La marcia su Bergamo: l’alleanza antirenzi dei sindaci Lega e Pd

di REDAZIONEsindaci

Un’ottantina di sindaci della Bergamasca sono scesi in corteo  a Bergamo per dire basta ai tagli del governo. L’iniziativa di sabato scorso era stata promossa dalla Lega Nord, ma ha visto la partecipazione di primi cittadini di ogni colore politico, a partire dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori, del Pd. I sindaci si sono ritrovati davanti alla Prefettura e, in corteo, hanno proseguito verso il municipio di Bergamo per un’ assemblea. ‘Basta tagli: dignità ai Comuni’ lo striscione che ha aperto il corteo, seguito dai primi cittadini tutti con il Tricolore. Il saldo negativo nella Bergamasca – è stato detto – tra tasse pagate e soldi che tornano ai Comuni è pari a 13 milioni di euro.

Il presidente della Provincia di Bergamo Matteo Rossi (Pd) non ha potuto prendere parte alla manifestazione per altri impegni istituzionali, ma ha sottolineato la sua vicinanza ai sindaci con una lettera. “Poco importa per me l’appartenenza di ciascuno di voi, perché tutti, in questi tempi difficili, siamo chiamati a mettere il bene comune del nostro territorio e delle nostre comunità prima di ogni logica di parte e prima di ogni parte politica – scrive Rossi. Sono convinto che ciascuno, prima del proprio interesse o di quello del proprio partito, senta forte la responsabilità di dare voce e di dare risposte ai cittadini del proprio paese che chiedono quei servizi essenziali che da troppo tempo sono messi in discussione dai governi nazionali di ogni colore politico che hanno considerato le autonomie locali come un bancomat”. E aggiunge: “Ben venga quindi ogni tipo di pressione sul governo e sui parlamentari che dovranno discutere a breve il decreto fiscale sugli enti locali, e che dovremo poi chiamare sul territorio a rendere conto delle loro scelte”.

 

Print Friendly

Articoli Recenti

4 Commenti

  1. max says:

    La solita buffonata,un gruppo di gioppini che tutti i giorni buttano,sprecano i soldi delle nostre tasse con le più grandi cazzate da veri megalomani,e poi reclamano che subiscono tagli da Roma.
    O si ribellano per primi loro,oppure è inutile blaterare a vanvera,la Lega e i suoi sindaci lo fanno da 30 anni e i risultati sono sotto gli occhi di tutti,il problema è se ne avessero di più di soldi cosa ci fanno i Sindaci con i nostri soldi? Non è dato sapere,l’unica cosa certa è che nessuno di questi signori almeno la stragrande maggioranza lo stipendio se lo infila in tasca alla faccia dei tagli,non sia mai che si tolgano un euro dalla saccoccia,tengono famiglia,per venire eletti o rieletti sono pronti a mutui,per opere inutili o superflue che poi i cittadini devono mantenere,non cè rimedio.

    • Stefania says:

      E’ vero che in decenni i risultati sono stati effimeri o deludenti ma è altrettanto vero che non si può fare di tutta un’erba un fascio. Esistono sindaci che ci mettono la faccia e altri che usano la nostra per le loro rielezioni. La sola moneta con cui ricambiare l’uno o l’altro è la cabina elettorale.

      • max says:

        Signora Stefania la gabina elettorale,l’errore è voluto è il solito pretesto ormai trito e ritrito,che piaccia o no perché fare il Sindaco è ormai da anni sinonimo di scalata al potere,Camera dei Deputati,Senato,Regione,Provincia,e tutti i consigli di amministrazione pubblici e privati.
        Direi che faccio proprio di tutta un’erba un fascio,perché il Comune si amministra avendo come obbiettivo le migliori cose per i propri concittadini,non opere per la vana gloria personale che poi ricadono sui cittadini.Le potrei fare un elenco di scemenze fatte solo ed esclusivamente nel comune in cui risiedo,solo negli ultimi 10 anni tra Pd e Lega Nord siamo nell’ordine dei 10 milioni di euro che sono volati in opere inutili e da mantenere,per il vecchio conio circa 7/8 miliardi di vecchie lirette,e votiamo con il maggioritario.L’onesta è la miglior politica,a risentirci.

  2. pierino says:

    Sindaci fate come la “capitale” spendete per i vostri cittadini e paesi, e lasciate i conti in rosso per centinaia di milioni …

Lascia un Commento