La Francia non festeggia il suo nuovo santo: fu ucciso per non aver giurato sulla Costituzione della Rivoluzione francese. Parigi oggi come ieri

francia

No all’omaggio al santo ‘contro-rivoluzionario’: secondo il settimanale francese Le Canard Enchaine’, sempre molto ben informato sui retroscena dell’Eliseo e della politica francese, il ministro dell’Interno e dei Culti, Bernard Cazeneuve, ha rifiutato di andare a Roma per la messa di canonizzazione di sette nuovi santi, tra cui il prete francese Salomone Leclercq (1745-1792). Il Canard spiega che nel 1791 Leclercq rifiuto’ di prestare giuramento alla costituzione civile del clero. Fini’ assassinato con altri 166 religiosi nei ‘massacri di settembre’ del 1792. “E’ un po’ una cerimonia contro la Rivoluzione francese”, avrebbe commentato il laicissimo Cazeneuve, sempre citato dal giornale. Invito declinato per gli stessi motivi anche dal collega responsabile per gli Affari Esteri Jean-Marc Ayrault. Alla fine a rappresentare la Francia nella cerimonia di domenica scorsa c’e’ andata la ministra dell’Ambiente, Se’gole’ne Royal.

Print Friendly

Articoli Recenti

1 Commento

  1. caterina says:

    come fanno i francesi ad essere orgogliosi dei crimini che hanno commesso!… una follia collettiva, l’ISIS di allora… e il tragico è che han trovato proseliti dappertutto, anche fra popoli che avevano elaborato moderazione nelle pene e consultazioni dai sedili popolari…
    Dalla Francia partì l’ondata che sconvolse l’Europa intera, di cui c’è poco di che vantarsi… stravolti dall’uragano Napoleone, non c’è più stata fine alle tragedie di guerre e teste mozzate…
    Libertè fraternitè égalité sembra una presa per i fondelli che dura ancora oggi…

Lascia un Commento