La vera festa della liberazione è da Roma e dai clandestini

Roma-CastelSantAngelo-part1di MARCELLO RICCI – Le attività di ogni tipo e genere sono in crisi per cui il governo Renzi invoca la crescita. Lo fa come nei riti tribali si invoca la pioggia o altro. Le attività  criminali sono l’eccezione, crescono in modo esponenziale. Come s’affrontano le tutte le crisi ?

Prima di tutto si controllano le spese per tagliare le inutili o improduttive, si verificano le attività per potenziarne alcune e crearne altre anche rischiando un’ulteriore esposizione finanziaria. Regole semplici, elementari.
Quanto costa all’ Italia l’invasione di migranti?  Le navi per raccoglierli, il cibo, i vestiti, gli alberghi, le schede telefoniche, l’assistenza medica, “ l’argent de poche” e la polizia per controllarli perché  comunque non  contenti commettono  crimini e aggressioni sessuali. Questo è un altro punto critico: sfogano sentimenti ostili che non hanno ragioni precise, ma sono alimentati da  odio atavico per essere diversi, per non essere stati capaci di costruire una civiltà avanzata come l’europea.
Ciò premesso, si pone in discussione se l’accoglienza non sia  una forma  di complicità con gli invasori che abbandonano un continente ricco, ma socialmente arretrato, per invadere paesi che hanno costruito società avanzate. Ci  si chiede se il sommarsi degli ingenti costi, sia in termini economici che sociali, non sia la principale causa di una crisi economica e del fatto che la stessa non ha vie d’uscita.

Dopo l’Ungheria anche l’ Austria ha chiuso le frontiere e i risultati elettorali confermano che il sentimento popolare esprime una grande determinazione per contrastare l’invasione migratoria.
Mentre il sentimento popolare marcia in questa direzione personaggi e politici cristallizzati e soggiogati da interessi opachi proclamano processi d’integrazione binaria che comporta anche l’adeguamento di costumi e culture a quelle degli immigrati-invasori. L’invasione di migranti comporta anche un altro malanno, quello della loro bomba demografica che si sposa, a danno dell’Europa e dell’Italia in particolare, con la denatalità.
La riduzione delle nascite non è di proprio un malanno, specie se è finalizzata a un’ottimale rapporto tra suolo e antropizzazione, ma lo diventa se ad essa  si affianca l’invasione di altri che azionando anche la bomba demografica,  vanificano il sacrificio di popoli che intendono rispettare l’ambiente.
 Dall’inconfutabile quadro tracciato si evince che l’invasione di migranti è la principale radice della crisi economica e il macigno che soffoca la ripresa. 
 Il governo Italiano complice e espressione di interessi particolari non rende noti i costi dell’invasione migratoria e non è dato sapere in quale capitolo del bilancio li abbia inseriti. Forse tra le accise dei carburanti. E’ un argomento da approfondire. Non è rilevante il contributo europeo  perché insufficiente e poi i fondi europei sono sempre finanziati dagli stati membri quindi, anche  dall’Italia.
 Patire una crisi economica di rilievo senza  riuscire a eliminarne  la principale causa, configura la gestione di una morte assistita. Questo per l’Italia. 
 La Padania ha una duplice condanna, l’immigrazione e  la romanodipendenza. Bossi afferma, a ragione, che la  libertà ha un valore primario che precede anche l’onestà. La vera festa della Liberazione si celebrerà quando la Padania avrà tagliato le catene che la legano a Roma e avrà rimpatriato gli invasori clandestini.
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Liberati da uno per passare sotto all’altro: che bella liberazione di …
    Viva l’incoerenza…

  2. giancarlo says:

    Articolo che condivido pienamente !!!
    L’Austria, visto che roma tiene le nostre frontiere, si fa per dire….., aperte a tutti ha pensato bene di tutelare le proprie visto che le frontiere europee a Sud non sono tutelate.
    Sembra incredibile che nessun giornale, tv o altro citi che il trattato di Schengen parla di libera circolazione dei cittadini europei all’interno dei confine europei e non dica che le frontiere interne sono aperte anche agli stranieri……….
    Mi chiedo con quale coraggio questo governo parli di sanità, pensioni e altro a livello sociale, quando sta sottraendo agli italiani risorse finanziarie per mantenere di sana pianta gli immigrati e non ci sono prospettive di dare loro del lavoro stabile e utile al paese.
    I profughi hanno diritto all’asilo, gli altri no. Per far si che questo no diventi si bisogna avere le carte in regola per poterli accogliere dignitosamente e dare loro delle prospettive. Ma se non diamo prospettive ai nostri giovani e vogliono tagliare le pensioni agli anziani di cosa stiamo parlando ???
    Il sesso degli angeli interessa a qualcuno ?
    Qui non si tratta di egoismi, razzismi, xenofobi o altro, qui si tratta che stiamo mettendo sotto sopra tutta Europa solo perché ” QUALCUNO” ha deciso di farci sopportare un nuovo mondo basato sulla povertà e non sul benessere e la felicità di tutti.
    Ignorare che questa crisi bancaria e poi sociale sarà lunga e difficile è da persone in malafede.
    In passato non si sono ascoltati coloro che predicavano di aiutare i paesi poveri ed in via di sviluppo a casa loro e non di sfruttarli per le materie prime senza dare loro in cambio tecnologia e scienza affinché potessero affrancarsi dalla povertà. E’ stato un errore imperdonabile ed oggi paghiamo le conseguenze.
    Perseverare è diabolico e noi stiamo facendo lo stesso sbaglio anche oggi. Preferiamo tenere le porte aperte non sapendo cosa potrà accadere in un contesto economico asfittico come quello che stiamo vivendo. Questo è voler fare come gli struzzi. Ebbene questi struzzi verranno abbattuti perché non sono degni del loro ruolo in quanto preferiscono ignorare le conseguenze sulla popolazione autoctona europea.
    Invece di avere timori…..sorridono e dicono o pensano di essere buoni e bravi.
    Le conseguenze non tarderanno ad arrivare ed allora tutti a stracciarsi le vesti. IPOCRITI !!!!
    Sfruttate pure gli immigrati, date loro paghe da fame e fateli lavorare 12-14 ore al giorno. Loro stessi prima o poi si rivolteranno contro questi struzzi e se li mangeranno vivi.
    Mi auguro di non essere profetico, ma solo una voce nel deserto !!
    WSM

Leave a Comment