Le grandi coalizioni portano al “partito unico”

di MARCO MARI

Mentre in Italia si continua a dibattere del futuro politico e non del Berlusca, a Berlino frau Merkel ha stravinto riproponendo la oramai rodata grande coalizione, copiata in tutto il vecchio continente e naturalmente anche da noi col governo delle larghe intese ordinato da Bruxelles e inaugurato da Monti nel 2011 e proseguito da Letta su dettatura di Napolitano. Stratagemmi che coincidono con la morte della democrazia in quanto esautorano (tolgono autorità) ai parlamenti e sovranità ai popoli. Quanto sta avvenendo è la progressiva spoliazione della ricchezza  dei cittadini per concentrala nelle mani del grande capitale e della finanza (banche): a noi popolo-bue viene data l’impressione di vivere in condizione di libertà e democrazia attraverso il finto benessere dei lustrini delle nuove tecnologie e del capitalismo vendutoci dai media complici alla grande truffa, ma in realtà non siamo liberi di fare nulla, nemmeno di protestare, anzi siamo obbligati a subire, tacere e pagare.

L’esercizio del voto c’è ancora, però qualunque sia l’esito della consultazione elettorale si arriva ad un governo di coalizione (o per dirla con più finezza “di responsabilità”) al quale Bruxelles indica in seguito il percorso da seguire in barba al volere dei cittadini. Quanto accade va contro la costituzione che dispone che il potere spetta al popolo che quindi non ha più rappresentaza politica: i partiti oggi sono protesi a interessarsi del grande capitale i cui referenti sono ben inseriti in parlamento come tecnici e tra i politici, e chi pensa che il Cav. sia sceso in politica per difendere il Paese da un futuro esecutivo di sinistra sbaglia di grosso: i nipoti di Togliatti hanno scelto di abbracciare i banchieri al pari della destra.

Lo dimostrano le manovre fatte da Monti prima e da Letta poi che continua a prelevare denaro dalle tasche di cittadini ed imprese per farlo affluire nelle casse sempre più vuote di istituti di credito già falliti e tenuti artificialmente in vita da Bruxelles. L’Europa sta procedendo allo smantellamento di quelle istituzioni a garanzia e protezione dei diritti dei cittadini ridotti a servi della gleba senza alcuna rappresentanza né voce per accentrare potere e ricchezza nelle mani dei parassiti che vivono di speculazione. Lo dimostrano le leggi tese a zittire le opinioni non gradite dalle elites (spacciate come omofobia e razzismo). E a breve potrebbe essere impedito li voto negli Stati con i conti non in ordine, come anticipato giorni fa dal presidente Ue.

Chi crede ancor oggi alle vecchie categorie “destra” e “sinistra” è fuori gioco: ora la contrapposizione è tra la grande finanza massonica e le oligarchie di potere ad essa collegate e cittadini comuni. La politica tradizionale non è ormai più credibile in quanto ha tradito la fuzione per la quale era nata ossia la difesa degli interessi della collettività dalla quale era stata eletta. Bisogna trovare nuove forme di lotta ovviamente non violenta: una classe di politici nuovi che abbiano veramente a cuore i bisogni primari del popolo e abbia il coraggio di rifiutare le politiche europee tutte sbilanciate a favore dei mercati finanziari, riportando la reale democrazia. Se questo non accade ci attendono anni cupi dove una piccolissima cerchia di superpotenti dominerà su sterminate moltitudini di diseredati abbandonati a se stessi, la Grecia insegna. La grande coalizione porta al partito unico sostenuto dai potentati economici che dei cittadini se ne fregano alla grande. I potentati economici sono sempre stati alla base delle grandi dittature.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. BRUNO DOLFINI says:

    IL VENTO DEL NORD (Quello vero)–LN 3.0

    CONCORDO PIENAMENTE CON MARCO MARI.
    IL QUADRO DIPINTO E’ PERFETTO : — COSI’
    FACENDO RITORNEREMO AL TOTALITARISMO–
    ORMAI,PER ALTRA VIA, LA GERMANIA SI AVVIA
    AI TEMPI “HITLERIANI” DI UN FERREO
    TOTALITARISMO. E,PROPRIO COME
    AVVENNE PRIMA DELLA SECONDA GUERRA,
    GLI ALTRI STATI EUROPEI FANNO A GARA PER
    SEGUIRE L’ESEMPIO “GERMANIA” .IL TOTALI-
    TARISMO PUO’ CHIARAMENTE ESSERE APPLICA-
    TO IN MODI E CAMPI DIVERSI,MA HA UN’UNICO
    FINE:– TOGLIERE OGNI LIBERTA’ AL POPOLO E
    COSTRINGERLO ALLA SCHIAVITU’ INDOTTA.
    ED AL POPOLO (ed in questo dissento da Marco)
    RESTA SOLTANTO DI IMPUGNARE LE ARMI
    PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI .PURTROPPO
    LA LIBERTA’ SI CONQUISTA CON LA SPADA,
    O MEGLIO COL KALASHNIKOV (tempi moderni),
    PERCHE’ LA LIBERTA’ NESSUNO TE LA RAGALA.
    Saluti.

Leave a Comment