Per capire lo sfacelo del paese basta ricordarsi di tre sole leggi

di LUCIANO TOSI

Egregio direttore, mi permetta di fare un piccolo sondaggio e di chiedere ai suoi lettori cosa ne pensano di un paio di leggi varate da governi che hanno “ disastrato” quello che qualcuno continua a chiamare, forse a ragione ma, io credo, solo dal punto di vista geografico, Bel Paese. Se li lasciamo ancora fare, riusciranno a demolire le Dolomiti.

Partiamo dalla legge 335/95 (articolo 13), Presidente del Consiglio Romano Prodi, che  riconosce ai lavoratori extracomunitari provenienti da Paesi con i quali non sia in vigore alcuna  convenzione internazionale in materia di sicurezza sociale, il diritto, nel momento in cui abbandonano l’Italia, al rimborso dei contributi versati con una maggiorazione del 5% annuo quando gli stessi non abbiano dato luogo a pensione.  A milioni di cittadini italiani nella stessa situazione nulla viene reso e nulla viene riconosciuto. Non è curioso di sapere cosa ne pensano i lettori del suo giornale?

Ma il  signor Amato,a mio parere, ha fatto anche di peggio: con la legge 388 del 2000, ha reso possibile che un immigrato extracomunitario regolare in Italia, “possa far venire in Italia” i suoi  genitori  ai quali se hanno più di 65 anni e non hanno reddito, l’ INPS  riconosce “ un vitalizio” di 550,5  euro mensili per tredici mensilità.   7156 euro all’anno senza aver mai versato una lira di contributi  e senza aver mai pagato una lira di tasse. Milioni di cittadini italiani dopo una vita di lavoro, di contributi,di tasse, hanno una pensione inferiore. Non è curioso Direttore di sapere cosa ne pensano i lettori del suo giornale?  Ci possiamo ancora permettere questi politici, uno candidato a Presidente della Repubblica e l’altro consigliere di Monti?

Ma mentre scrivo mi viene in mente un’altra legge sulla quale mi piacerebbe raccogliere pareri, è una legge un po’ datata, risale ai primi anni settanta ed è forse uno dei punti di partenza di una politica che crede di poter prendere a chi vuole per dare a chi preferisce, il potere in funzione del potere insomma, l’arbitrio puro, a beneficio proprio  e delle classi privilegiate che  lo stesso potere rendono possibile, al di là di ciò che è giusto o sbagliato al di là di un qualsivoglia  elementare senso di equità ed uguaglianza. La Legge Mosca, ne hanno usufruito circa 40.000  tra sindacalisti, dipendenti dei partiti politici di tutti gli schieramenti ed “amici” vari.  Era sufficiente una dichiarazione di un  “superiore” per vedersi riconoscere  contributi figurativi validi ai fini pensionistici per decine di anni. Qualche timido controllo ha portato alla luce dipendenti di partiti e sindacalisti con i calzoni corti frequentanti le scuole elementari.   Tra di essi, pare ci siano nomi illustri ancora sulla cresta dell’onda, Achille Occhetto, Pietro Larizza, Sergio D’Antoni, Ottaviano Del Turco. Chissà quanti altri nomi… Non è curioso di sapere cosa ne pensano i lettori del suo giornale?

Perché non glielo chiediamo?

P.S. – Forse se siamo sufficientemente numerosi e determinati si può chiedere la cessazione di quelli che sono veri e propri furti ai danni dei cittadini che lavorano onestamente e non,invece, come li chiamano “lor signori” diritti acquisiti. E magari anche la restituzione del maltolto.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

19 Comments

  1. Botàso says:

    Egregio Signor, Tosi, ho provato a districarmi nel linguaggio burocratese delle leggi ma non c’ho capito nulla, mi potrebbe specificare, magari postando qui le parti interessate ?
    Io non sono un legislatore ma non le ho trovate e sarei interessato a leggermele.

    Grazie

  2. Bresà öm liber says:

    L’ unica soluzione, ribadisco, L’UNICA!!!, è quella di demolire l’ Italia e cominciare tutto da capo. Nuovo stato nuove leggi e soprattutto nuova classe politica.
    Basta toppe! l’Italia non si può più riformare.

  3. Luigi says:

    Spero che l’autore dell’articolo abbia fatto il suo dovere di denunciare alla magistratura queste note: per legge il giudice, avuto notizia del reato(per me lo sono in quanto siamo di fronte a delle ingiustizie) apra un fascicolo d’indagine che poi finirà in un processo e quindi sapremmo chi veramente ci inc…danneggia.
    Speranza vana no perchè gli arrabbiati forcalioli hanno bisogno di nomi cognomi ed indirizzi per farsi “ripagare”…

    • al says:

      Per lei lo sono, legalmente non si tratta di reati tranne i contributi figurativi riconisciuti a qualche figlio di impiegato statale ancora minorenne, ma trattandosi di roba vecchia di decenni dubito freghi ancora a qualcuno. E della magistratura non ci si può fidare visto che è una delle categorie maggiormente privilegiate proprio sul trattamento economico, contributivo e pensionistico (basti pensare all’avanzamento in carriera per sola anzianità…).

      Siamo soli. E dobbiamo fare da soli, diversamente ce lo avremo nel culo, perchè qui chiedere ad una categoria di adempiere alle proprie funzioni è visto come favore, e i favori vanno ripagati…

  4. gibuizza says:

    E’ completamente inutile continuare a lamentarsi ed inveire, possiamo fare solo una cosa: andare a votare (obbligatoriamente) e votare i partiti che non presentano simili personaggi.

  5. MOLTO INTERESSANTE ……… ke ne diciamo si cambia ?????

  6. gabriella says:

    E’ DAVVERO TUTTO INCREDIBILE, SEMBRA DI VIVERE IN UN BRUTTO SOGNO. MA COME CI HANNO RIDOTTI QUESTI PARASSITI MALEDETTI. DEVONO SOLO CREPARE DALLA VERGOGNA.

  7. gibuizza says:

    Per me sono leggi truffa anzi, dei veri e propri furti in quanto i soldi donati non sono i loro ma i nostri!!!!

  8. luigi bandiera says:

    Ma perche’ mi si vuole torturaree….??

    Le leggi KONTRO DI NOI fanno… e tutti li’ col cappello in mano a ossequiare.

    Mi rivolgo soprattutto a quelli del BUKO o FORO che sono “tecnici” in materia.

    Per non parlare di quelli che VERSANO e quelli che FIGURANO il versamento.

    Prendono di piu’ i figuranti che i versanti, prima in paga e poi in pensione.

    Ma esimi economisti che kax mo vedono mo..??

    Mi rivolgo sempre agli intellighenti e non agli analfabeti.

    Possibile che NESSUNO PARLI della merrrrddd che ci sovrasta..?????????

    Dalle prime righe lette mi sono venuti conati continui..!!

    BASTA ITALIA..!!

    ITALIAaaaaaaaaaa….!!!!!!!!!!!!
    BASTAaaaaaaaaaaaa…..!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  9. Esasperato says:

    Lavoratori italiani, io sono io e voi non siete un cazzo, vi ricorda qualcosa? P.S.: maledetti politici faranno una brutta fine.

  10. Brus says:

    la legge mosca fa schifo le altre sono giuste e dovrebbero essere estese a tutti gli italiani. Quindi bisogna battersi affinche le prime due leggi vengano estese a tutti non solo agli immigrati.
    Invece i lamentarvi solamente perche non vi impegnate a far si che le leggi i cui parlate vengano estese a tutti ?

  11. Giò says:

    E io pago…..!!

  12. lory says:

    questa repubblica fondata sul privilegio e sul parassitismo e il nepotismo senza contare la mafia è ora che colassi !

  13. Franco says:

    Lettera esemplare per definire gli affossatori del Paese e di quelli che hanno approvato quelle leggi, presidente per primo. Tempo verrà.presago il cor m’el dice……

  14. Gian says:

    come non essere d’accordo, con l’articolo non certo con queste leggi demenziali. io ieri ne ho elencate altre, leggi o proposte, quello che però è preoccupante è che le persone o non le conoscono o non le ricordano, una bel tema di lavoro per l’indipendenza potrebbe essere quello di raccoglierle tutte e farne un documento da far girare in rete.

    e mi ripeto non sono tanto i 20000 euro che amato prende al mese a costituire il problema sono i 7156 che ha riconosciuto ad ogni cittadino extracomunitario che ha più di 65 anni senza che questo abbia mai versato nulla ED E’ OPERA DELLO STESSO AMATO CHE HA POSTICIPATO A MOLTI PADANI LA PENSIONE DAI 55 AI 60 ANNI!!!!! QUELLO CHE SPETTAVA A NOI CHE ABBIAMO VERSATO LO HA GIRATO INVECE A CHI NON HA MAI VERSATO NULLA!!!!!!!!

  15. liugi II says:

    Sulla prima legge, trovo scandaloso, oltre al 5% di maggiorazione dei contributi, il fatto che venga riconosciuta agli immigrati e non a tutti i cittadini.

    Le altre sono trovate demenziali, ricordi dei tempi dell’abbondanza, quando si pensava che si poteva fare debito a volontà.

  16. Borderline Keroro says:

    c’è anche da chiedere cosa ne pensino gli ItaGliani?
    Ne pensano male, quando i vantaggi sono degli altri.
    Ma il fatto è che siamo troppo legati al quieto vivere per reagire.
    La cosa che spero è che, una volta superato di molto i. livello di piena, gli Italici s’incazzino e montino le ghigliottine: il miglioramento dei conti pubblici vale bene la perdita secca di 1’000’000 di persone tra politici e sindacalisti.

  17. Diego Tagliabue says:

    Aggiungerei le leggi che non ci sono:

    – Il debito previsto per l’anno successivo non deve superare la somma degli investimenti previsti

    – Legge sulla stabilità economica (occupazione, crescita moderata e costante, stabilità dei prezzi e bilancio commerciale estero in attivo

    – Ogni regione è responsabile del suo budget. Aiuti finanziari da altre regioni possno essere versati solo per progetti concreti e pianificati (businessplan), per un massimo del 10% delle tasse delle regioni contribuenti e al solo scopo di far raggiungere la media nazionale alla regione ricevente.

    In FALLITAGLIA non faranno mai leggi simili.

    Ci sono cose più “importanti”, tipo l’inno massonico a scuola, l’iPad per l’insegnante del Sud, la guerra al contante, qualche nuova tassa, ancora un po’ di impiegati nella PA, ecc.

Leave a Comment