La lettera – Dio ci scampi e liberi dalla furia giovanile dei rottamatori

Uomo-che-legge-su-un-filo-con-uccelliCos’è l’ispirazione?

Vapore tiepido che si innalza da una tazza di te, quel piacevole brivido quando percepiamo la brezza invernale, una lacrima d’amore, un tenero ricordo, serenità e nel contempo decisione.
Sensazioni e passioni, minimi comun denominatori della vita di ognuno di noi, energie che s’alternano tra la genesi e l’entropia, eterna lotta in questo mondo di mezzo. 

A volte le nostre frenetiche vite rallentano, le nubi si diradano, il cielo appare sopra di noi, foriero di illuminazione.
Attimi che valgono una vita e che ci permettono di ascoltare il nostro intimo battito, quando la nostra essenza,  accarezzata da un’ anima a noi affine si sveglia.

Questi sono i pensieri che attraversano la mia mente nel leggere una semplice ma profondissima lettera giunta nelle nostre mani e che desidero pubblicare in questa nostra rivista, chissà che qualcuno tra voi non colga anch’egli quel senso di infinita profondità che da essa traspare.

“Gentile Direttore,
se lo ritiene potrà pubblicare questo mio pensiero, che ormai da troppo tempo vedo gli over sotto mirino dall’impetuosità giovanile.
gentile direttore che mai come in questi tempi e soprattutto in questi ultimi giorni, ho assistito ad una scelta già vista più volte da chi ha superato gli over, certo non si è stupito dei decadimenti politici odierni.
Da secoli i giovani scalpitano per avere posizioni elevate, e scalzare tutto ciò che è di vecchio e stantio.
Questo modo di agire può essere apprezzabile ma anche pericoloso.
come mai i giovani greci della storia si riunivano ad ascoltare incantati i saggi nell’Agora? ”
La risposta è semplice: evviva l’impetuosità giovanile, ma la saggezza ha i suoi pregi.
Solo la vita insegna a superare ostacoli di ogni genere.
Essere prudenti deve diventare un pregio che, si conquista  dopo anni di tensione, frustrazioni, sconfitte e dolori.
Nel mezzo solo taluni sprazzi di ottimismo.
Ecco, evviva i giovani, evviva il nuovo che avanza, ma non bisogna dimenticare che, la storia insegna, la saggezza è sempre stata la spinta che ha portato i popoli ad acquisire serenità e pace.
Le generazioni che ci hanno preceduti, hanno saputo nel bene e nel male insegnarci che, essere giovani significa entusiasmarci, ed essere saggi significa ponderare ogni cosa prima di interpretarla.

Avv. Marilena Guglielmana”

Oggi la passione muove guerra alla saggezza.
Torme di cani latrano contro tutto e tutti, dimenticando la mano che li ha nutriti, vendutisi a pifferai stonati e vezzosi, più adatti a circensi tendoni che alle austere stanze che videro i grandi padri della costituzione e della politica far della Nazione nostra un baluardo di speranza ed un faro di giustizia.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment