La Lega e la cultura: abbasso l’intelligenza, viva la cadrega

 

terra insubredi GILBERTO ONETO – In un rifugio arroccato in cima alle Alpi lecchesi si è conclusa la cosiddetta Università dell’Estate organizzata da Terra Insubre. È stata la decima edizione di un evento che consolida il suo ruolo di raro (se non unico) strumento di didattica rivolto ai giovani del vasto e frantumato mondo autonomista e indipendentista. Da questa “scuola” sono negli anni passate molte centinaia di giovani che sono venuti a stretto contatto con studiosi, giornalisti e politici che hanno qualcosa da dire, trasmettere e insegnare. L’operazione avviene in stretta coerenza con la lunga attività dell’Associazione culturale Terra Insubre che è un caso speciale per durata, costanza e capacità operativa che travalica di molto i confini identitari delineati dalla sua ragione sociale.

Alcune considerazioni vanno fatte sulla vicenda e, soprattutto, sul ruolo giocato (o non giocato) dalla Lega nella cultura autonomista e nella sua diffusione nel mondo giovanile.

La prima, amara, constatazione riguarda il fatto che a nessuno dei frequentatori di questi eventi, ma neppure di associazioni culturali o di iniziative di qualità sia mai stato attribuito un ruolo di qualche rilievo all’interno del partito. Sembra anzi (ma più che una sensazione è una certezza) che chiunque sia sfiorato dal sospetto di simpatie o competenze culturali vada scrupolosamente tenuto lontano dai luoghi dove si decide e opera. Sembra (ma è un’altra granitica certezza) che per avere ruoli nel partito o nelle istituzioni si debba fare professione di olimpica ignoranza, si debba essere – per usare una espressione “sgarbata” – delle capre o essere abilissimi nel sembrarlo. La frequentazione con una larga fetta degli eletti e dei rappresentanti dell’attuale Carroccio è in questo senso imbarazzante, e certo non fa del bene al comune progetto di libertà. Chiedere  a questi “fratelli De Rege” informazioni sul federalismo, sull’identità padana o sull’essenza dell’autodeterminazione è come coinvolgere un paracarro in un simposio sulla filologia baltica.  Hanno trasformato lo slogan un po’ truculento ma non privo di un suo appeal di luciferino romanticismo “Abbasso l’intelligenza e viva la morte!” dell’eroe franchista Millan Astray  in un più pecoreccio – ma redditizio – “Abbasso l’intelligenza e viva la cadrega!”

La Lega ha sempre guardato con sospetto le associazioni culturali (con l’ovvia eccezione delle patacche belleriane) fino a osteggiarle duramente: se avesse impiegato contro gli avversari solo una porzione dell’energia messa a combattere La Libera Compagnia Padana, Terra Insubre, Raìse Venete, Dumà Nünch, Noste Rèis e cento altre iniziative minori, oggi la condizione politica generale sarebbe senz’altro migliore.

Si assiste a un caso unico nel panorama italiano, ma anche mondiale, di un movimento giovanile di un grande partito che non abbia una rivista, un giornalino, un bollettino ciclostilato su cui esprimere e dibattere idee: non c’è al mondo un’altra comunità giovanile di quella estensione che non critichi, ragioni, litighi, cerchi e ricerchi.

La Lega ha avuto (e ancora ha in parte) straordinarie occasioni e potenzialità di diffusione di cultura e di informazione, di fare propaganda e creare consenso: ha preferito distribuire milioni di gadgets piuttosto che libri, ha gettato risorse in Miss Padania, giri ciclistici, circhi, campionati di calcio  e festival della canzone, ha chiuso una casa editrice e due settimanali, ha ridotto un quotidiano e una televisione a patetici paciocchi, inquina una radio potenzialmente deflagrante con ufo, cagnolini, massacri linguistici e altro becerume. Poteva raggiungere milioni di persone, tutte le famiglie della Padania, tutti i luoghi di incontro; poteva distribuire idee, sollecitare e incanalare pulsioni, trasformare la protesta e il risentimento di una grande comunità in idee, sogni e progetti.

Oggi non serve sollecitare un partito di badanti, tesorieri e portavoce a diventare quello che non può essere. Serve  solo che ciascuno continui a fare la propria parte: questo giornale in primis, Terra Insubre e tutti gli altri operatori di buona volontà. Meglio ancora sarebbe inventarsi un coordinamento. Ma questa è un’altra storia.

 

(pubblicato il 1° settembre 2013 su l’indipendenza)

Print Friendly

Related Posts

2 Comments

  1. Giancarlo says:

    L’articolo è un capolavoro di analisi e di realismo.
    La Lega Nord ormai è un paritto politico italiota a tutti gli effetti.
    Ha tradito le proprie origini, ma forse è stata tutto un bluff creato da bossi ora minuscolo politico italiota.
    Tutti gli altri sono caregari dell’ultima ora e non saprebbero fare altro che i politicanti.
    Coloro che ancora li votano non hanno capito o non vogliono capire.
    Personalmente è già da diversi anni che come Veneto non voto più per nessun partito italiano perché mi ritengo Veneto al 100%. L’italiano me l’ho già lasciato alle spalle e credo fermamente nelle mie origini e nella mia cultura Veneta. L’italiano è la mia terza lingua ma forse diventerà la quarta.
    Nessuno mi convincerà mai e poi mai di credere o sperare nell’italia s’è ( addormentata) desta !!
    Aspetto con impazienza ma fermezza che faccia la fine che si merita e che come uomo libero mi tolga le catene che da troppi anni mi legano ad un sistema politico ed istituzionale fallimentare e furbesco per non dire di peggio.
    Gilberto se mi leggi, sappi che mi dispiacerebbe morire prima di vedere cosa succederà da qui a 5 anni.
    Tu forse lo sai già ma sarà sempre interessante vedere come i castelli costruiti in aria e non sulle roccie siano destinati a frantumarsi fragorosamente prima o poi !!
    WSM

  2. Rodolfo Piva says:

    Sempre lucido, preciso ed attualissimo il grande Gilberto purtroppo prematuramente scomparso. Grazie Gilberto.

Leave a Comment