La lettera del Gran Capo Seattle a Franklin Pierce

di GIACOMO CONSALEZ

Mi sono imbattuto in questo articolo postato da Giuseppe Bresciani sul suo blogVorrei dedicarlo in primo luogo a Lombardi e Veneti che hanno devastato le loro bellissime terre, trasformandole in distese di asfalto e cemento. Diversamente dall’uomo bianco americano, non lo hanno fatto neppure inseguendo la chimera della propria prosperità, ma per continuare ad essere sfruttati e dissanguati da una repubblica delle banane a forma di stivale, matrigna e puttana, con l’aiuto determinante delle classi dirigenti nostrane, sempre in vendita al miglior offerente, specie quelle sedicenti autonomiste. La scinitilla della coscienza scoccherà mai nelle nostre menti ottenebrate? Di seguito, l’articolo di Bresciani.

Nel 1854, il Presidente degli Stati Uniti d’America Franklin Pierce fece un’offerta ai pellerossa Suwamish per acquistare il vasto territorio su cui vivevano e promise loro la concessione di una riserva indiana. Seattle, il Gran Capo della tribù, rispose con una delle più belle e profonde dichiarazioni d’amore alla natura e all’ambiente che un uomo abbia mai fatto. Ancora oggi, rileggendo la sua lettera si è colti da una forte emozione.

Lettera del Gran Capo Seattle a Franklin Pierce, 1854:

Come potete acquistare o vendere il cielo, il calore della terra? L’idea ci sembra strana. Se noi non possediamo la freschezza dell’aria, lo scintillio dell’acqua, come potete voi acquistarli? Ogni parte di questa terra è sacra per il mio popolo. Ogni ago lucente di pino, ogni riva sabbiosa, ogni lembo di bruma di boschi ombrosi, ogni radura ed ogni ronzio di insetti è sacro nel ricordo e nell’esperienza del mio popolo. La linfa che cola negli alberi porta con se il ricordo dell’uomo rosso. I morti dell’uomo bianco dimenticano il loro paese natale quando vanno a passeggiare tra le stelle. I nostri morti non dimenticano mai la nostra terra meravigliosa, perché essa è la madre dell’uomo rosso.  I fiori profumati sono nostri fratelli; il cervo, il cavallo, la grande aquila sono nostri fratelli; le coste rocciose, il verde dei prati, il calore del pony e l’uomo appartengono tutti alla stessa famiglia. Per questo, quando il grande capo bianco di Washington ci manda a dire che vuole acquistare la nostra terra, ci chiede una grossa parte di noi.

Egli dice che ci riserverà uno spazio per muoverci, affinché possiamo vivere confortevolmente tra di noi. Prenderemo dunque in considerazione la vostra offerta, ma non sarà facile accettarla. Questa terra per noi è sacra, quest’acqua scintillante che scorre nei torrenti e nei fiumi non è solamente acqua; per noi è qualcosa di immensamente più significativo: è il sangue dei nostri padri. Ogni riflesso nell’acqua chiara dei laghi parla di avvenimenti e di ricordi della vita del mio popolo. Il mormorio dell’acqua è la voce del padre di mio padre. I fiumi sono nostri fratelli, ci dissetano quando abbiamo sete, sostengono le nostre canoe. Sappiamo che l’uomo bianco non comprende i nostri costumi: per lui una parte della terra è uguale all’altra, e quando l’ha conquistata va oltre. Abbandona la tomba dei suoi avi e ciò non lo turba. Toglie la terra ai suoi figli e ciò non lo turba. La tomba dei suoi avi, il patrimonio dei suoi figli cadono nell’oblio. Tratta sua madre, la terra, e suo fratello, il cielo, come se fossero semplicemente delle cose da acquistare, prendere e vendere, come si fa con le pecore e con le pietre preziose. La sua bramosia divorerà tutta la terra e a lui non resterà che il deserto. Io non so. I nostri costumi sono diversi dai vostri.

La vista delle vostre città fa male agli occhi dell’uomo rosso. Ma forse ciò è perché l’uomo rosso è selvaggio e non può capire! Non esiste un posto tranquillo nella città dell’uomo. Non esiste un luogo per udire le gemme schiudersi in primavera o ascoltare il fruscio delle ali di un insetto. Ma forse ciò avviene perché io sono un selvaggio e non posso comprendere. Sembra che il rumore offenda solo le orecchie. E che gusto c’è a vivere se l’uomo non può ascoltare il suono dolce del vento o il fruscio delle fronde del pino profumato? L’aria è preziosa per l’uomo rosso, giacché tutte le cose respirano la stessa aria. L’uomo bianco non sembra far caso all’aria che respira. Ma se vi vendiamo le nostre terre io porrò una condizione: l’uomo bianco dovrà rispettare gli animali che vivono in questa terra come se fossero suoi fratelli. Io sono un selvaggio e non conosco altro modo di vivere. Ho visto un migliaio di bisonti imputridire sulla prateria, abbandonati dall’uomo bianco dopo che erano stati abbattuti da un treno in corsa. Io sono selvaggio e non comprendo come il “cavallo di ferro” fumante possa essere più importante dei bisonti, quando noi li uccidiamo solo per sopravvivere. Che è l’uomo senza gli animali? Se tutti gli animali sparissero, l’uomo morirebbe in una grande solitudine. Poiché ciò che accade agli animali prima o poi accade all’uomo. Tutte le cose sono connesse tra loro.

Noi sappiamo almeno questo: non è la terra che appartiene all’uomo, ma è l’uomo che appartiene alla terra. Questo noi lo sappiamo. Tutte le cose sono connesse come i membri di una famiglia sono connessi da un medesimo sangue. Non è l’uomo che ha tessuto la trama della vita: egli ne ha soltanto il filo. Tutto ciò che egli fa alla terra, lo fa a se stesso. Lo stesso uomo bianco, che parla con il suo Dio come due amici insieme, non può sottrarsi al destino comune. Dopo tutto, forse, noi siamo fratelli. Vedremo. C’è una cosa che noi sappiamo e che forse l’uomo bianco scoprirà presto: il nostro è il suo stesso dio. Egli è il dio degli uomini e la pietà è uguale per tutti: tanto per l’uomo bianco tanto per quello rosso.  Questa terra per lui è preziosa, nuocere alla terra è come disprezzare il suo creatore. Anche i bianchi spariranno: forse prima di tutte le altre tribù. Contaminate il vostro letto ed una notte vi troverete soffocati dai vostri rifiuti. Dov’è finito il bosco? E scomparso. Dov’è finita l’aquila? È scomparsa. È la fine della vita e l’inizio della sopravvivenza.  

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

13 Comments

  1. luigi bandiera says:

    QUELLI ERANO VISTI E CONSIDERATI DEI SELVAGGI.

    COME NOI ETNO VENETI CI CONSIDERANO BARBARI E RAZZISTI… ANCHE IGNORANTI.

    GLI OCCUPANTI E I PREPOTENTI LE INVENTONO TUTTE PUR DI OTTENERE SENZA PAGARE..!!

    LA POLITICA VUOLE TUTTO E SENZA PAGARE..!!

    SVEGLIA..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Carlo says:

    Bellissimo ed eccezionale detto di un grande uomo.

    Oggi è molto piú complicato di allora:
    io sono Lucano, mia moglie Indocinese, mio figlio è nato qui in Svizzera e parla 5 lingue.

    A quale terra appartiene mio figlio?

  3. giuliano says:

    con queste righe, semplici, si spiega il senso della vita,
    che riporta l’uomo a guardarsi nello specchio e cercare di comprendere i tanti errori che si fanno.

    è un testo che la scuola dovrebbe far leggere e comprendere !

  4. Sandro says:

    A me ha fatto venire in mente il CANTICO DELLE CREATURE di San Francesco.

    Sandro

  5. Gianfranco says:

    E’ incredibile,sembra come sé avesse già visto il nostro futuro!

  6. OScar says:

    è finita che noi ancora oggi siamo qua!sono passati i giganti,sono passati gli inglesi,ora ttendiamo che passino anche questi europei che sono nelle nostre terre,noi rimaniamo sempre qua

  7. ingenuo39 says:

    Lettera bellissima e ricca di significati comprensibili e condivisibili, purtroppo il mondo va avanti e non ci sono “bisonti” per tutti e per sempre, al mondo c’ è gente che muore di fame perchè non esiste cibo per tutti. Scusate ma è la cruda realta.

  8. Lucano says:

    Commovente e bellissimo!

  9. Luporobico says:

    Favolosa….e li chiamano selvaggi.

  10. Dan says:

    Com’è finita poi ? Che gli Yankee, compreso che la terra non era in vendita, gli hanno scatenato contro il settimo cavalleggeri definendoli terroristi (o qualche sinonimo dell’epoca), fino a deportarli in catene a lavorare in qualche cantiere della ferrovia ?

Reply to giuliano Cancel Reply