La Lega verso la spending review e lo stop ai doppi incarichi

FONTE ORIGINALE: www.repubblica.it

La Lega Nord avvierà una sorta di spending review, al suo interno, per ottimizzare la gestione dei conti e individuare quelle società collegate al movimento che sono ritenute inutili nel nuovo corso. E’ uno dei primi impegni che attende dopo la pausa estiva il Carroccio di Roberto Maroni, che dovrebbe presentare anche un progetto di riorganizzazione dei media padani – radio, quotidiano, web e tv – in favore di un unico portale internet per ottimizzare il rapporto costi-benefici,

Di questi temi, benché non formalmente all’ordine del giorno, Maroni potrebbe fare cenno già nell’ultima riunione del Consiglio federale prima della pausa di estiva, in programma lunedì in via Bellerio. Il Federale discuterà di regole per vietare i doppi incarichi e analizzerà il bilancio di previsione. Sul tema della gestione delle risorse, di una festa a Colico (Lecco) Maroni ha già preso spunto dalla consegna alla Procura di Milano del rapporto della società di revisione PriceWaterHouse sul bilancio 2011 per dire che se ne “terrà conto per riorganizzare il sistema di gestione contabile in modo adeguato”, dopo le criticità emerse in seguito alle inchieste giudiziarie.

PriceWaterHouseCooper, che dopo lo scandalo relativo ai fondi della Lega Nord era stata incaricata di svolgere una consulenza sul rendiconto del partito relativo al 2011, ha evidenziato “alcune criticità legate alla gestione pregressa”, ossia quella dell’ex tesoriere Francesco Belsito. Lo ha spiegato
il legale del Carroccio, l’avvocato Domenico Aiello, il quale ha precisato che la relazione della società di revisione sul rendiconto del 2011 (che verrà depositato in parlamento) verrà portata in Procura dagli avvocati del partito la prossima settimana: un assaggio richiesto anche dai pm, che nell’ambito delle indagini hanno visionato tutti i bilanci precedenti della Lega fino a quello del 2010.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

8 Comments

  1. maurizio ratti says:

    Certo che se le alternative alla Lega Nord nell’area autonomista-indipendentista sono rappresentate dai soggetti che commentano questo articolo siamo veramente sotto il minimo sindacale. Non sanno fare ne mezzo discorso ne mezza proposta costruttiva.

  2. Pao says:

    Che la Lega si senta parte lesa in questa storia dei fondi e di Belsito fa scompiscare dalle risate.
    Ma tutte quelle anime belle in Lega con incarichi di punta di “controllori”, di amministratori e compagnia bella (ministri, ex ministri, gente che “conta”, con nomi “importanti”), che cosa ci stavano a fare?
    Questa gente qui che doveva “fare” la Padania, non é riuscita neppure a tenere a bada un Belsito qualunque……e ora si sentono parti offese….ma va a da via i ciapp!

  3. rubattini says:

    Cosa vuol dire che chiudono la Padania di carta? E no, caspita e mica mi possono levarmi il piaere di usare le foto dei nostri amati leaders la mattina in bagno! Che cosa faccio mica posso usare le foto sul computer? E no, non è democratico, uno ha una abitudine e mica gliela puoi levare così…

  4. Jesse James says:

    Chi e’ questo Aiello? Chi lomhamportato nella,lega?

    • Unione Cisalpina says:

      se non sono imbranati x kongenita patologia d’imbecillità… sono senz’altro idioti … il responsabile è sempre il segretario… è inutile ke dikano “non sapevo, non c’ero, non vedevo” etc.

  5. petriccione says:

    Per inatnto la Padania continua ad ospitare il paginone di pubblicità agli appuntamenti di Miss Padania (quella che secondo Maroni non doveva più aver niente a che fare col partito….): La Lega ha una sola parola…..

  6. Unione Cisalpina says:

    dalla rosy a brigantì, da belsito ad aiello… alè la lega persevera… 😀 … ma kos’hanno in mente kueste teste lekkiste … D

Leave a Comment