Clandestini e scafisti, immunità speciale. Niente fotosegnalazione, e i mercenari liberi subito: sono “in stato di bisogno”

di ANDREA TURATIsbarchi

Nessuna regola, un ventre molle. L’Italia è terra di nessuno e lo spiega bene la sferzante denuncia del sindacato di polizia Coisp. Il documento che pubblicano eloquente e spiega come e perché la polizia sia impotente davanti ai clandestini che rifiutano di farsi fotosegnalare. Immaginiamo cosa accadrebbe se fosse un italiano fermato a sottrarsi a questa disposizione. Ma gli stranieri “possono”.

“Sempre di più rifiutano categoricamente i fotosegnalamenti e noi non possiamo farci nulla. Ci ammazziamo di lavoro inutilmente e nessuno interviene”
“L’ennesima assurda situazione verificatasi in Sardegna è solo l’ultimo allarmante esempio di una realtà di cui proprio non si vuole prendere atto: i clandestini, ogni giorno di più, si rifiutano categoricamente di farsi fotosegnalare, e questo, il più delle volte, perché vogliono raggiungere altri Stati europei. Ma il sindacato aggiunge: “Di fronte a ciò non c’è proprio nulla che possiamo fare, al di là delle inutili e continue sollecitazioni alle Forze dell’Ordine perché siano rigorose nei riconoscimenti. Rigorose un accidenti! Noi non facciamo che ammazzarci di lavoro con turni che sai quando iniziano e non sai quando finiscono, non facciamo che svolgere senza mezzi e senza risorse il lavoro mastodontico di raccolta e di gestione di centinaia
di immigrati alla volta, ma poi alla fine tutto è completamente vanificato, con buona pace dei nostri sforzi e, naturalmente, della sicurezza prima di tutto. Non si può più andare avanti così: i colleghi in tutta Italia non ce la fanno più, le pressioni che subiscono sono fortissime, ed i rischi che corrono altissimi.
Basta ciance, bisogna che si cominci a dimostrare con i fatti se si è in grado o meno di amministrare questo Stato ostaggio della prepotenza di chi se ne infischia delle questioni umanitarie che straziano il sud del mondo, ma poi grida allo scandalo quando vede circolare per l’Europa tutti i clandestini che scappano dall’Italia senza che noi abbiamo potuto neppure identificarli. E che dovremmo fare? Legare i clandestini e fotosegnalarli con la forza? La tortura è reato, giusto? Ed in Italia fino a ieri non si è pensato ad altro… quindi adesso vengano i parlamentari italiani a fare i riconoscimenti dopo aver convinto centinaia di immigrati imbufaliti con i loro stupefacenti discorsi”.

Che parla è Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, che commenta così quanto avvenuto a Cagliari. Gli stranieri – sbarcati insieme ad altri 800 sabato scorso a Cagliari da una nave militare tedesca che li aveva soccorsi a largo delle coste libiche – chiedono di poter lasciare l’isola e raggiungere altre nazioni europee dove si trovano parenti e familiari. Sono però sprovvisti di documenti – racconta il Coisp – e, come sottolineato dallo stesso questore, Filippo Dispenza, possono lasciare la Sardegna solo dopo essere stati fotosegnalati, ma rifiutano l’operazione.

I profughi conoscono il regolamento di Dublino il quale prevede che il fotosegnalamento sia collegato alla richiesta d’asilo che di fatto li costringerebbe a rimanere in Italia, mentre i loro interessi e affetti sono altrove.

Ma ecco la ciliegina sulla torta. Leggiamo con cura.
“Sorvoliamo – prosegue Maccari – poi sull’altro straordinario dato che dei quattro presunti scafisti arrestati dopo lo sbarco due sono stati rimessi in libertà
dopo che il giudice ha riconosciuto loro la scriminante dello ‘stato di bisogno’. Ma se siamo su ‘Scherzi a parte’ qualcuno ce lo dica. Se quel che facciamo per far rispettare la legge viene considerato e trattato come una barzelletta allora qualcuno ci sollevi da questo inutile e offensivo supplizio.
I colleghi hanno lavorato senza sosta per gestire uno sbarco di quasi 900 persone, per trovare i responsabili dell’atroce viaggio, per cercare disperatamente di difendere la legalità. Ma, a quanto pare, di questo che sta diventando un concetto sempre più ‘relativo’, importa davvero solo a noi”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

5 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Quando le regole sono applicate alla romana maniera: si applicano contro il nemico e ecc..
    Se le navi battenti bandiera tedesca o inglese, e queste sono considerate come terra tedesca o inglese e ecc., i “Mose’ ” e cioe’ i “salvati dalle acque” devono essere portati nelle rispettive patrie e cioe’ in Germania, in Inghilterra e ecc..
    A me sembra, invece, che nessuno rispetti i trattati internazionali, meglio, li accomodano a seconda della volonta’ politica dei politicanti del momento. Infatti, tutti a strillare che ci sono patti tra stati e che questi devono essere rispettati, ma non e’ proprio cosi’ e credo che mentiscono sapendo di mentire.
    L’italia non li fa rispettare e gli altri non li rispettano: il DISEGNO occidentale e’ ormai fin troppo chiaro, per loro, e oscuro per noi peones sempre.
    Si sta consumando un altro D-DAY, senza mezzi da sbarco e nemmeno una baionetta, e noi (mone fino all’osso) li assecondiamo aiutandoli nella loro INVASIONE..!
    Faremo una brutta fine e ma, avremmo il merito di essere stati “BUONI”, “SOLIDALI” e tanto “PACIFICI”. Invece, no. Perche’ saremmo ricordati e maledetti come dei GRAN BRAVI MONE..!
    Una pubblicita’ dice: …siete pazzi..!
    At salüt

  2. Roberto Porcù says:

    @ Dan – no carino, non devono cavarsela con le legnate.

    • Dan says:

      Lo so che si meritano ben altro ma sarebbe già un miracolo se si arrivasse alle legnate. In nessun paese normale la gente del posto lascierebbe marcire le cose fino a questo punto con il masochistico piacere di domandarsi dove sta il fondo.
      Continuiamo a parlare, continuiamo a farci domande, ma alla fine agire mai.

  3. luigi bandiera says:

    Gli invasori non sono né scemi e né ignoranti: hanno capito come si fa per andare avanti e cioe’ dove vogliono loro. Infatti, non hanno ostacoli e nemmeno il mare per loro e’ un ostacolo. Del pericolo poi se ne fregano: nel decidere di attraversare il mare hanno messo in debito conto anche che potrebbero non farcela e si “buttano”.
    Loro agiscono senza pieta’ e noi, pietosi, li aiutiamo non a salvarsi, ma a INVADERCI.
    Che strano mondo “civile” il nostro: qualche secolo fa l’Europa invase e caccio’ sterminandoli i selvaggi, oggi dai selvaggi si fa invadere e forse cacciare..!!
    Il giusto giusto non lo so quale sia, ma che sia giusto farsi invadere mi sembra un po’ da gnocchi ma veramente gnocchi per non dire altro.
    Salam

  4. Dan says:

    Solo una cosa conta: quando la gente cercherà di prendere a legnate i politici che hanno permesso questo, facciano piacere i signori agenti, si girino dall’altra parte altrimenti sarà lecito pensare che anche a loro piace essere parte di una barzelletta

Leave a Comment