La scuola che insegna a disobbedire

bravadi SERGIO BIANCHINI –  Dialogo tra un cliente e la commessa del lavasecco

Io  – Buon giorno, posso chiederle dove ha trovato quella maglietta che indossa?

Lei – Me l’hanno regalata

Io  – Signora ha figli?

Lei – Sì, tre

Io  – E cosa hanno detto della maglietta?

Lei – Loro sanno che sono un pò particolare

Io   – Ma esattamente cosa hanno detto? Di sicuro hanno commentato.

Lei  – Come fa a saperlo?

Io – Sono esperto. Anch’io sono stato particolare ma adesso sono 30 anni che faccio marcia indietro. Non solo sul piano pratico ma sopratutto teorico.

Lei  tace ma osserva interessata ed intanto lavora alla cassa con altri clienti.

 

Io – In questo periodo sto pensando all’obbedienza che è ancora una virtù molto utile contrariamente  a quello che si disse e si dice.   Le insegnanti spiegano che l’obbedienza non è più una virtù ma  poi vogliono alunni obbedienti.

Lei sorridendo   – Logico, non siamo mai contenti

Io –  E’ che ci diamo sberle da soli

Lei – Sì. Ma ormai è cambiato tutto

Io – Sì. La famiglia è saltata e i giovani hanno paura a dare vita ad una comunità domestica

Lei – Io per fortuna ho un marito DOC

Io  – Lo credo, uno di quegli uomini miti e buoni che le donne di una volta costruivano. Ma adesso non li sanno più fare

Lei – E’ vero

Io  –  Posso fare una fotografia alla sua maglietta?

La signora dice di sì ed ecco la fotografiabrava

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Io  Grazie, saluti e arrivederci

 

Lei  buon giorno e buona Pasqua.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    Ghe jera naolta petin e petee…
    Uno dixeva che lu’ jera bravo e l’altro chel jera pi’ bravo.
    Si puo’ personalizzare… come il racconto dal Sergio.

    Pero’ xevero. Se stava mejo co se stava pexo… se non altro se jera pi zovani.
    Adesso scaraventai nea tersa eta’ (mi pensavo che ghe ne fusse una soeo de eta’) me troo a barufar co chi xe pena nato: ju sa za tuto.
    El me vol tegner par man e el xe pena sta partorio.

    Ea mea resita: quando il nono xe ciapa’ par man dal nevodo, beh, xe l’inisio dea fine.

    Uno se crede pi’ sapiens (anka se l’homo nol xe mai sta sapiens appunto) parche’ il fa robe che el nono no fa o sa far o nol pol far.

    Proprio l’altro di’ me sonti confronta’ co me nevodo de 9ani.
    Lu me fa vedar che el mete el pie’ in boca.
    Lo avisina aea boca precisamente.
    Mi no rieso gnanca a metarme i calsetti pode’ imajinar el raporto tra mi e ju.
    Cusi’ ghe go spiega’ che tutti da putei e fin a na sertta eta’ se riese de far chee robe ea’.
    Te vedara’ caro Alberto, che co te gavara’ ea me eta’ te sara’ pi o manco come mi.
    Te si in tenpo de continuar a metarte el pie’ visin aea boca, ma te ga da esercitarte sempre, ano dopo ano.
    Cusi’ val par tute e disipline, pratiche e inteetuai.
    Sta kax de KST daea e no el vero senso, pratico e teorico al zovane..?
    Ghe insegnea de come se vive nea societa’..?

    Par mi ghe basta far taliani… podopo sapienti e o educai al rispeto poco importa.
    Quindi ea disobediensa xe na conseguensa no esendoghe regoe certe.
    Basta seguir serti processi (pro cessi) pa rendarse conto dea nostra triste situasion.

    Mi me ricordo che co jero ceo co parlava un vecio se faxeva siensio. UN REIJOSO SIENSIO.
    Adeso, i te bastona se no te sta tento e sopratuto ZITO.

    KST:
    K= KANTINA
    S= SOCIAE
    T= TAIBANA.

    TAIBANA= I TAI DEA REPUBLIKA DEE BANANE = ITALIA.

    Viva i Alpini…

Leave a Comment