La Lega Sud otterrà il Federalismo per il Nord?

lega-poltronadi MARIO DI MAIO – Gli indipendentisti lombardi e veneti hanno votato “si” ai rispettivi referendum di Maroni e Zaia per una maggiore autonomia delle 2 Regioni. Tuttavia in un futuro molto prossimo si renderà’ necessaria una seria riflessione in merito ai rapporti con la Lega ex Nord, finora caratterizzati da una sostanziale “belligeranza pacifica” condita di estemporanee convergenze su particolari questioni di indubbio interesse comune.

La novità’ e’ la svolta sovranista di Salvini che riguarda l’U.E. e gli Stati europei relativamente all’euro, alle politiche di regolazione dei confini e a quelle dell’accoglienza e rimpatrio dei presunti profughi.
Inoltre Salvini si spinge fin nel profondo Sud per reclutare consensi che aumentino il peso del partito a Roma, dove si appresta a governare possibilmente come premier.
E bisogna dargli atto che nonostante le bugie della sinistra meridionalista e fallimentare e della stampa che la sostiene, nei sondaggi di tutti non scende mai al di sotto del 15%(era partito dal 3%).
Pertanto, nel contesto attuale la “nuova” Lega va attentamente monitorata e quotidianamente incalzata affinché’ persegua finalmente un “autentico” federalismo fiscale e non solo fiscale a livello regionale sulla totalità’ dei territori della Penisola, introducendo, ove conveniente o necessario il meccanismo delle geometrie variabili.
Viceversa e’ pericoloso demonizzarla in campagna elettorale perché si corre il rischio di favorire indirettamente i pentastellati o anche Berlusconi, che rimane inaffidabile anche se in possesso di regolare partita I.V.A.
Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. giancarlo says:

    Poco importa se la Lega Sud otterrà o meno in parlamento l’autonomia del Veneto o della Lombardia.
    Forse no ci siamo capiti o qualcuno non vuole capire.
    Senza briglie e con più soldi il Vento e la Lombardia potrebbero salvare la baracca italiana.
    Forse la visione dei politici romani appare offuscata dato che non vedono più in là di un metro e di un anno.
    E’ solamente lasciando liberi di gestire al meglio le proprie economie ed il proprio apparato statale che le due regioni più importanti dal punto di vista del P I L darebbero speranza a questo paese del menga !!
    Quindi se in parlamento e nella trattativa tra regione Veneto e Lombardia tutto dovesse andare a putt…..
    ebbene sappiano tutti….il profeta parla nel deserto…..che il paese andrà a putt…..con l’aiuto anche della Germania che non vede l’ora di farci le scarpe definitivamente.
    Pace e bene uomini di orma senza un minimo di lungimiranza e senza un minimo di logica.
    WSM

Leave a Comment