La Lega come Ciampi

di ANGELO VALENTINOrepubblica_delle_banane

Il 2 giugno è passato da un pezzo. Per tutti è stato un lungo ponte. Per tutti si intende gli statali. Ma la memoria di tutti o quasi ha rimosso che il 2 giugno per anni non venne più celebrato. Una festività soppressa, così era stata chiamata, assieme a diverse altre.

Fu il presidente Ciampi a reintrodurla, dopo  che era stata trasformata in festa mobile nel 1977, legata alla prima domenica di giugno e soppressa assieme ad altre festività religiose.

Che sia stata una festa discussa lo dice il fatto che sulle sue alterne vicende fu scritto anche un libro (precisamente un saggio di Virgilio Ilari, «La parata del 2 giugno», in Il teatro del potere, a cura di S. Bertelli, Carocci editore) dedicato alla sfilata militare.

Infatti, dal 1950 e per 25 anni si trattò di una parata militare, per iniziativa del repubblicano Pacciardi, ministro della Difesa. Armiamoci e partite.

Ma il disinteresse, l’artificiosità della solenne cerimonia era così poco attecchita nella coscienza dei cittadini, che tanto valeva farne a meno e collocarla come la festa della mamma, la prima domenica che capitava del mese.

Poi, anche le sinistre non caldeggiavano per questa prova di muscoli, camionette e moschetti. Insomma, nessuno ne sentì alla fine la mancanza. E nel 1977 la festa nazionale venne abolita. Anzi, l’ultima edizione nel 1977 vide lo smantellamento in fretta e furia ai Fori Imperiali delle impalcature, per il timore che l’eversione rossa potesse guastare la festa.

Negli anni ‘ 80 fu  Craxi a ripristinare la parata, ma le contestazioni non mancarono e quindi venne fissata una cadenza  quadriennale all’evento, per salvare capra e cavoli. Ma, raccontano le cronache, ancora  nel 1992, accadde che le tribune in via dei Fori Imperiali venissero ancora una volta montate e di corsa smantellate. Suggerimento, dicono, di Scalfaro al ministro della Difesa. Non era opportuno. Era l’anno di Tangentopoli e del boom leghista. Non c’era molto da festeggiare per Roma. Lo Stato doveva solo che nascondersi. Si dovette arrivare a Ciampi per rivedere nel 2000 sfilare le forze armate e ricelebrare la Repubblica. E nel 2001 una legge ne sancì l’inviolabilità nazionale.

Da festa soppressa, come il Corpus Domini o il 19 marzo, la festa della Repubblica celebra così lo Stato, le sue formalità, la sua struttura. Immutata e immutabile, centralista. Festeggiamo i ministeri, gli apparati che reggono la Repubblica, fondata sui partiti e su un parlamento privo di sovranità. Da parata dell’esercito a parata del sistema. Così forte e importante da celebrare prima se stesso che i santi. E i nuovi idoli del popolo. Quest’anno c’era tutta la Lega in pompa magna tra tante bandiere e… banderuole.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. caterina says:

    Tra feste e parate coi pavoni del momento… si potrebbe sapere quanto grava in termini di costi? compresi quelli per il mancato lavoro/produzione, anche se per la produttivita’ degli statali non incident molto…

  2. Frico says:

    Bha, visti i risultati della passata politica bossiana non lo incenserei per nulla!

  3. mumble says:

    Il trasformismo salvinista è stato possibile solo in uno stato marcio, corrotto e fallito come questo.
    Un’operazione talmente goffa e teatrale, che se fosse avvenuta in qualunque altro paese, anche di semianalfabeti con problemi psichici, sarebbe fallita tra fischi, insulti, uova e pomodori.
    Qui il cazzaro blu è passato in pochissimi mesi, dal Sole delle Alpi al tricolore, dal Po alla Sicilia, dalla secessione al più volgare patriottismo meridionale, senza che nessuno dicesse beh.
    I leghisti si sono accodati silenziosi e speranzosi di poltrone, i sudisti lo hanno accolto senza prenderlo sul serio, come hanno sempre fatto: un bullo che si ammorbidisce davanti a quattro palazzinari che gli offrono una cena, possibilmente ben innaffiata con del buon vino….
    Bossi era un’altra cosa: è stato nelle stanze del potere per decenni, ma nessuno si è mai permesso di pensare che decidessero i faccendieri, i furbetti….

Leave a Comment