L’Efa porta in Europa il caso degli indipendentisti arrestati e indagati

di REDAZIONE

Il Partito membro dell’EFA Liga Veneta Repubblica (LVG ), unitamente alla confederazione NOI VENETI formata anche da Veneto Stato, Veneti Indipendenti e Futuro Popolare, ha espresso la viva preoccupazione per l’arresto di due settimane fa di 24 attivisti coinvolti nella campagna per l’indipendenza del Veneto .

L’Efa (European Free Alliance) è il raggruppamento politico europeo che raccoglie tra i propri membri le entità politiche del continente per la difesa del Diritto di autodeterminazione come lo Snp – Scottish National Party (il partito di maggioranza del parlamento scozzese di Alex Salmond), la Erc – Esquerra Republicana de Catalunya di Oriol Junqueras partito al governo della Catalunya (in alleanza con il CiU di Artur Mas), Nv-A Nieuw Vlaamse Alliantie partito di maggioranza in Belgio, lo Stf – Sud Tiroler Freiheit di Eva Klotz, la Lvr – Liga Veneta Repubblica di Fabrizio Comencini e molti altri movimenti.

Gli arresti hanno seguito “ad orologeria” la decisione positiva della Commissione della Regione Veneto verso la proposta di Legge 342 per l’indizione del referendum consultivo sull’indipedenza del Veneto. Poche ore dopo il voto, le unità per le operazioni speciali italiane hanno arrestato 24 attivisti  con l’accusa di terrorismo ed eversione armata volta a ottenere l’indipendenza per la regione Veneto.

Il Leader LVG e Vice – Presidente dell’EFA, Fabrizio Comencini, ha criticato l’eccessiva reazione della polizia italiana per le accuse basate su prove inconsistenti e sta invitando la UE a prendere misure sulla violazione delle libertà civili , in particolare il diritto alla libertà di espressione e il diritto all’autodeterminazione previsto nei Trattati delle Nazioni Unite ratificati dallo Stato italiano …

Il partito EFA ha dichiarato che  “condivide le sue preoccupazioni con il nostro partito membro per gli arresti e per qualsiasi interferenza nella libera espressione democratica del popolo Veneto. EFA supporta i processi pacifici, trasparenti e democratii, come testimoniatoper esempio dalla Catalogna con il suo movimento indipendentista basato sulla società civile. Data la reazione arbitraria di Roma alla sempre crescente richiesta di autonomia e indipendenza dalle regioni italiane, tali aperti processi democratici sono ovviamente qualcosa da cui il governo italiano dovrebbe imparare.”

L’Avvocato Luca Azzano Cantarutti, difensore di alcune delle persone detenute e leader di ‘Veneti Indipendenti’, ha fornito all’EFA una relazione tecnica che «ha reso evidenti le incongruenze del caso». Il Vice Presidente dell’EFA Fabrizio Comencini di Liga Veneta Repubblica sottolinea «In considerazione della mancanza di prove è il momento di rilasciare i sostenitori dell’indipendenza del Veneto arrestati». Antonio Guadagnini Segretario di VenetoStato dice : «Siamo vicini alle famiglie dei detenuti e ci stiamo attivando a livello internazionale anche in altre direzioni».


Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. Mario Carboni says:

    Nel vostro articolo manca la citazione del Psdaz, partito sardo D’azione-Partitu sardu, storico partito indipendentista e fondatore dell’Efa e uno dei principali componenti.
    Saluti

  2. zisp says:

    è fondamentale che questa questione sia monitorata dalla comunità internazionale, mi auguro che seguano altre iniziative con altri enti transnazionali, qua stiamo parlando di Vera e propria violazione die diritti umani e della libertà d’espressione e di pensiero

  3. Unione Cisalpina says:

    avanti kosì …

  4. Albert Nextein says:

    Fanno bene a porre all’attenzione europea questo caso molto importante.

Leave a Comment