La Lega si slega? I messaggi di Maroni a Salvini

maroni berghem

Sull’ipotesi di una possibile scissione all’interno della Lega proprio sul tema alleanze, Roberto Maroni precisa: “Non saro’ certo io a guidare un’eventuale scissione dentro la Lega, ma e’ una questione di coerenza politica. Diventa difficile stare contemporaneamente al governo con il centrodestra sui territori, nelle regioni, e all’opposizione con il centrodestra a Roma”. Auspico un’altra soluzione, prosegue Maroni ai microfoni di ‘6 su Radio 1′, “a ossia un governo di larghe intese che faccia la nuova legge elettorale e poi si puo’ tornare a votare. Dopodiche’ chi vince governa. Il problema con i Cinque Stelle non e’ che non hanno esperienza; il problema e’ che dicono cose che faccio fatica a condividere, come il reddito di cittadinanza, che e’ il piu’ forte incentivo a non cercare lavoro. Si e’ visto anche nelle elezioni con il risultato del Nord produttivo che vuole il lavoro vero e il risultato del Sud. Vorrei far prevalere la coerenza del governo dei territori rispetto a scorciatoie che rischiano di mandare a schiantare ma la decisione sara’ presa da Salvini e io la rispettero’ fino in fondo”

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. FIL DE FER says:

    Il rosatellum come era prevedibile ha colpito !!!
    La legge elettorale partorita dal PD è subito abortita.
    I furbacchioni come al solito hanno messo il paese nelle peste consci che avrebbero perduto le elezioni.
    Il gran compagno ALFANO ha invece preferito defilarsi per evitare di farsi un gran male e medita di far decantare qualche anno per poi ripresentarsi. Ma gli italiani non lo dimenticano………….farebbe meglio a starsene a casa e tornare a lavorare come molti altri politici.
    Quindi dobbiamo partorire un’altra legge elettorale e che sia intelligente e non stupida come il rosatellum.
    Mi chiedo se vedremo mai la fine di determinati partiti diventati essi stessi deleteri per il paese ?!!!
    W SAN MARCO SEMPRE !

  2. giancarlo says:

    Devo riconoscere che SALVINI sino ad ora sta procedendo in sordina e senza far chiasso.
    Bene.
    A distanza di tempo dalle elezioni oggi vedo solo una possibilità e cioè quella di mettere qualche cosa al suo posto e di ritornare a nuove elezioni.
    Ci si potrà accordare con il M5S per l’elezione dei Presidenti delle due camere, approvare una nuova legge elettorale e indire nuove elezioni. Qualsiasi altra cosa è pericolosa più per la Lega che per il M5S.
    Il PD a nuove elezioni dovrebbe perdere ancora terreno, così pure F.I. . Questi due partiti mi auguro che scompaiano piano piano dalla scena politica. Troppi danni e poca vera politica hanno fatto stando al governo.
    Il centro destra a nuove elezioni dovrebbe prendere quei voti che gli mancano per ottenere la maggioranza, se poi ci sarà un premio di maggioranza il gioco sarà fatto.
    E’ SALVINI che deve diventare Presidente del Consiglio. Deve essere messo alla prova e che nel centro destra nessuno tenti di frenarlo, rallentarlo, convincerlo a ambiare strada da quella che lui ha già tracciato.
    Forse sarebbe la volta buona che a parte la Flat tax al 15% e al 33%, controllo ed espulsioni clandestini,
    più sicurezza dappertutto e una buona dose di lavori per nuove infrastrutture e finalmente l’inizio di un federalismo mai veramente perseguito ci dia un paese diverso, migliore e più con la schiena dritta.
    WSM

Leave a Comment