La Raggi cambia le vie dedicate a docenti razzisti del fascismo. Quando Milano eliminerà la via dello stragista Cialdini?

CIALDINI2

di ANGELO VALENTINO – Il Campidoglio ha avviato le procedure per cambiare nome alle strade della Capitale intitolate agli scienziati che sottoscrissero il Manifesto della Razza del 1938, premessa alla deportazione fascista e allo sterminio degli ebrei italiani. Al dossier hanno lavorato  la sindaca di Roma Virginia Raggi. E invece quando a Milano decideranno di depennare dalla toponomastica lo stragista Cialdini che uccise innocenti anche arsi vivi a Pontelandolfo e Casalduni in nome dell’unità d’Italia? Per quanto ancora piazza Cadorna dovrà celebrare la fama di un generale che mandò a morte sul fronte migliaia di soldati inermi? Solo così, qualche domanda non retorica…

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. caterina says:

    ma se si è sempre saputo che le razze sono la nera, la gialla, la bianca e tutte le altre che via via si sono scoperte, tipo gli indios dell’America del Nord e delle foreste dell’America del Sud che hanno dato luogo a tanti studi e a tante ricerche… dov’è il problema? che siano modifiche di geni per adattarsi ai climi, quando la mobilità nelle terre emerse per secoli o millenni quasi non esisteva è forse una verità da nascondere? che cos’ha di sbagliato?
    sono fobie inventate dall’ignoranza e dai preconcetti ed è stupido confondere le razze con i gruppi invece di amici o nemici per le loro specifiche credenze… Gli ebrei non sono una razza, i mussulmani neppure, gli zingari neanche… perché mai si dovrebbe demonizzare il vocabolo “razza”? Se poi viene usato in senso improprio e dispregiativo, é solo una questione di ignoranza… o di insicurezza e di paura! Sono queste le cose da demolire, non le razze!

Leave a Comment