Lasciamo allo Stato una montagna di denaro

crocieredi RICCARDO POZZI – Ormai da molti anni sulle navi da crociera esistono aree attrezzate che simulano una parete rocciosa, vengono fatte  per i clienti che desiderano imparare a scalare. La cosa in sé dovrebbe apparire almeno un po’ bizzarra.  Infatti, se qualcuno vuole imparare ad arrampicarsi, sembrerebbe più logico che andasse in montagna e non su una nave. Eppure questa, come altre iniziative del genere, sembra incontrare il gradimento di molta gente.

Lavoriamo tutta la vita e su ciò che guadagniamo paghiamo pesantissime tasse, lo facciamo noi, l’hanno fatto i nostri padri e lo stanno facendo anche i nostri figli,  in una regione che ogni anno produce molto di più di quello che riceve dalla Stato per pagare i servizi alla propria  gente. Possiamo accettare questa nostra dazione come un contributo alle regioni meno “fortunate” e invece ci viene detto che, nonostante questo nostro pesante obolo,  continuiamo ad accumulare debito. Lavoriamo, paghiamo, lasciamo allo Stato una montagna di denaro  e ciononostante  continuiamo ugualmente  a indebitarci, tanto che impieghiamo decenni per terminare tangenziali e rifare ponti ormai marci, e non abbiamo mai risorse per nulla se non per  pagare stipendi e spettanze.

Ma l’incredibile soluzione a questa condizione sembra, incredibile,  essere quella di fare altri debiti, e noi accettiamo questa affermazione come una verità dignitosa, senza chiederci nemmeno più dove vanno a finire i soldi che già oggi  produciamo ogni anno, che potrebbero servire a diminuire il nostro già  misterioso  indebitamento,  che vengono incamerati da una cosa che hanno chiamato solidarietà nazionale ma che di certo non è solidale con noi.

Come mai? Perché nessuno trova questa situazione degna di una democratica  ribellione o almeno di una forte protesta civica?

Semplice,  perché ci hanno convinto che per imparare a scalare non è necessario andare in montagna ma  dobbiamo rimanere a bordo di una nave.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. caterina says:

    bella come immagine!… anche se molto triste, perché sappiamo che i soldi che ci rubano dalle nostre tasche ,tasse, iva su qualsiasi cosa che compriamo, bollette che raddoppiano rispetto al consumo, insomma a Roma non basta mai… perché abbiamo un parlamento che è doppio se non triplo di quello che dovrebbe essere, burocrazie infinite che spendono in controlli e passaggi già la metà dei fondi stanziati per le opere, statali e impiegati pubblici doppi rispetto a quanti basterebbero se lavorassero per davvero, enti inutili da mantenere per sistemare gli amici, insomma se diventassimo dieci o venti piccoli stati quante sono le regioni, certamente sapremmo meglio come spendere i soldi e sarebbero i responsabili più morigerati perché sennò non avrebbero il coraggio di circolare per le strade…. altro che chaffeur e guardie in divisa… gli accordi poi con i vicini li sapremmo fare molto meglio e dell’altalena dello spread non ce ne importerebbe niente… altro che usarlo come fumo negli occhi quando sappiamo benissimo che a determinarlo sono i banchieri e loro accoliti che fanno il bello e cattivo tempo come giova a loro…

Leave a Comment