Le Regioni: il patto di stabilità è demenziale, stiamo morendo

di REDAZIONE

Il Patto di stabilita’ ”cieco e demenziale, e’ la cura che sta uccidendo il paziente: stiamo morendo”. Cosi’ i presidenti della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e della Regione Puglia, Nichi Vendola. ”A Roma non hanno orecchie per ascoltare, sono stufo di avere ragione, non arriviamo vivi al 2014”, ha detto Vendola.

”Siamo di fronte ad una condanna a morte – ha esordito Vendola, nel corso di una conferenza stampa – il cappio al collo si e’ stretto sempre di piu’ e siamo al punto in cui l’osso si sta spezzando. Non possiamo sopravvivere. Bisogna avere il coraggio di dire la verita’: l’Europa ha usato la medicina sbagliata, la sofferenza di oggi e’ figlia delle risposte errate date alla crisi del 2008, ovvero il blocco della spesa”. Per il governatore, ”il governo non puo’ scodellare la minestra, non puo’ inventare risorse che non ci sono. Le politiche depressive minacciano la democrazia e non possono essere contestate in chiave sentimentale e poi essere lasciate intatte. L’Europa ha imboccato, cosi’, la strada della propria dissoluzione”.

Sulla stessa linea il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, che ha parlato di ”situazione delirante” ed ha chiesto che almeno si escludano dagli obiettivi del Patto di stabilita’ le spese sui cofinanziamenti per i fondi europei. ”Non escludo altre iniziative di mobilitazione – ha affermato Zingaretti – non faremo spegnere i riflettori”. Concordi con i presidenti Vendola e Zingaretti sono il governatore della Lombardia, Roberto Maroni (che avrebbe dovuto partecipare alla conferenza stampa ma e’ stato impossibilitato dal farlo) e il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ma il tema e’ comunque sentito da tutti i governatori. Solo in Puglia, a causa del Patto di stabilita’, si e’ passati da una spesa di 724 euro pro capite nel 2007 a 328 euro per quest’anno (-55%) e nel Lazio il taglio e’ stato addirittura del 64%: da 1016 euro del 2007 a sole 354 euro del 2013.

”Mi auguro domani vengano varati i decreti sull’Imu e la cassa integrazione in deroga: la cig e’ indispensabile, in Lombardia siamo vicini alla crisi sociale. Il decreto non e’ rinviabile, o sarebbe una dichiarazione di guerra”. Cosi’ si e’ espresso il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, al termine della conferenza delle Regioni. Il governatore ha precisato che per la cig servono un miliardo e mezzo di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. Diego Tagliabue says:

    È demenziale, perché non è un patto di stabilità.

    Un vero patto di stabilità è permanente in una struttura di FEDERALISMO REALE e implica che ogni regione non viva alle spalle delle altre.

    In Fallitaglia, il “patto di stsbilità” significa proprio l’esatto contrario.

  2. Luke says:

    E allora rompetelo questo patto di stabilità! È inutile lamentarsi a vuoto. Bobo? Ci sei? Zaia? Ci seiiii?? Rompete con questo Stato tiranno e ingordo!

  3. Franco says:

    I sudisti vogliono continuare a spendere i nostri soldi; Maroni se ne freghi delle imposizioni itagliote o europee e trattenga le risorse che servono in regione (non solo a parole) Le sue decisioni rappresentano 10 milioni di persone. Vediamo cosa succede. La libertà non te la dà nessuno ma si prende ( non dico cose nuove)con atti concreti contro il sistema.

Leave a Comment