Lega: combattere la battaglia indipendentista o identificarsi in partito nazionale per conquistare Roma?

unitaaa
di MARCELLO RICCI – Il Quattro novembre è la festività civile che ha particolari peculiarità. E’ double-face, è celebrativa delle forze armate e dell’unità d’Italia. Le forze armate, quando sono espressione di combattenti puri nel cuore e saldi nella fede, meritano rispetto anche se la ragioni del loro combattere non troveranno consenso in una revisione storica.
 Diverso è celebrare una unità imposta, mai raggiunta perché impossibile e resa tale da interessi  contrari ai concetti di libertà e di autodeterminazione.
Una delle colpe più gravi del fascismo è di aver in posto in atto con strumenti diversi la migrazione dalle varie aree geografiche dello stivale nell’impossibile tentativo di fare di molti, un solo popolo. La parte continentale di questo paese è, e resterà tale comunque. Il compromesso della soluzione federalista è stato fatto fallire per motivi di sfruttamento economico.
I molti movimenti indipendentisti del Nord da sempre attivi, furono genialmente unificati nella Lega Nord per l’Indipendenza della Padania. E’ storia a tutti nota. Roma sempre più Ladrona non rinuncia al ruolo di disonesto gabelliere e la stessa Lega resta ancora oggi incerta sul da farsi : combattere la battaglia indipendentista o identificarsi in partito nazionale per conquistare Roma per poi cambiare l’ordine delle cose?
 E’ la sfida attuale, un bivio che porta a strade parallele per l’obiettivo, ma divergenti sulla via da percorrere.
Se la Lega Nord per l’indipendenza della Padania deve cercare voti in Sicilia, Calabria, Puglia, Campania , ecc. , dovrà cancellare il Nord, la Padania, l’Indipendenza, il Sole delle Alpi, l’Alberto da Giussano. Certo potrà restare Lega, magari con l’aggiunta Italia e con nel simbolo la bandiera tricolore.
 C’è un però, molti anzi moltissimi di quelli a cui ci si rivolgerà potrebbero non credere alle cancellazioni e la diffidenza non porta consensi.
Sarà sufficiente proporre idee politiche in astratto vincenti, per convincere tutti che il benessere deve essere prodotto  dal proprio e non dall’altrui lavoro?
Print Friendly

Articoli Collegati

7 Commenti

  1. giancarlo says:

    Andrò a leggermi questo libro sull’ISIS, ma dopo mi chiedo e Vi chiedo cosa possiamo fare per fermare o impedire o cambiare le cose??
    A questo mondo, quando si vuole veramente cambiare qualcosa…..guardate i Curdi…….si deve combattere.
    Viviamo in un mondo in cui i “grandi” della terra usano le armi per vincere o convincere.
    Non ho mai visto una conferenza internazionale dove si risolve qualsiasi problema mondiale o di controversie di qualsiasi genere se non dopo molte riunioni e molto, molto tempo.
    E’ per me, che mi ritengo un cristiano, dover affermare che con la diplomazia o la democrazia un Popolo o peggio ancora per piccoli gruppi o uomini singoli ( di Gandhi c’è né stato uno solo come di Gesù Cristo) il solo pensare di poter fare qualcosa è solo un sogno. Sogno che tutta la brava gente, anche nel mondo, vorrebbe ottenere. La libertà, la democrazia, il vivere in pace etc…etc.. sono sogni di tutti, salvo di coloro che quando arrivano al potere sembra quasi che si consegnino anima e corpo a Satana. Cambiano del tutto, sono ammaliati dal loro potere ne sono soggiogati a tal punto da cambiare persino carattere e tratti somatici. Diventano duri, seri, imperturbabili, spietati e senza scrupoli….ultimo esempio a questo mondo il Sig. ERDOGAN. La Turchia dopo il genocidio degli ARMENI si appresta a fare quello contro i CURDI. I segnali e gli atti intrapresi sono lì davanti ai nostri occhi. Adesso vuole anche partecipare ai combattimenti ma il suo unico scopo è quello di impedire che i Curdi si impossessino di RAKKA e per farlo sarebbe capace se gli permettono di inviare le sue truppe di uccidere tutti i CURDI i combattenti PESHMERGA che da sempre combattono anche per noi contro l’ISIS.
    Dunque, per esempio, quale è la politica estera della LEGA ? Nessuna !!! Ha solo in mente di mantenere in vita un partito che è già morto perché non ha più anima né popolo come un tempo e come ha detto prima di me CASTAGNO 12 …poverini tengono famiglia………!!!!!!!!!!!!!!!!
    Pertanto, ogni tanto, ricordiamoci della LEGA NORD così avremo modo di continuare a criticarla come essa ha tradito continuativamente i VENETI e non solo.
    La Lega oggi non ha più modo di esistere. Mi dispiace ma la penso così.
    WSM

  2. Castagno 12 says:

    La Lega Nord non ha alcuna intenzione nè possibilità di combattere ” una battaglia indipendentista “. Lo dicono i fatti. La Lega è da considerare un capitolo chiuso, per i Residenti al Nord.
    Se altri avranno intenzione di AGIRE CONCRETAMENTE per l’Indipendenza del territorio sul quale abitano, faranno bene, per il momento, ad accantonare questo obiettivo. .La logica ed il buon senso suggeriscono di affrontare i problemi in ordine alla loro importanza ed in base al carattere di urgenza.
    Quindi, chi vuole operare per l’Indipendenza, dovrebbe cominciare a togliere qualsiasi aiuto al Governo Mondiale che sta creando danni, disordine e conflitti infiniti.
    Riprendo in esame il libro che ho segnalato l’altro giorno agli Indipendentisti – già dimenticato, vero ?
    Troppa fatica leggerlo ?
    Di Paolo Sensini ” ISIS – Mandanti, Registi e Attori del “Terrorismo” Internazionale ” – Arianna Editrice.
    Il Libro è in vendita.
    Da pag. 52, ricopio:
    ” …. Nel Gennaio 2014 il Congresso degli Stati Uniti tiene una seduta segreta, nel corso della quale vota, IN VIOLAZIOINE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE, il finanziamento di Jadhat al-Nusra (Al-Qa’ida in Siria), gruppo già “a libro paga di Turchia e Qatar”, dell’ISIS e di altre formazioni combattenti” ….. Orgogliosa di questo appoggio statunitense, l’Arabia Saudita ha sostenuto, fin dai suoi esordi, le formazioni jihadiste presenti sul territorio siriano …..”.
    A fondo pagina le note indicano le fonti delle informazioni.
    L’italia è alleata degli USA, recentemente Obama ha gradito la visita di Renzi e Berlusconi si è spesso vantato della sua amicizia con Bush.
    Che rimangano alleati degli USA i “politici” italiani, MA NON GLI INDIPENDENTISTI CHE ORA STANNO A GUARDARE !

  3. Ric says:

    Bravo , e anche giusta l’ultima considerazione ;
    è la via pacifica , ma la meno allettante , la più rognosa , anche perchè convincere chi lo è giá non è cosa buona .
    Convincere il nemico , immaginandolo come affetto da certa mentalità da sud retrogrado è una dicotomia; istinto , filosofia e mision allo sfruttamento del prossimo è imprimatur caratterizzante di quella razza predatrice parassitaria oramai famosa in tutto il mondo , motivo di vergogna per esserne forzosamente accostati sotto il tricolore .
    ; infatti possedendo tutti i mezzi , stabilisce tutti i fini .
    Stato, correitá criminale costitutiva di licenza (leggi) ove troneggia burocrazia ed apparato diffuso , onnisciente .
    T’impone all’obbedienza supina dall’alto dei suoi provveditorati e prefetture, governi illegittimi , TV di menestrelli d’ idioma levantino , bacia mano al capo bastone da Rendita di posizione che appalesano senza neppure infingimenti , un benessere diffuso grazie a continui bottini di guerra ( tasse ,gabelle , imposizioni fiscali , aliquote dirette indirette , camuffamenti , multe , bollette etc.)
    La democrazia intesa in tal senso risulta distorsiva , pretestuosa , lesiva .
    La casta del predominio , trasversale classe autopoietica , dal numero crescente , perniciosa solidale protettiva coi se stessi , cioè un intero magma sociale che vive di parassitismo e di rapina sul prossimo , montante di numero e di pretese , collegata e collusa in ogni dove (mafie legali ed illegali ) , casamonica style , aspromont’s families , brand , servizio incondizionato osmotico d’interessi da non sussistere alcuna differenza tra “sacro e profano “ essendone un tutt’uno .
    Certamente esistono gradazioni, diciamo d’ordine culturale , sensibilitá più raffinate ;
    tuttavia quando si arriva alla sostanza , allora le chiacchiere stanno a zero .
    A quel punto , per ricondurre le smanie di bisogni profondi indipendentisti , liberali , libertari, autonomisti, a più miti consigli , arriva il “braccio armato “ la banca , la polizia , la magistratura , la finanza , il tribunale , la galera , l’esproprio , il manganello ( ti chiedono il pizzo per il loro esistere ;
    e tu , per poter vivere in casa tua , nella tua terra , paghi e , divieni povero , perdi tutto ,
    libertá compresa .
    Questo popò di sistema , di apparato , di casta , nel coacervo Italia , oggi è maggioranza e ti vanifica il concetto di territorialitá ; non solo ti fa saltare l’identitá individuale , ma l’osmosi geografica . Così non puoi metterti sul Piave a fare trincea perchè il Piave” non è più tuo “ !
    Conquistare Roma ?

  4. giancarlo says:

    Non vedo alcuna possibilità per la LEGA NORD di conquistare roma.
    Vedo invece un partito che ha cambiato pelle e adesso no si sa chi sono e cosa vogliono veramente.
    Il Populismo, se pur necessario, non porterà i voti che ci vorrebbero per ribaltare il carrozzone italia.
    Capisco che certe cose non si dicono, ma se lo scopo finale è quello di conquistare roma e poi finalmente rivedere la Costituzione, specie l’art.5 e tanti altri e poi rifondare l’italia su basi federali ci potrei anche stare. Ma non vedo alcun segnale in questa direzione credibile perché la LEGA si è impiccata all’albero della libertà di vecchia memoria e cioè quello di Napoleone Bonaparte che per ottenere quello che voleva lui faceva di tutto prometteva di tutto e poi rinnegava il tutto.
    Questo andirivieni della Lega non porta a nulla.
    Auguri.
    WSM

    • Castagno 12 says:

      MESSAGGIO “FORTE” e ” POSITIVO”.
      ” RIVEDERE LA COSTITUZIONE E RIFONDARE L’ITALIA su basi federali ? “.
      Con una popolazione eterogenea ora anche MULTIRAZZIALE, queste ipotesi, queste proposte NON FANNO NEMMENO RIDERE.
      Servono solo per cementare, nella “mente” degli indolenti, la convinzione che, prima o poi, le cose si aggiusteranno: quindi non è proprio il caso di agire per difendersi.
      APPUNTO, SUBIRE E BASTA.
      Il Leone di San Marco PUO’ CONTINUARE A DORMIRE insieme alla popolazione che ha tradizioni da 1100 anni.

  5. Venetian guy says:

    tra un pò saremo nel 2017, e ancora vi aspettate roba dalla lega… patetici!

  6. Castagno 12 says:

    LEGA NORD.
    Un perfido inganno, un grosso disastro per i RESIDENTI al Nord.e per quelli che hanno sacrificato tempo e soldi propri.
    Una entità da riporre in bacheca e DA DIMENTICARE PER MANIFESTA INUTILITA’
    L’attuale dirigenza, con trovate inqualificabili, cerca di sopravvivere sguazzando nel fallimento italiano: tutta gente che “tiene famiglia” e NULLA PIU’
    Riguardo alla Lega vale il principio:
    “LA PRIMA VOLTA CHE MI INGANNI LA COLPA E’ TUA, LA SECONDA LA COLPA E’ MIA”.
    Per favore, BASTA SFORNARE ILLUSIONI. CHIUDETELA QUI CON LA LEGA E NON RIPESCATE PIU’ NELL’ARCHIVIO SGRADEVOLE (mettiamola così).

Lascia un Commento