ed elegga 2-3 eurodeputati, costoro uniti ai 6-7 francesi e agli 1-2 del VB fiammingo (in forte decrescita) e ai 2-3 austriaci non avrebbero i numeri per fare un gruppo parlamentare. Tenete poi presente che nel FN c’è malanimo verso i mutandari della Lega, in maggioranza sono contrari a mescolarsi con un partitino di inquisiti. La Lega con Farage e i partiti euroscettici seri (e non nazisti) aveva l’occasione di fare grandi cose e l’ha sprecata.

    Quanto all’osservazione del parlamentare belga in merito all’assenteismo partenopeo di Salvini nulla da eccepire: ha detto quello che tutti i militanti leghisti perbene pensano.

    «È sicuro che con Salvini abbiamo un certo numero di inquietudini comuni – ha sottolineato Le Pen». Cercatevi un bravo terapeuta.

  4. Pedante says:

    Il Front National ha sempre detto che difendiamo i francesi di qualsiasi razza, religione e origine.

    Dal momento che la razza non è solo un costrutto sociale, essere razzisti è logico. È del tutto naturale amare i propri figli più di quelli degli altri, a prescindere dai pregi e difetti dei primi.

  5. Mirko Autonomista Felsineo says:

    sono concettualmente contrario a fare “gruppo parlamentare” con l’estrema destra nazionalista francese. Se ci sono temi di battaglia comune (marginali rispetto al nostro progetto autonomista, ritengo) si approfondiscano ma senza ammiccamenti e abbracci di questo tipo.
    A parte certi strani articoli scritti sempre dalla stessa persona su un quotidiano del nord, ritengo che la signora Marina Il Pene possa essere il giusto interlocutore quando i nostri confratelli autonomisti Corsi o Bretoni avranno la stessa opinione.
    Ma ci rendiamo conto che siamo l’unico (UNICO) partito autonomista che da esattamente 20 anni si è fatto catalogare come propaggine politica -di destra- di schieramenti nazionalisti e unionisti?
    L’autonomia della Padania non può avverarsi senza un serio RESET mentale della militanza, oramai sostituita da italici avvezzi al tricolore e a questo tipo di abbracci mortali.

  6. Hadouken! says:

    Prima che arrivi qualche legaiolo a scrivere SI MA HANNO TAGLIATO LA RISPOSTA DI SALVINI, nella stessa Salvini AMMETTE di non essersi mai presentato, perché ERA UN LAVORO INUTILE. Poi è tornato a casina e i suoi ghostwriters gli hanno suggerito cosa scrivere per fare bella figura con i militonti che l’hanno sommerso di like.
    Loro sono irrecuperabili e lo sappiamo, ma mi raccomando, qualcuno continui pure a sperare in un loro ravvedimento…

    • Marco Green says:

      Guarda fenomeno che l’osservazione nell’altra discussione l’ho fatta io, che non sono né “legaiolo” né “militonto”.
      Salvini, tra l’altro, lo avevo criticato duramente poco prima, in un commento nell’articolo su Radio Padania.

      Per completezza d’informazione era da lasciare interamente anche la risposta di Salvini; al di là di quello che possa aver detto era comunque interessante e GIUSTO non tagliarla in quel modo.
      Il fatto che abbiano messo solo quello che gli interessava dimostra che non sono né seri né corretti.

  7. Unione Cisalpina says:

    da Sforza italia a Fratelli d’italia, il trend ideale dei lekkisti, kugini d’italia, si sposta viep+ verso Ordine Nuovo e destre nazionaliste … tutto bene (?)…
    solo ke dovrebbero finalmente togliere dallo statuto ogni riferimento a Padania (… e sua indipendenza) potendo aggrapparsi al loro NORD ingannevole ed italiko … di Prima e Dopo il raggiro indipendentista.

  8. Paolo says:

    Progetto nazionale di Puschiavo, cuore nero, destra per milano, esultano per l’alleanza ottenuta dal loro pupillo Salvini coi camerati d’oltralpe…

    • insubre says:

      Non dimenticare il circolo Il Talebano di Vincenzo Sofo, principale think tank di riferimento di Salvini e ispiratore di queste prese di posizione.

Leave a Comment