La secessione si è compiuta: lasciare il Nord, andare al Sud

nord e sud italiadi AGILULFO

Sono Longobardo, si sa, e quindi ho la testa dura, e, allora, mi fido poco. Anzi, visto che mi sono fidato, oggi non mi fido più. Il nemico non è a Roma, come sbraita (o finge di sbraitare) ancora qualche padanista rimasto solo sull’atollo del 2%, e non è nemmeno a Bruxelles o a Strasburgo. Il nemico ce l’abbiamo in casa ed è una classe politica che ci ha usato solo come riserva elettorale per garantirsi le cadreghe, andando, poi, d’accordissimo sia con Roma che con Strasburgo. La verità, amara per noi Longobardi, è che il Sud una classe politica che fa i suoi interessi, ce l’ha. E, infatti, piovono posti pubblici e soldi. Inutile che ce la prendiamo con le guardie forestali siciliane e calabresi. Sarà anche clientelismo, ma laggiù i loro interessi li fanno, eccome. I nostri? Il solito pietoso velolombardia, se pur verde, non basterebbe a coprirne le vergogne. I suddici votano compatti, i noddici si dividono tra destra, sinistra e cespugli. I suddici si nominano tra loro, i noddici, nominano quelli del Sud. Ve lo confesso: in questo momento sono pieno di ammirazione per il Sud, che la secessione l’ha già fatta. Ditemi un solo politico del Nord che sia mai stato eletto in un collegio elettorale calabro, io ve ne dirò qualche migliaio eletto quassù, persino sotto lo stemma di… Il Nodd si deve liberare, è vero, ma da se stesso, o, meglio, da chi ha detto di averlo rappresentato.

Il Sud ha politici che fanno i suoi interessi. E il Nodd ce li ha!?

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Non posso che essere concorde nel definire il nostro popolo “longobardo” e non padano.
    Padano può essere solo un aggettivo, come scandinavo, balcanico, legato ad una località, longobardo è invece storico , realista e legato geneticamente e culturalmente a quel che siamo, al pari dei francesi, dai Franchi ma in gran parte con sangue celtico, o gli anglosassoni, stesso discorso. Il Regno longobardo non è mai finito, Carlo Magno divenne Re dei Franchi e dei Longobardi, in seguito è confluito nell’impero Germanico ed infine nell’Impero Austroungarico.
    I Longobardi da secoli si distinguono dai loro rumorosi vicini meridionali: latini e greci.
    Un plauso quindi.

  2. E’ una verità purtroppo. Il Nord è stato plagiato dal Sud?!
    Anzi ci siamo fidati di chiunque in passato pensando di avere a che fare con gente onesta e corretta. Il risultato è stato quello di avere un debito pubblico da panico.
    L’ottimismo è semplicemente eroico ma inadatto a ribaltare la situazione.
    Servono ben altre cose per diventare ottimisti e all’orizzonte si vedono solo nubi nere e minacciose.
    Quando quelli del Nord capiranno che sono stati anche loro a procurare il disastro votando partiti sclerati e fallimentari per troppi anni ?!?!?
    La speranza è l’ultima a morire solo che il de cuius è già in stato di putref…….-
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Quando Papa Luciani scriveva ad Andreas Hofer ...

Articolo successivo

L'Italia, vigilata dai prefetti. La Svizzera, governata dai Cantoni