Lega, al Sud cartello “Con Salvini”, stile Club di Silvio. Il partito senza sedi intorno…

di REDAZIONEnord-sud1

Bando al ‘verde Lega’, nessun riferimento all’iconografia tradizionale del Carroccio. Stando a quanto apprende l’Agi, il nuovo simbolo “con Salvini” per il Sud sara’ una sorta di ‘cartello’ con la possibilita’ di aggiungere la denominazione geografica (per esempio ‘Lazio’, ‘Puglia’ o altra localita’ del Sud), proprio dove, un tempo, nel contrassegno elettorale della Lega Nord, era inserito ‘Padania’, sostituito da ‘Basta euro’ alle ultime elezioni.
Scritta gialla su fondo blu, il nome della formazione politica sara’ svelato venerdi’ durante la presentazione a Roma. Gia’ su Internet esiste ‘Il Sud con Salvini’, attivo sulla piattaforma ‘Google plus’ da qualche settimana. Il nome del simbolo depositato dovrebbe essere molto simile e in ogni modo contenere – come confermato piu’ volte dallo stesso Salvini – il cognome del segretario leghista.
Per quanto riguarda la formula, dovrebbe essere diversa da quella dei partiti tradizionali, piu’ simile all’idea dei club ‘Forza Silvio’, senza struttura, dirigenti e sedi. Contattato al telefono, Salvini pero’ corregge: “Non ho l’ambizione di fare i ‘club Forza Silvio’: e’ qualcosa di fluido, nel senso che non abbiamo le sedi e partiamo agili, snelli, ma il modello non sono i club”. C’e’ grande attesa nel Movimento per la presentazione della nuova formazione, rimandata piu’ volte nei
mesi scorsi e mal digerita dagli ‘oltranzisti nordici’, lo zoccolo duro autonomista. “Non voglio che diventi una ‘ricicleria’ di vecchi politici”, ha spiegato i ritardi il
segretario leghista che ha affidato l’operazione al senatore Raffaele Volpi.

L’europarlamentare milanese punta molto sullo ‘sbarco al Sud’, con i sondaggi favorevoli che ha in mano. Ma la Lega non e’ nuova a questo tipo di operazioni, avviate senza successo fin dal 1993 da Umberto Bossi.

Nel maggio di quell’anno infatti nasceva ‘Lega Italia federale’ con l’obiettivo di diffondere le idee federaliste anche al Sud. Sede a Roma in via Pozzo delle Cornacchie, l’associazione funziono’ per anni come avamposto e base di riferimento della Lega Nord al centro-sud, piu’ che altro con scarso successo.
Altro tentativo di ‘sbarco al Sud’, questo pero’ riuscito, fu l’alleanza con l’Mpa di Raffaele Lombardo alle politiche del 2006, che porto’ ad aggiungere la sagoma del gabbiano del Movimento per l’autonomia siciliano all’interno del simbolo con il guerriero Alberto da Giussano, e consenti’ alla Lega di superare la soglia di sbarramento al 4%.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. Giacinto De Donatis says:

    È tempo di schierarsi per salvare questa nostra italia io sono a disposizione e tranquillo di aver fatto per la mia città tutto quello che era possibile fare.Salvini forse o sicuramente ci potrebbe offrire una buona motivazione.

  2. Marco says:

    Forza. Appena sbarca al Sud Salvini sicuramente comincerà finalmente a parlare di indipendenza del veneto. Comincerà a tagliare forestali in CAlabria. A non salvare più città come Roma e Catania. A tagliare i falsi invalidi a Napoli per non parlare degli sprechi in Sicilia. Forza, dai, appoggiamolo tutti.

  3. Luca Carrer says:

    ………….. parlo da leghista della prima ora.

    Quando leggo articoli come questo non so piu’ cosa dire, non c’e’ limite alla decenza.

    Una cosa pero’ mi e’ molto chiara: SBRIGHIAMOCI A FUGGIRE DA QUESTA ITALIA FRATELLI VENETI, prima che sia troppo tardi !!!

    Quando il VENETO sara’ una nazione libera ed indipendente ( perche’ sono sicuro al 100% che un giorno lo diventera’ ) proporro’ che i leghisti Veneti eletti nelle varie istituzioni ( camera, senato, Europa, provincie, regioni ) vengano incriminati per alto tradimento nei confronti del POPOLO VENETO

    Un plauso alla redazione de L’ INDIPENDENZA, un faro nella notte italica.

    Grazie a Tutti, WSM !!!

Leave a Comment