La Grecia approva: a casa 25.000 dipendenti pubblici

di REDAZIONE

Il parlamento greco ha approvato nella notte il controverso disegno legge che prevede, nell’ambito della riforma dell’amministrazione pubblica, un piano tra licenziamenti e cassa integrazione che coinvolge circa 25.000 dipendenti statali entro la fine del 2013.

Il provvedimento, approvato nel quadro degli interventi richiesti dalla troika per lo sblocco di una nuova tranche di prestiti, e’ stato approvato con 153 voti su un totale di 300 deputati. La votazione e’ avvenuta mentre migliaia di cittadini manifestavano fuori dal parlamento.

Dal canto suo, il ministro tedesco delle Finanze Wolfgang Schaeuble, proprio oggi in visita ad Atene, ha lodato i ”grossi passi avanti” compiuti dall’esecutivo ellenico dicendosi ”colpito” dal miglioramento dei conti. In occasione del suo arrivo nella capitale, la polizia ha blindato in via precauzionale la centralissima piazza Syntagma, teatro principale di proteste spesso degenerate in violenze. (

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

6 Comments

  1. Albert Nextein says:

    Non conosco i numeri esatti dei dipendenti pubblici italiani e greci.
    Se qualcuno qui li conosce , sarei curioso facesse una proporzione , in modo tale da conoscere quanti dipendenti italiani sarebbero da licenziare sulla base delle medesime prescrizioni fornite alla grecia.

  2. wavettore says:

    Dovrebbe essere chiaro.

    “Da simultanee rivolte sobillate in tanti Paesi Arabi l’unico a trarne beneficio sara’ infine lo Stato di Israele con l’espansione del proprio territorio
    mentre…..
    in Europa e negli USA, le risorse finanziarie “come magia” spariranno attraverso bailouts, tagli fiscali ed elaborate manovre di emergenza che saranno legiferate solo per apparire di beneficio a quei Paesi ma invece disegnate apposta per il loro collasso (eccetto l’Inghilterra che spingera’ l’Europa oltre il precipizio)

    E’ piu’ vicino di quanto non credi
    Dalla grande poverta’ arrivera’ il caos e l’anarchia mentre l’ingovernabilita’ preparera’ il palco per una Tirannia Mondiale.

    Sara’ proprio durante il caos che si innalzera’ una voce con la pretesa di sistemare tutto e tutti.
    Quella sara’ la biforcuta lingua di agenti del Nuovo Ordine del Mondo. “

    Esiste una singola Soluzione. Un nuovo tipo di governo: Comutalismo.
    Comutalismo e’ un nuovo concetto di Democrazia senza politici che e’ organizzato tramite Internet e che bilancia i bisogni dell’Individuo con il Rispetto dell’Uguaglianza.

    Il Comutalismo e’ strutturato per provvedere i beni necessari alla sopravvivenza di ognuno ed introdurre al tempo stesso una nuova e trasparente forma di Capitalismo per tutti quei beni che sono in eccedenza e non necessari, come in un Mercato Aperto alla competizione dei beni superflui.

    Al fine della trasparenza questo nuovo tipo di Capitalismo regolerebbe che ogni singola transazione di beni o servizi sia riportata sul Net per divenire visibile da chiunque (proprio come una fattura fiscale resa pubblica) e tassabile alla sua origine con una
    percentuale fissa per tutti.

    In un tale sistema, tutti i beni privati ed i loro proprietari come anche le transazioni valutarie ed i passaggi di proprieta’ privata dovranno essere pubblicamente riportati sul Net. Questo servira’ ai fini di prevenire illecite transazioni e poter stroncare la corruzione tramite l’immediato confisco di quei beni non riportati.

    Inoltre, per ridurrere l’Avidita’ e risanare l’equilibrio finanziario nel Mondo, bastera’ eliminare il concetto di eredita’. La proprieta’ privata della gente tornera’ allo Stato alla morte di ciascuna persona per poi essere messa all’asta fra tutti i cittadini. La gente potra’ spendere quanto vorra’ per educare i propri figli ma eredita’ e donazioni non saranno permesse.

    Una volta che la sopravvivenza sara’ garantita per tutti non ci sara’ piu’ il bisogno di essere tolleranti con il crimine come e’ invece necessario esserlo oggi quando lo stesso crimine e’ una conseguenza del nostro sistema corrotto.

    Nel Comutalismo, il diritto alla proprieta’ dovra’ essere protetto e garantito anche per quelli che vorranno lavorare e barattare il proprio Tempo per ottenere di piu’ delle basilari necessita’ provviste dal sistema.

    http://www.wavevolution.org/it/index.html
    http://wavevolution.blogspot.com/2008/10/passo-dopo-passo-verso-lultima.html
    http://it.wikiversity.org/wiki/Commutalism

  3. pippogigi says:

    In Spagna se ricordo bene avevano tolto la tredicesima ai 2.699.000 dipendenti pubblici. In italia, che di dipendenti pubblici ne ha ben 4.000.000 (di cui 1.000.000 in eccesso) invece abbiamo i sindacati che mettendo le mani avanti hanno già deciso che invece di dipendenti pubblici ne abbiamo pochi e non devono esserci tagli in quel settore….
    (Le voci di spesa pubblica più grosse sono le pensioni, già massacrate dalla Fornero, gli interessi sul debito pubblico intoccabili se non con dichiarazione di fallimento, la Sanità, il resto sono le cose per cui esiste lo Stato e si pagano le tasse, istruzione, esteri, difesa, giustizia, ecc.)

  4. Amedeo says:

    Sarebbe ora che anche in Italia ci si occupasse di licenziare un poco di fannulloni e scalda sedie della pubblica amministrazione, ma purtroppo nel nostro paese perde il lavoro solo il dipendente privato e l’imprenditore.

Leave a Comment