La pazzia burocratica: concorsi anche per fare i supplenti.

scuoladi SERGIO BIANCHINI –  Sul Il Foglio del 17 gennaio compare una nuova intervista all’insigne costituzionalista Prof. Cassese. E come sempre chi si aspetta indicazioni vere rimane deluso. Dopo aver indicato l’errato posizionamento del sistema scolastico che appare costruito in funzione dei docenti e non degli alunni, Cassese invita al rovesciamento naturale e logico della situazione.

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    I concorsi sono strumenti del potere costituito per cui rispondono o devono rispondere ad una certa logica che il potere detta e spesso tiene nascosta.

    I prefetti solo meridionali?
    I questori solo meridionali?
    I docenti quasi esclusiva meridionale?
    E si potrebbe fare un lunghetto elenco di come funzionano i concorsi trikoloriti.
    E chi piu’ ne ha piu’ ne metta…

    Siamo alla via cosi’ da tanti anni… forse abbiamo superato il secolo.

    LA COLPA E’ CHE NON ABBIAMO RAPPRESENTATI, noi del settentrione..!

    Durera’ ancora per quanto tempo..?

    PER SEMPRE SE NON CI SARA’ IL DISINCANTO.

    Good luck

Leave a Comment