LA QUESTURA VIETA DI INNEGGIARE AI SERENISSIMI

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Veneto Stato, movimento politico per l’indipendenza, dopo aver sentito i responsabili di “Xoventù Independentista, rende noto che la questura di Venezia ha vietato loro, seppur confermando l’autorizzazione a manifestare domani, di inneggiare in qualsiasi forma ai Serenissimi. Marciate si ma senza nominarli è dunque il monito delle istituzione italiane.

La notizia ha dell’incredibile e avviene proprio nel 15° anniversario dell’eroico gesto, segno che dopo tutto questo tempo l’idea da loro portata avanti fa ancora incredibilmente paura a chi si oppone alla libertà della nostra Nazione Veneta. Per questo noi, come richiesto dall’organizzazione, invitiamo soci e simpatizzanti a partecipare alla fiaccolata silenziosa che ora assume anche un connotato politico e di rabbia per questa indecente decisione.

Prima della marcia saranno distribuite oltre alle fiaccole, magliette e bandane contro la censura di stato. Il ritrovo è alle ore 20.30 davanti alla stazione dei treni e partenza del corteo alle 20.45.

Ricordiamo infine che l’evento è organizzato da un’organizzazione giovanile, Xoventù, trasversale ai partiti e che non sarà ammessa nessuna bandiera politica.

Per ulteriori info: www.xoventu.org

Ufficio Stampa di Veneto Stato – www.venetostato.org

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

23 Comments

  1. paul says:

    Veramente uno schifo
    Dovrebbe scendere in piazza tutto il Veneto…
    Tosi Bitonci Gobbo, Dove siete?

    • luigi bandiera says:

      Ah si.
      Te pol spetarte de tuto ma de far i venetisti..??

      NO GHEMO CAPIii..!!!!!!!

      E i talibani lo sa e i ride de nialtri..!

  2. luigi bandiera says:

    Ma l’art. 21 della costituzione trikolorita recita che si puo’ dire tutto quel che si pensa oppure no..?

    Eh, ma quanta liberta’ di manifestazione…

    Insomma ENNESIMA dimostrazione che siamo CANARINI IN GABBIA..!

    Pensa un po’, ti passano lo spartito di quello che puoi parlare e cantare..!!

    UHEI
    KOMUNISTI…

    di terra…

    di mare…

    di cielo…

    e di merrdd…

    Andate AFC che non e’ automatic frequency control.

    Basta italia..!!

    italia basta..!!

    Kax, non se ne puo’ proprio piu’…

  3. oppio 49 says:

    ma cosa serve ai nostri popoli per capire: che cosa aspettano?

  4. Comitato Ultimi Veri Venexiani says:

    Invitiamo chi lo detiene produrre in Fb il documento originale del diniego motivato della questura italiana.

  5. MARIA MARINI says:

    DOVEMO ESSAR LA TUTTI!!! VENESIA AQ XE DEL POPOLO VENETO E NO DEI DELINQUENTI ITALIOTI ,PERCHè VIETANDO LA MANIFESTASION I DIMOSTRA DE ESSAR COME QUEI DE ROMA!!!! BISOGNARIE BUTTARLI FORA TUTTI INSIEME O PORTARGHE NA BEA MERDA PAR DIRGHE CHE QUESTO I XE PEI I VENETI ANCA SE I XE IN COMUNE A VENESIA ,CHE VERGOGNA PER I VENETI!!!!

  6. lancillotto says:

    Tutti i patrioti che leggono questa pagina dovrebbero sentire il dovere morale di essere presenti domani nella nostra capitale, calpestata e insultata per l’ennesima volta.

    ONORE ai patrioti Veneti.

  7. Luca68 says:

    Non c`é bisogno di alcuna “bandiera politica”… Basta tenere alta la gloriosa e serenissima bandiera di San Marco! Onore ai Serenissimi!

  8. Trasea Peto says:

    Tra pensar na roba o dirla xe manco seria la roba dita.
    I ghebi podarà stroparte la boca, ma pi ke I và in serca de stroparla, pi I se catarà co xente ke la pensa al contrario de lori e dee so inpoxision.
    Mi go solo visto ke stroparghe la boca ai 8 gati autonomisti ke I yera 15 ani fa su pa’l canpanie, sensa dir gnente I veneti ke la pensava cusita I se ga moltiplicà 300 olte, ma no in autonomisti, ma in indipendentisti.

  9. antonio says:

    tutti a venezia sabato sera!

  10. ferdinando says:

    Dunque hanno tanta paura le “PUBBLICHE ISITUZIONI DEMOCRATICHE” contro chi vuol ricordare i Serenissimi e la Repubblica di S.Marco? Bene vuol dire che siamo sulla strada giusta

  11. Amedeo Moras says:

    Pagheranno per questa ennesima offesa ai Veneti. PAGHERANNO

  12. luigi bandiera says:

    L’itaglia rispetta da sempre i trattati internazionali e specie i trattato sui diritti fondamentali dell’uomo.

    Ma come ve lo devo dire che quelli la’, i trattati, sono carta igienika per i poteri..??

    Kax, dixeo mi che prima de morir inparero’ a bestamar.

  13. libero says:

    vergona italia!

  14. Rodolfo Piva says:

    In base a quale articolo di legge la questura motiva la richiesta ?

    • Vittore Vantini says:

      Penso “apologia di reato”.
      Teoricamente hanno ragione in quanto si tratta di persone “passate in giudicato” e perciò “pregiudicate”. Per questo stato di cacca non esistono nè intelligenza, nè comprensione.
      W L’indipendenza!!!

      • Trasea Peto says:

        http://www.mattinonline.ch/4824/venezia-dopo-14-anni-uella-assolti-gli-assaltatori-del-campanile-di-san-marco

        copio/incollo:

        “Venezia, dopo 14 anni (uella!) assolti gli assaltatori del Campanile di San Marco!

        05/07/2011 (All day)
        I “Serenissimi” assolti dalla Corte di Cassazione italiana. Gli autori dell’occupazione del Campanile in Piazza San Marco il 9 Maggio 1997 non erano terroristi: apperò! Peccato che abbiano passato qualche anno in galera!

        ROMA – Il paese di Pulcinella ha dato un’altra sentenza a distanza di quasi tre lustri dai fatti di Piazza San Marco. I tre “Serenissimi” padovani che la notte fra l’8 e il 9 Maggio 1997 organizzarono l’assalto al Campanile nel cuore della città lagunare a bordo di due “tanki” (ovvero trattori rudimentali) non erano né terroristi, né eversori!

        Lo dice la Corte di Cassazione di Roma che, a 14 anni dai fatti, assolve definitivamente dall’accusa di banda armata e associazione sovversiva gli appartenenti al “Veneto Serenissimo Governo”, Cristian e Flavio Contin, e Gilberto Buson, già condannati per l’assalto al campanile di San Marco, poiché non esistevano finalità di terrorismo e di eversione dell'”ordine democratico”.

        La Sesta sezione penale ha bocciato il ricorso della Procura Veneziana in quanto “l’organismo associativo in questione (burocratese italiota! Non potevano scrivere “il gruppo”???), pur perseguendo un programma eversivo dell’ordine democratico (ma quale eversione!!! Volevano solamente esser padroni in casa propria!) e pur proponendosi atti di violenza (issare la bandiera col Leone di San Marco a Venezia in occasione dell’anniversario della Repubblica Serenissima: che violenti!), era tuttavia strumentalmente inidoneo al perseguimento dello scopo eversivo, data l’assoluta carenza di disponibilità strumentali che tale programma potessero attuare”.

        Insomma, dopo 14 anni, come dicono in Brasile (per prendere per i fondelli gli italioti!!!) “è finito tutto in pizza”! Che vergogna! Tre patrioti Veneti condannati con brutalità e ferocia per aver fatto sventolare la propria bandiera a casa propria e i mafiosi sono in libertà e se la spassano a spese dello Stato italiano! Pajasc!

        GP”

        • luigi bandiera says:

          Questa sentenzia la fine de l’itaglia avventura cominsiada veramente da veri briganti.

          Quando saremo libari i oto i ga da esar RIXARSII de i dani materiai e morai..!

          Se no ghe sara’ RIXARSIMENTO cio’ vora’ dir ke no semo libari..!

          merrrddd….

    • luigi bandiera says:

      Pro_cesso all’intenzioni..!!

Leave a Comment