La Padania è nata cristiana, non morirà musulmana. Intanto la Svizzera festeggia l’Ascensione!

Manchester-Arena-explosiondi ROBERTO BERNARDELLI E GIULIO ARRIGHINI – In Svizzera, oggi, anche nei cantoni protestanti, è festa. Festeggiano l’Ascensione, e i cantoni cattolici il Corpus Domini, ricorrenza che celebra la reale presenza di Cristo nell’Eucarestia. Festa cattolica rispettata anche dai protestanti. Non è questione di Chiesa, ma di identità cristiana. E gli svizzeri riconoscono la comune matrice identitaria. Lo Stato può fermarsi, deve anzi stare un passo indietro rispetto al popolo. Gli svizzeri insegnano, all’Europa laica, laicista, e all’Italia della Chiesa Romana che dice che tutte le religioni sono uguali, che prima viene l’anima, lo spirito, il senso di fare comunità in una festa che dura, anzi, durava da secoli. Per la tradizione cristiana, che è il motivo per cui l’Europa è nata attorno a monaci e monasteri.

I fatti di sangue di Manchester, gravissimi e criminali, ci insegnano che dove passa l’idolatria di Stato, la negazione moderna del fermarsi per i santi, per le festività che davano un senso allo scandire del nostro tempo, e il festeggiare la boria della festa dello Stato, delle varie repubbliche diversamente democratiche, con le loro parate, ci ha reso innocui agli occhi del terrorismo islamico. Abbiamo lasciato aperti tutti i varchi, pensando che la fede nello Stato – e nella malgestita e clientelare cosa pubblica – ci rendesse eterni, indenni da qualsiasi attacco.

Così non è. Via tutte le feste comandate, via il senso di una appartenenza, via il ritmo delle stagioni con le loro sacralità. Via tutto ciò che ci rende diversi e nel contempo uguali ai simili nostri. Poi arrivano le bombe, la morte che non distingue più bimbi e anziani. Ciò che è infatti sacro per lo Stato non è degno di rispetto per chi ci reputa indegni agli occhi di qualsiasi Dio, non solo il loro.

 

 

Print Friendly

Related Posts

13 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Senza mettermi da un lato o dall’altro, firmare il proprio e quindi presentare il proprio io e’ di difficile comprensione di cui il coraggio per farlo.

    E’ difficile dire io la penso cosi’ e sono tizio di nome e caio di cognome..? (Un tempo mettevano anche la paternita’ e la maternita’). Beh, adesso… meglio soprassedere.

    Nel mio lavoro fui messo all’indice perche’ un di circolo’ una lettera/volantino un po’ troppo piccante.
    Fui accusato di essere stato io a scriverla perche’ aveva le caratteristiche per esserlo.

    R: non avete capito nulla. Non avete ancora imparato ed e’ da tanti anni, che io ho sempre firmato quello che ho espresso e in verbo e in sgrafo..?

    MUTI LI FECI..!

    Anche i peggiori attacchi che scrivevo erano firmati se erano i miei.

    Tirare il sasso e nascondere la mano non e’ certo il mio caso.
    Per questa mia caratteristica non capisco certi tagli in altre testate.
    Per fino facebook mi ha cancellato un intervento (questa e’ l’italia komunista) perche’ avevo scritto che gli italiani un di’ dicono una cosa e l’altro di’ un’altra e contraria per cui sono stupidi o roba del genere. Non lo ho salvato.

    Capito come funziona la rete facebook..?

    E pensare che io sono stato un pioniere nel contribuire a far nascere questa rete informatica e che agli albori certi promuovevano l’uso della censura mentre io sostenevo che vale di piu’ l’ EDUCAZIONE. Fa sicuramente RISPARMIARE.

    Uno educato a scrivere senza offendere e’ il miglior utente.
    Gli altri utenti i non educati prima o poi saranno scorretti. Con l’uso degli alias o degli pseudonimi e’ certo.

    Stessa cosa quindi, si puo’ applicare come principio, e’ riguardante la firma sul testo scritto.
    Kax, io la penso cosi’ e mi presento firmandomi, che male fo’..?
    E’ come parlare in pubblico con la maschera. Che senso ha nascondere la propria faccia..? Poi magari si e’ contro il BURQA.
    Ma se dico che e’ un comportamento da taliani facebook mi censura..?

    Brutto mondo davvero….
    Salam

  2. Castagno 12 says:

    Rispondo a RICCARDO POZZI.
    Io sono uno sgobbone E INTENDO DIFENDERMI perchè le notizie che contano e che i media tacciono, me le vado a cercare: consulto, leggo, verifico e quando ho il riscontro della realtà, INFORMO COMUNICANDO ANCHE LE FONTI DELLE INFORMAZIONI.
    Serve altro ?
    Tutto alla luce del sole. Non ci sono misteri, nè segreti.
    E questa mole di lavoro LA OFFRO GRATUITAMENTE, E’ OVVIO
    La mia firma è inutile perchè non fornisco notizie frutto dei miei sogni o dei miei desideri, NON SI TRATTA DI MATERIALE CONTESTABILE, perchè segnalo LA REALTA’.
    Uso le maiuscole sperando che certi concetti possano fissarsi più facilmente nelle menti distratte e disattente.
    I dati ufficiali forniti da un Istituto statale italiano di ricerca, dicono che uno scritto di media difficoltà viene capito solo dal 48% dei lettori. ” EVVIVA ” il ’68.
    Se lei avese preso atto che la soluzione da lei proposta era assimilabile all’esposizione della BANDIERA BIANCA, avrebbe evitato la mia, la sua e poi ancora, la mia successiva replica..
    E’ INDISPENSABILE RIFLETTERE SEMPRE ! Grazie.
    Non firmo perchè – come lei dovrebbe sapere – questa società è imbottita di “menti” perse, basta leggere certe repliche che fanno anche tenerezza.
    Se la prendono con me come se io fossi l’autore di ciò che denuncio.
    Ma si guardano bene dal disturbare i responsabili del DISASTRO !

    .

    • Castagno 12 says:

      Sempre per RICCARDO POZZI.
      Quanto ad “argomentazioni” , io, in questi ultimi dieci mesi, le ho fornite a vagonate.
      Quantità sufficienti per far svegliare anche gli addormentati.
      Firma o non firma, se le risulta che HO RACCONTATO DELLE BALLE, CORAGGIO, si faccia sentire.
      Mi smentisca. Diversamente, mi lasci perdere.
      Grazie.

      • Stefania says:

        Gentile Castagno, il giornale la ospita, non è la cucina di casa sua dove ci si siede in ciabatte. Argomenti, modi, risposte, atteggiamenti da “padroni di casa” non sono l’ideale per trattare da pari con gli altri ospiti. Siamo intesi? Le pubblichiamo i suoi abbondanti interventi. Se non le vanno le nostre regole, il web è grande.

      • Riccardo Pozzi says:

        Andiamo…non se la prenda così tanto. Suvvia… sia un po’ più tollerante quando viene contestato. Non è mia intenzione né offenderla né denigrare il suo lavoro di ricerca.
        Dico solo la mia.

      • Gianluca P. says:

        Sa qual è il problema Castagno. Lei si informa su siti (non tutti) che danno informazioni atte a distogliere l’attenzione dai problemi veri (Noam Chomsky docet), che chi paga è costretto ad affrontare giornalmente. Se sposti il problema su massimi sistemi finanziari con teorie distorte e senza una base logica, è come proporre un Covered Warrant Plain Vanilla a un cittadino comune. Li, studiando, arriverebbe forse a capirci il 15% del pacchetto. Con le sue teorie fumose, invece, si sente impotente e preso per il culo. Non solo lui, anche chi di economia qualcosa ne capisce. Alla gente semplice ma non stupida, che ha fatto (una volta) diventare grande la lega, interessa avere qualche soldo in tasca da spendere e vivere una cazzo di vita tranquilla – ha paura di essere schiacciata dalla burocrazia italiana e di finire in mezzo a una strada. La paura fa 90(cit.). Le leggi liberticide che fanno fallire gli imprenditori, l’agenzia delle entrate e i suoi burocrati sono qui dentro i nostri confini! Abbiamo un problema qui, quello di fermare il versamento di bile e di soldi che ogni anno prendono il volo verso il nulla. Il cambio di registro e l’inasprimento dei controlli di equitalia diventata ag. d. entrate, l’han deciso il ministero delle finanze italiano ed i burocrati italiani. Qui! La contrattazione salariale nazionale chi l’ha decisa? Per superarla a chi ci rivolgiamo? I sindacati sono in eurozona o qui dentro i confini? La pubblica amministrazione ipertrofica è qui o a Londra? Un accentramento così bestiale e insensato lo abbiamo noi o la Germania? Come lei spesso sostiene ci sono dei maggiordomi italiani che svendono il paese in eurozona. Dobbiamo prendercela con loro, mi sembra chiaro. Dopodiché, lei ha ragione su alcune cose che dice, ma quando insiste a voler avere ragione su tutto, va spesso fuori tema ed è fuori luogo. La mia nonna (che era cremonese/mantovana) usava il termine ‘l’è mia tant giust in dal co’ per indicare in maniera scherzosa un mattacchione. Lei mi sembra un po’ influenzabile da tante teorie distorte: un po’ mattacchione. In senso buono. Un consiglio spassionato: aggiusti un po’ la mira.

        • Castagno 12 says:

          Per favore, sia gentile, mi indichi una sola informazione, da me fornita, che avrebbe distolto l’attenzione dai veri problemi. Una informazione che mi avrebbe procurato confusione facendomi perdere il senso della realtà. Grazie
          Se Lei riguarderà con molta attenzione un mio scritto, ne prenda uno a caso, noterà che io, I PROBLEMI VERI, li ho denunciati. CARTA CANTA.
          Non ho subito alcun depistaggio e, indicando sempre le fonti autorevoli delle informazioni segnalate,(vedi Maurizio Blondet – Marco Della Luna – Christus Rex, ecc.) ho consentito a tutti VERIFICHE E CONTROLLI.
          Io non ho alcuna responsabilità sul mancato utilizzo di dette segnalazioni.
          Comunque, mi segnali, per favore, almeno uno o due problemi importanti che io NON ho indicato..
          E’ stata proprio inopportuna la replica del Direttore, Stefania Piazzo che, fra l’altro, ha capovolto un problema:
          Ha precisato: “LE PUBBLICHIAMO I SUOI ABBONDANTI INTERVENTI”.
          Ma io mi sono messo al servizio della CAUSA COMUNE, ho rimpolpato le informazioni del quotidiano al quale NON DEVO ASSOLUTAMENTE DIRE GRAZIE.
          Per tutto i lavoro che ho fatto, A ME, PERSONALMENTE, NON E’ VENUTO IN TASCA PROPRIO NIENTE.
          E’ “lindiendenza nuova” che ha utilizzato, GRATUITAMENTE IL MIO LAVORO purtroppo utile, si e no, solo al 20% dei lettori.
          La conferma è arrivata puntualmente dal contenuto dei vari commenti e REPLICHE.
          Io non ho alcuna colpa se l’80 % dei lettori non è portato per la politica, per la Finanza e per l’Economia.
          Comunque ieri sera ho inviato una CIVILISSIMA replica (L’HO SCARICATA) a Stefania Piazzo che mi ha mosso degli appunti fuori luogo.
          Il Direttore L’HA ELIMINATA.
          Avevo scritto: Per evitare il proseguimento di un dialogo FRA SORDI- i lettori – con Lei e con Voi tutti IL MIO DISCORSO FINISCE QUI.
          Come vede, ho “aggiustato la mira”, ma non nel senso da Lei indicato. Mi dispiace !
          Guardi che, per evitare di sbagliarmi, guardo proprio bene in faccia LA REALTA’.
          Sono passati circa trenta anni da quando è nato un Movimento di protesta, ma qui al Nord hanno allestito SOLO un GIGANTESCO ALLEVAMENTO DI BUFALE, ma risultati ZERO. E all’orizzonte si vedono l’aumento del Debito Pubblico, altre migliaia di INVASORI IN ARRIVO, e via così.
          Quando capirete che IL MATTACCHIONE ” aveva ragione, saranno dolori grossi per tutti. Altro che quelli attuali. La saluto.

          • Castagno 12 says:

            …….. E VIA COSi’, ma dei problemi veri, quelli che HANNO GENERATO l’attuale crisi e la mantengono in buona salute, NEANCHE UNA PAROLA.
            E sono sicuro che neppure al Convegno di oggi ne hanno parlato.

  3. caterina says:

    Se continuiamo a sopprimere o spostare ad libitum le feste tradizionali del popolo legate alle ricorrenze religiose e invece moltiplichiamo quelle cosiddette civili con relative marce,fanfare,sbandieramenti, personaggi pubblici scortati e blindati perché possano fare i loro discorsi pieni di retorica aggiustata all’occasione, vuol proprio dire che vogliono ridurci a sacchi vuoti che si afflosciano da se’…
    I Veneti il 25 aprile continueranno a festeggiare San Marco a Venezia… e fanno bene!

  4. luigi bandiera says:

    “La Padania è nata cristiana, non morirà musulmana. ”

    NDR: PAPA PERMETTENDO..!

    “Intanto la Svizzera festeggia l’Ascensione!”

    NDR: NOI L’INVASIONE (melano docettete).

    SEMPRE MI: SIAMO SOTTO A TUTTI, E PRIMA DEI SUDDICI E ADESSO DEL RESTO DEL MONDO.

    Aho, ma ancora non la capiamo..??

    NDR: GMGaribaldi e’ morto da tanto tempo..!

    Perche’ vi comportate come quei giapponesi li’ fermi alla seconda guerra mondiale ormai finita..?

    Con tutti sti imparati in giro, i filosofi in particolare, col pezzo di carta (igienika) in tasca o scarsea, possibile che non si possa risalire la china..? (la Cina non c’entra).

    NO.
    E’ VERO.
    L’INTELLIGHENZIA ODIERNA, DEL PRESENTE, e’ MALATA..!
    BASTA LEGGERLI E O SENTIRLI PER CAPIRLO.

    Per me barano… dicono certe stron….e solo per spaventarci.
    Solo che non sono degli SPAVENTA PASSERI.
    O SI..?

    O forse l’e’ tutto vero e cioe’ che ho ragione io e ma anche la Fallaci..?
    Beh, anche la super nota da millenni, CASSANDRA le diceva giuste INVANO.

    E il GIUSTO..?

    NIET: le cose giuste non crescono. Non trovano humus.
    Tutte le altre cose, specie le piu’ furbe e a pro maghi o mantenuti, si.

    SENZA RELIGIONE SI SOCCOMBERA’..!

    VENEZIA DOCET.

    EA PESTE DE VENESIA XE GNENTE AL CONFRONTO DEA PESTE DEL DI DE UNKUO’..!

    BASTA KST (resa obbligatoria. Eh te credo mi. Ga fato compagno quei che ga fato i USA e getta..?).
    KST BASTA..!

    INUTIE sigar in mexo al DESERTO..!

  5. Riccardo Pozzi says:

    Se posso aggiungere il mio irrilevante punto di vista, credo invece che la strada per battere il terrorismo islamico non sia quello di cristianizzare le nostra istituzioni laiche, non sia quello di contrapporre la nostra identità religiosa, perché davanti a questo l’integralismo va a nozze. (Ecco i nuovi crociati etc…).
    Ma quello di contrapporre una lucida capacità degli stati laici di respingere i dettami religiosi che vanno ampiamente contro le costituzioni e i diritti dell’uomo così come scritti nella nota carta.
    Apostasia, diritto di famiglia, parità dei sessi, implicazioni giuridiche della calunnia giustificata, se fatta per difendere la religione. Ci sono molti punti in completa incompatibilità. Ma se ci fate caso, proprio per non fare i conti con questo problema, sia i laici europei sia i musulmani “moderati”, la prima cosa che dicono davanti agli attentati è che “la religione non c’entra”.
    E’ il sistema più rapido per continuare a non affrontare il problema.
    La seconda è che condannano gli attentati e si presenteranno alle fiaccolate ma nessuno di loro dirà che gli attentatori non sono martiri, e nessun Iman che non andranno nel loro paradiso.
    E’ la prova che ad una religione aggressiva e violenta non puoi vincere contrapponendone una che si è evoluta verso la fratellanza e il perdono. Perdi in partenza.
    Gli stati tolgano i simboli per tutti, io mi tolgo la catenina della comunione ma tu devi scoprire tua moglie e permetterle di uscire di casa. Se non accetti ti rimpatrio.
    Mi sa che siamo un po’ lontani da cotanto decisionismo.

    • Castagno 12 says:

      RICCARDO POZZI, ma che “BELLA” PENSATA !
      Io dovrei togliermi la catenina che ho al collo, dovrei ANNULLARE le mie scelte, le mie decisioni per SEGNALARE che, A CASA MIA, subisco ciò che hanno deciso gli altri ?
      IL LIVELLAMENTO E L’UBBIDIENZA IN MASSA SE LI TENGA PER SE.
      Riguardo agli immigrati / INVASORI:
      IO TI RIMPATRIO PERCHE’ QUI NON C’E’ POSTO PER ALTRA GENTE: lo dicono i dati riguardanti la densità di popolazione e la SOPPORTABILITA’ del territorio.
      LA TUA RELIGIONE NON C’ENTRA.
      SIAMO GIA’ IN TROPPI NOI.
      MA I “CONIGLI” HANNO DECISO CHE AL PROGETTO DESTABILIZZANTE E DEVASTANTE DEL GOVERNO MONDIALE ” NON SI PUO’ DIRE DI NO “.
      Purtroppo il discorso per noi è chiuso perchè, chi si agita, ha scelto obiettivi sbagliati e soluzioni inadeguate.

      • Riccardo Pozzi says:

        Gentile Castagno, io esprimo solo qualche opinione, peraltro modificabile se ascolto argomentazioni migliori. I suoi sprezzanti commenti e le sue maiuscole perentorie denotano certezze che non ho la fortuna di avere e che e invidio. Attendo il momento in cui il suo sarcasmo e il suo disprezzo saranno seguiti dal coraggio di una firma.

Leave a Comment