La tassa sulle bibite “dannose” è solo un modo per fare cassa

di REDAZIONE

La tassa sulle bevande dolcificate e gassate, che il governo italiano si appresterebbe a introdurre, altro non è che un sistema per fare cassa con la copertura morale di occuparsi del bene dei cittadini tutelando la propria salute. La propria condizione fisica è una questione puramente privata, d’altro canto noi stessi sappiamo che molti alimenti non giovano alla nostra condizione, ma non sappiamo rinunciarci perché ci creano piacere e soddisfazione. A questa stregua lo Stato dovrebbe tassare anche il salame e il formaggio con un tono elevato di materia grassa.

Clicca sotto per leggere l’articolo di Piero Ostellino sul Corriere della Sera:

Tassa su bevande gassate

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. ing. P. OLIVA says:

    QUESTA E’ L’ENNESIMA TROVATA PER RASTRELLARE EURO !!! DI QUESTI BALZELLI ORAMAI NE ABBIAMO UNA ENORMITA’ ,,, RICORDATE AD ESEMPIO LA TASSA SUI BALCONI ?? MA QUESTA NON E’ LA PEGGIORE … PURTROPPO !!! RICORDATE IL TERREMOTO CHE A SAN GIULIANO, IN MOLISE, CAUSO’ LA MORTE DI MOLTI BAMBINI ? EBBENE, A SEGUITO DI TALE TRAGEDIA, ALL’INSEGNA DELLA SICUREZZA, HANNO APPROFITTATO PER INTRODURRE NUOVE PROCEDURE PER IL RILASCIO DELLE “AUTORIZZAZIONI SISMICHE” CON NOTEVOLE INCREMENTO DI COSTO PER CHI VUOLE REALIZZARE UN FABBRICATO. INOLTRE, SEMPRE CON LE STESSE NORME, NELLO SPIRITO DI SEMPLIFICAZIONE, HANNO COMPLICATO IN MANIERA INCREDIBILE LE PROCEDURE (PRIMA BASTAVA UN FOGLIO PROTOCOLLO, ADESSO, PER LA SEMPLIFICAZIONE, C’E’ DA COMPILARE UNA FASCICOLO DI 30 FOGLI A4 [HANNO FORNITO UN MANUALE DI 50 FOGLI A4 CHE NE SPIEGA LA COMPILAZIONE !!! ] PAZZESCO !!! RISULTATO: PRIMA SI PROCEDEVA AL DEPOSITO DEL FASCICOLO E NELLA STESSA GIORNATA SI POTEVANO INIZIARE I LAVORI; ADESSO CI VOGLIONO ALMENO 60 GIORNI, PER LEGGE, MA LA PROCEDURA MEDIAMENTE SI CONCLUDE NON PRIMA DEI 120 GIORNI. RISULTATO: IN UN PERIODO DI CRISI PROFONDA PER L’EDILIZIA SI INTERVIENE CON NORME CHE PENALIZZANO ULTERIORMENTE DEI PROCEDIMENTI GIA’ MOLTO ARTICOLATI.
    ORAMAI SIAMO NEL PIENO DELL’ALTO MEDIOEVO ….. VERGOGNA !!!!! ABBIAMO UNA CLASSE POLITICA CHE HA UNA FACCIA DI BRONZO DA URLO !!! NON SONO STATI CAPACI DI TAGLIARE UN EURO DEI LORO EMOLUMENTI E CONTINUANO IMPERTERRITI, ORAMAI DISTANTI ANNI LUCE DAL VOLERE POPOLARE, CON L’IMPOSIZIONE DI NUOVE TASSE !!! STRONZI …. !!!! NON HANNO DIMINUITO DI UNA UNITA’ L’ESERCITO DEI DIRIGENTI PUBBLICI CHE, CON I LORO LAUTI STIPENDI DI 100.000 – 200.000 EURO ED OLTRE, CONTINUANO AD INGRASSARSI SUCCHIANO IL NOSTRO SANGUE !!!! PER NON PARLARE DELLE PENSIONI D’ORO : PER QUALE OSCURO MOTIVO NON SI POSSONO RIDURRE AI LIVELLI NORMALI ??? [AD ESEMPIO NON OLTRE 5 VOLTE LA PENSIONE SOCIALE ]. LE PENSIONI ED I VITALIZI MATURATI DAI PARLAMENTARI [APPENA 2,5 ANNI DI LEGISLATURA] PERCHE’ NON SI POSSONO REVOCARE ???? ABBIAMO UNA CLASSE POLITICA DI FARABUTTI !!!! MA ANCORA PER POCO !!!
    INVITO TUTTI GLI ELETTORI A RECARSI ALLE URNE ALLE PROSSIME ELEZIONI, EVITANDO FENOMENI DI ASTENSIONISMO, PER MANDARE DEFINITIVAMENTE A CASA QUESTA CLASSE POLITICA CHE DI NUOVO SI PONE UNICAMENTE IL PROBLEMA DEL METAMORFISMO POLITICO CON L’INTENTO DI INGANNARE ANCORA UNA VOLTA IL POPOLO SOVRANO.

  2. FLORIANO says:

    DA QUESTE SOLUZIONI CI SI RENDE CONTO CHE STO PAESE E’ ORMAI AGLI SGOCCIOLI, VUOTO DELLE PIU’ ELEMENTARI SOLUZIONI,
    MA PEZZI DI IDIOTI TECNICI DEL CAZZO, RIDUCETE GLI SPRECHI NELLA SANITA’ NO TASSARE LA PRODUZIONE IGNORANTI E IMPONETE DELLE REGOLE E CONTROLLI SUI COMPONENTI DELLE VARIE SCHIFEZZE IMMESSE NEL MERCATO ALIMENTARE, COSI’ FACENDO SALVERETE ANCHE LE PERSONE POCO INTERESSATE AL PROBLEMA CHE GRAVA ALLA SALUTE E CHE LE CONSUMANO SOLTANTO PER LO SFIZIO DI BERLE
    E LI CHIAMANO TECNICI STI QUATTRO ASINI COL BOLLINO BLU.
    PENSANO SOLAMENTE A FARE CASSA ANCHE A DESCAPITO DELLA SALUTE ALTRUI, TRALASCIANDO LA MERDA USATA ALLA PRODUZIONE DI CERTE BEVANDE.
    MA LO STATO E’ QUELLO CHE TI VENDE IL FUMO INDICE DI TUMORE AL POLMONE ? E MAGARI TE LO SCRIVE PURE SUL PACCHETTO?

    MA ANDATE A FARE IN CULO TECNOCRATI IGNORANTI.

Leave a Comment