La Pasqua de la me nona

di DIANA CERIANI

Ma rigördi la me nona cul rusari in man

Sa sentiva la so vus che la pregava pian

Ul rosari tüc i sir lè la diseva par

specià la risureziun

Nel so cör gh’eran i ciòd de la crus dul signur

La sentiva cunt la fede tuta la pasiun

E speciava par mangià la carne e i bun bun

Propri ul dì de la resureziun

E la pasqua la fiuriva in sul so bel suris

E a la mesa la cantava gloria al signur

Gloria gloria l’è ammò viv in mezz a nunch

Gloria gloria la cantava cun pasiun

La faseva la via crucis al venerdì sant

La bufafa la pregava senza lamentas

Gh’eran pizz i lüm in su la strada in prucesiun

Ma rigordi la mè emuziun

E la crus la andava innanz visin gh’era ul cürà

E da drè gh’era la gènt intenta a pregà

La me nona che la sira prima de andà in lecc

in dul so cör la sentiva quasi frecc

La me nona ul dì di pasqua ma ciapava in brasc

e diseva al’è un dì de gioia e pàs

————————————–

La Pasqua di mia nonna

uovaMi ricordo la nonna con il rosario in mano

Si sentiva la sua voce che pregava piano

Tutte le sere diceva il rosario per aspettare la resurrezione

Nel suo cuore c’erano i chiodi della Croce del Signore

E sentiva con la fede tutta la passione

E attendeva a mangiare dolci e carne

Proprio il giorno della resurrezione

E la Pasqua fioriva nel suo bel sorriso

E alla Messa cantava gloria al Signore

Gloria è ancora vivo in mezzo a noi

Gloria cantava con passione

Faceva la Via Crucis al Venerdì Santo

Respirava a fatica ma pregava senza lamentarsi

C’erano accese le lanterne la sera in processione

Ricordo la mia emozione

E la Croce proseguiva, vicino c’era il Parroco

E dietro la gente intenta a pregare

Mia nonna quella sera prima di andare a letto

Nel suo cuore sentiva quasi freddo

Ma mia nonna il giorno di Pasqua mi prendeva in braccio

e diceva “questo è un giorno di gioia e pace!”

*In collaborazione con http://www.insorgente.com

Print Friendly

Related Posts

Leave a Comment