La Francia ripensa alla Tav. E la Torino-Lione diventa “inutile”

di REDAZIONE

La Francia intende riesaminare ed eventualmente rinunciare a dieci progetti di linee ferroviarie ad alta velocità, tra cui la Torino-Lione: è quanto riporta Le Figaro. “Lo Stato ha previsto una serie di progetti senza averne fissato i finanziamenti. Il governo non avrà altra scelta che rinunciare ad alcune opzioni”, ha dichiarato al quotidiano francese il ministro del Bilancio, Jerome Cahuzac.

Secondo il giornale, sotto esame anche la Torino Lione, a causa del costo elevato (12 miliardi) e del calo del traffico merci. Nella hit-parade delle linee ad alta velocità minacciate dai tagli della crisi, ci sono – tra l’altro – la Nizza-Marsiglia e la Torino-Lione, scrive ancora Le Figaro. In particolare, aggiunge il quotidiano, quest’ultima sarebbe “squalificata per il suo costo”. Ma anche dal calo registrato nel “trasporto merci, sceso a quattro milioni di tonnellate su quella tratta, contro gli undici milioni di tonnellate vent’anni fa, non gioca a favore di quel progetto”.

Clini: “Non mi risultano ripensamenti da parte francese”
Per il ministro dell’Ambiente, non c’è nessun ripensamento ufficiale sulla Tav Torino-Lione. “C’è un Comitato intergovernativo italo-francese che lavora su questo. Se verrà posto un problema di questo tipo ne parleremo. Ma non mi risulta” ha spiegato infatti Corrado Clini.

Governo Parigi: “Non trarre conclusioni affrettate”
Sull’eventuale stop del “progetto dell’alta velocità Torino-Lione non bisogna trarre conclusioni affrettate”. Lo riferisce all’Ansa una fonte del ministero del Bilancio francese, spiegando che per il momento non c’è alcuna rinuncia al progetto da parte di Parigi, ma solo “una missione che sta valutando la correttezza degli investimenti pubblici”.

Commissario Tav: “La Francia studia gli interventi come l’Italia”
La Francia sta studiando il “fasaggio” degli interventi sulla propria tratta nazionale della Tav Torino-Lione per selezionare gli interventi indispensabili da quelli differibili nel tempo, come ha già fatto l’Italia: lo riferisce il Commissario straordinario per la Tav, Mario Virano.

 Grillo: si accorgono che la Torino-Lione è inutile. Lo diciamo da anni

”In Francia oggi si accorgono che la Torino-Lione e’ inutile. Lo diciamo da anni. E i manifestanti No Tav sono ancora in carcere senza processo”. Lo scrive Beppe Grillo su Twitter. Il fondatore del Movimento 5 Stelle, fortemente contrario alla linea ad alta velocita’ Torino-Lione, afferma: ”Un Paese che ci spreme come limoni butta nel cesso 22 miliardi per un buco inutile? Allora vuol dire che la Tav e’ molto utile a qualcuno”. E ancora, Grillo denuncia: ”I cittadini della Val di Susa vengono trattati alla stregua di terroristi perche’ difendono il territorio dall’insensata Torino-Lione”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

9 Comments

  1. silvia garbelli says:

    E per ribadire che non è ‘il solito giudizio di parte’ contrario all’inutile spreco, riporto il link apparso oggi, 13 luglio 2012 , su ‘Il Sole 24ORE’ :

    http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2012-07-13/francia-prima-frenata-064337.shtml?uuid=Abx2Q56F

    Si spera sia davvero la ‘frenata prima della sosta definitiva’ : solo i danni ambientali finora arrecati dallo stato italiano sono da denuncia alle Corti umanitarie internazionali !

  2. dario catti says:

    E pensare che i vari governi italici che si sono succeduti in questi ultimi vent’anni, hanno confermato che dei 57 km di doppio tunnel sotto le Alpi, anche se il 40% è in territorio piemontese ed il 60% in territorio savoiano, l’italia tutta si sarebbe fatta carico dei costi nel rapporto invertito, cioè 60 a 40, purchè si iniziasse l’opera, attenzione, non che si portasse a termine nei tempi e con i costi preventivati, ma che si iniziasse, insomma, che il banchetto avesse inizio.
    Non sarà così, la nostra è una lotta lunga, dura, estenuante, portata avanti con il caldo torrido e con il gelo, autofinanziata e senza appoggi partitici, la distruzione economica-ambientale del progetto TAV non avverrà. In Valle di Susa, l’obiettivo era ed è chiaro, difendere il territorio a 360°, con un movimento trasversale dal punto di vista ideologico. Pensate, anche i compagni e gli ex-compagni si sono comportati da autonomisti e non se ne sono accorti….
    Saluti
    Dario Catti

  3. Salvo says:

    ridicoli tutti ( i governi italiani)

  4. silvia garbelli says:

    E beh, è chiaro che laddove si usa tenere in giusta considerazione il buon senso, la logica di evitare i veri sprechi come la linea Tav o TGV e non ultimo il rispetto della volontà e il ‘portafoglio’ dei cittadini, come la Francia ha dimostrato finora, la realtà dei fatti risulta molto diversa da quella che i vari e ‘multicolori’ governi italiani hanno finora costruito.
    Purtroppo, anche grazie alla vasta schiera di
    ‘opportunisti’ riscontrabili in tutti i settori del sistema politico e mediatico, a eccezione del Movimento 5Stelle, si lascia credere il contrario di quanto si dovrebbe sapere. Di questo contesto fa ovviamente parte la ‘demonizzazione’ del Movimento No Tav…nella tradizione della miglior ‘disinformatsia’. Onore dunque al merito di questo sito, che si discosta dalla generale tendenza informativa.

    Per approfondimento segnalo i link qui sotto :

    http://fr.reuters.com/article/topNews/idFRPAE86A01U20120711

    http://www.rff.fr/fr/gestion-page-d-accueil/accueil/actualites/grande-vitesse-3-grands-projets-en-marche

    Grenelle Environnement

    • Giacomo says:

      Ben detto.

      • lombardi-cerri says:

        Il trasporto ad alta velocità, data la conformazione geografica italiana , non serve e non servirà mai.
        Serve,eccome, potenziare e rendere efficiente il trasporto a velocità normale (specie per i pendolari, con la trasformazione delle linee ad una certa distanza dalle città primcipali, in linee metropolitane)).
        Per quanto riguarda la Torino -Lione guardatevi l’elenco delle ditte partecipanti e capirete tante cose.

        • giordano colleoni says:

          “Per quanto riguarda la Torino -Lione guardatevi l’elenco delle ditte partecipanti e capirete tante cose”. Esattamente!

Leave a Comment