Lancini al parroco antilega: curate le anime che è meglio

di REDAZIONEcividalechiesapietrobiagio

L’ex sindaco di Adro, Oscar Lancini, risponde alle parole del parroco don Giorgio De Capitani.

“Mi chiedo come possano i giovani che frequentano la sua parrocchia trovare la strada della vocazione se l’esempio a cui dovrebbero ispirarsi è lei. Inutile che la Chiesa si lamenti del calo delle vocazioni, se poi i preti sono più impegnati a fare politica che alle anime dei loro parrocchiani”.

Così ha commentato Oscar Lancini le dichiarazioni di Don Giorgio De Capitani, il parroco che dalla sua pagina Facebook si è scagliato contro la Lega Nord e Matteo Salvini definendoli in diversi modi….don capitani
“Mi chiedo – ha continuato Lancini – come possano i suoi parrocchiani trovare conforto nelle sue omelie quando dalla sua bocca non esce che disprezzo per una persona che dovrebbe considerare un fratello….. Chi vive davvero alle spalle degli immigrati sono le cosiddette cooperative bianche che insieme a quelle rosse lucrano traendo denaro dal traffico di uomini, nascondendosi dietro una falsa solidarietà. Se davvero seguissero l’insegnamento di Cristo,  ospiterebbero queste persone senza chiedere nulla in cambio, solo per puro spirito caritatevole cristiano. Questa è l’unica carità che Gesù ha insegnato. Lei quanti clandestini ospita nella sua parrocchia?”.

“Ora capisco il detto “l’abito non fa il monaco”!”, ha concluso.

Print Friendly

Recent Posts

3 Comments

  1. Ric says:

    Mi viene in mente Maroni ; ma cosa sta facendo da leghista , da “simpatizzante dell’indipendenza ” ( padana) ? Suona ancora il sax ? Ma cosa fa amministra , rappresenta ? Le istituzioni ? Quali ? Di chi ?

  2. Ric says:

    I pretoni hanno sempre fatto politica e mangiato a sbafo , in seminario ad imparare l’arte di metterti nel sacco e gli altri infelici a sgobbare nei campi sotto il sole. Vendevano indulgenze per garantire al signorotto di turno una scorciatoia per lenire i loro sensi. Se oggi ancora fanno i festoni ” doo sud ” ed i rampolli mafiosi fanno a gara per portare il santo di turno con la sacra benedizione , dobbiamo considerare che il livello attualizzato è questo e che il focus della realtá in quel settore ( ……..) è ancora di quella filosofia . Ma quali vocazioni ? I veri preti e i veri santi sono esseri umani di grande qualitá e generositá che hanno offerto la loro vita per il prossimo a prescindere dal saio che portavano ; a loro devozione e rispetto . Il resto è parassitismo istituzionalizzato. Ma vi ricordate le scomuniche ai comunisti che non potevano e non volevano andare in chiesa ? Oggi viaggiano a braccetto e si spartiscono i malloppi del popolo disgraziato e rincitrullito . Se i Lancini o simili fanno dei feudi difesi e fortificati, molti sarebbero pronti ad arruolarsi per difenderne le mura , ed io a far domanda per la cittadinanza + iva .

  3. luigi bandiera says:

    Düra minga…
    Non c’e’ piu’ religione.
    I pretoni fanno i politicanti e i politicanti fanno i chierichetti.
    Non puo’ durare a lungo perche’ io vedo due o tre fronti sul campo di battaglia:
    cattolici (non i cristiani) contro i leghisti;
    musulmani contro tutti;
    komunisti alleati con i cattolici e i musulmani contro i partigiani notoriamente leghisti per la maggioranza.
    Bel scenario di GUERRA proprio da terzo millennium.
    Chi vivra’ vedra’… e scrivevo: tra non molto ne vedremo si delle belle.
    E quelli che dovrebbero difendere le loro istituzioni compresi i cittadini starnazzano quotidianamente solidarieta’ e umanita’. Loro dal loro bel pulpito dorato.
    Beh, i mafiosi sono molto credenti e in casa loro hanno un sacco di icone sacre… a dimostrazione che loro sono per aiutare il prossimo come loro stessi… campa cavallo del west italiano.
    Ma finira’ o no sto andazzo bromuristico..??
    Preghiamo…

Leave a Comment